Tiscali.it
SEGUICI

“Povere Creature!” di Yorgos Lanthimos: la mostruosa emancipazione di Bella Baxter

di Italia Libera   
“Povere Creature!” di Yorgos Lanthimos: la mostruosa emancipazione di Bella Baxter

Dopo essersi aggiudicato il Leone D’oro a Venezia, l’opera di Yorgos Lanthimos è arrivata nelle sale il 25 gennaio. Narra le vicende di Bella Baxter (Emma Stone), un’adulta che si muove e parla come una bambina nella casa surreale del dottor Godwin Baxter (Willem Dafoe). Scappando con Duncan Wedderburn (Mark Ruffalo), uomo libertino e senza scrupoli, Bella viene sedotta a compiere un viaggio di scoperta della propria sessualità. Il film è l’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di Alasdair Gray, testo surrealista di forte critica sociale che diventa terreno fertile per le capacità creative del regista greco

◆ La recensione di GIULIA FAZIO

► Nel film di Yorgos Lanthimos, Bella Baxter (Emma Stone) è un’adulta che si muove e parla come una bambina nella casa surreale del dottor Godwin Baxter (Willem Dafoe). L’evoluzione delle sue facoltà motorie e cognitive è il cardine essenziale della sua progressione in quanto individuo che, attraverso gli insegnamenti recepiti e l’osservazione sistematica, riesce a “creare” la persona che diventerà. Se la creatura del dottor Frankenstein veniva ripugnata dal suo stesso “padre”, qui è Godwin ad essere il mostro e Bella la sua bellissima creatura. Il mostro di Frankenstein evoca un abominio, il profondo timore di aberrazione e sovvertimento di un determinato ordine, ma esso diviene anche il depositario delle caratteristiche prometeiche, facendosi carico egli stesso di aprire nuovi orizzonti per l’umanità.

Ciò che rende Bella mostruosa è il suo desiderio di libertà, la propensione all’anticonformismo e la naturalezza con cui rifiuta e non comprende i dettami restrittivi e ipocriti della società. Bella è il prodotto della sperimentazione di Godwin e del trapianto del cervello del feto che portava in grembo. Emerge presto in lei il desiderio naturale di constatare la realtà fuori dalle mura di casa Baxter e scappa con Duncan Wedderburn (Mark Ruffalo), uomo libertino e senza scrupoli, che la seduce in un viaggio alla scoperta del mondo e dei piaceri sessuali. I luoghi in cui giungono sfuggono alla realtà e si addentrano nel territorio del fantastico e del simbolico, diventando le tappe del percorso di formazione della protagonista.

Le immagini in bianco e nero si tingono così di colori vivaci, segnalando il nuovo orizzonte conoscitivo intrapreso. A Lisbona, Bella inizia un progressivo distaccamento dall’autoritario e possessivo amante che, non sopportando la sua sete di conoscenza, tenterà di recluderla in una nave da crociera per poter esercitare un maggiore controllo. Nonostante gli atti violenti perpetuati da Duncan, la donna respinge le sue pretese e forma delle amicizie utili alla legittimazione della propria indipendenza. Lo spettatore per tutta la narrazione percepisce le cose con gli stessi occhi ingenui di Bella; con e attraverso lei riscopriamo le verità sostanziali dell’esistenza.

Tappa fondamentale del percorso verso l’emancipazione è Parigi: città gotica e futurista in cui Bella scopre la prostituzione e la produzione di guadagno tramite l’utilizzo dei propri mezzi. Con l’irriverente ironia che permane per tutta la narrazione, Lanthimos pone il bordello come l’ambiente ideale per possibilità emancipatorie. Nel successivo rientro di Bella a Londra a causa della malattia di Godwin, la donna è profondamente cambiata rispetto alla sua partenza, e gli eventi che seguono ne sono la conferma.

L’emancipazione si ottiene grazie alla fondamentale capacità dell’individuo di sfuggire alle costrizioni sociali tramite l’autodeterminazione. Ed è per questo che Povere creature! è uno straordinario racconto gotico che cattura per la sorprendente bellezza visiva, la bravura degli interpreti e la regia visionaria, ma soprattutto per la narrazione fortemente contemporanea. Bella rappresenta tutte le creature straordinariamente anarchiche nella cui alterità risiede la bellezza.

di Italia Libera   

I più recenti

Chi è stato Alexej Navalny, l’eroe controverso e senza truppe morto nel gulag siberiano di Putin
Chi è stato Alexej Navalny, l’eroe controverso e senza truppe morto nel gulag siberiano di Putin
Di altri manganelli. Quella manifestazione a Bologna che Dario Fo salvò dal rischio di violenze
Di altri manganelli. Quella manifestazione a Bologna che Dario Fo salvò dal rischio di violenze
1/ Boschi, foreste e tagli abusivi. 11 milioni e mezzo di euro di sanzioni, 13mila trasgressori, 700 denunciati
1/ Boschi, foreste e tagli abusivi. 11 milioni e mezzo di euro di sanzioni, 13mila trasgressori, 700 denunciati
“Ossa rotte, manganellate gentilmente ricevute”: l’esito di un corteo studentesco pacifico a Pisa
“Ossa rotte, manganellate gentilmente ricevute”: l’esito di un corteo studentesco pacifico a Pisa

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...