Tiscali.it
SEGUICI

Pirandello all’Istat. Lavoro povero e precariato: la realtà irrompe sulla sua rappresentazione  

di Italia Libera   
Pirandello all’Istat. Lavoro povero e precariato: la realtà irrompe sulla sua rappresentazione  

Mentre a Montecitorio il presidente designato (e facente funzione da un anno e mezzo), Francesco Maria Chelli, presentava il Rapporto Istat 2024 che «illustra la complessità del presente ma anche degli scenari evolutivi, individuando i punti di forza e le criticità per delineare alcune delle aree di intervento per le politiche di sviluppo», i rilevatori precari che hanno raccolto i dati hanno protestato davanti alla sede dell’Istituto. Denunciano quella stessa precarietà e il lavoro povero di cui sono vittime come ex personale Ipsos da anni con contratto di Co.co.co. sebbene impiegati nelle due grosse indagini nazionali che rilevano dati strategici per il Paese. «Una situazione che grida vergogna», denunciano i sindacati di categorie di Cisl, Cgil e Uil

◆ L’articolo di IVO LEONE

► Il Rapporto Annuale 2024 dell’Istat è la fotografia con cui l’Istituto di Statistica nazionale racconta le dinamiche socio-economiche del Paese. Nel 2023 l’Italia ha recuperato il livello di Pil del 2007, ma solo al Nord. Dietro la crescita dell’occupazione, ci sono 4,2 milioni di potenziali lavoratori “inutilizzati”, soprattutto donne e giovani, residenti nel Mezzogiorno. Il potere d’acquisto dei salari lordi è crollato del 4,5% negli ultimi 10 anni. Tra i dati rilevati, c’è quello che concerne la crescita delle persone in povertà assoluta: il 9,8% della popolazione rientra in questa fascia e, contemporaneamente, si è ampliata la distanza tra le famiglie più e meno abbienti. La percentuale è più alta di tre punti rispetto al 2013 e l’incremento ha riguardato principalmente i cittadini in età lavorativa. L’Istat sottolinea, infatti, come il reddito da lavoro – soprattutto quello da lavoro dipendente – non sia più in grado di tutelare le persone dal disagio economico. Cresce, cioè, il lavoro povero, working poor, che riguarda in particolare gli operai, per i quali l’incremento è stato più rapido: in dieci anni, si è passati dal 9% del 2013 al 14,6% nel 2023

In estrema sintesi è questo il quadro illustrato dal neo presidente designato Francesco Maria Chelli mercoledì 15 maggio a Montecitorio. Nello stesso momento, i 400 rilevatori precari che hanno lavorato nei mesi scorsi per raccogliere ed elaborare i dati esposti in Parlamento denunciavano il loro stesso impoverimento e la loro precarietà davanti alla sede dell’Istat. «La situazione grida vergogna, chiediamo a Istat, Parlamento e Governo di intervenire: è necessario e urgente aprire tavolo di confronto su futuro occupazionale di 400 collaboratori storici», denunciano Felsa Cisl, NidiL Cgil, Uiltemp. Un personale storicamente precario ex Ipsos in lotta, che ora rischia di restare a casa, dopo aver subito un calo conistente e drastico dei compensi. La società Csa, in raggruppamento con Emg e Intellera, si è difatti aggiudicata l’appalto con un ribasso del 30% e, da mesi, ignora gli appelli del sindacato per individuare una soluzione di prospettiva per le lavoratrici e i lavoratori.

«È necessario aprire subito un tavolo di confronto», chiedono Felsa Cisl, NidiL Cgil e Uiltemp: «bisogna tutelare la professionalità, l’esperienza e la continuità lavorativa dei circa 400 rilevatori Istat, da anni con contratto di Co.co.co. sebbene impiegati nelle due grosse indagini nazionali che rilevano dati strategici per il Paese». E sollecitano da tempo un intervento diretto dell’Istituto «chiamato ad assumersi le sue responsabilità politiche in quanto soggetto pubblico». E, come nel teatro di Pirandello (“Sei personaggi in cerca d’autore”), la realtà del precariato irrompe sulla scena della rappresentazione della precarietà: «Proseguiremo la nostra azione mettendo in campo azioni di mobilitazione e di sciopero, con tutti i lavoratori e le lavoratrici per decidere insieme quali saranno i passi successivi. Non ci fermeremo», concludono i sindacati.

di Italia Libera   
I più recenti
La Totiana di Alatri. Una mostra e un libro per entrare nel mondo “coSmunista” di Gianni Toti
La Totiana di Alatri. Una mostra e un libro per entrare nel mondo “coSmunista” di Gianni Toti
“Fuga in Normandia” di Parker: l’ultima avventura dei premi Oscar Michael Caine e Glenda Jackson
“Fuga in Normandia” di Parker: l’ultima avventura dei premi Oscar Michael Caine e Glenda Jackson
“C’era una volta in Bhutan” di Pawo Choyning Dorji: dove tutti sono poveri, ma nessuno è infelice
“C’era una volta in Bhutan” di Pawo Choyning Dorji: dove tutti sono poveri, ma nessuno è infelice
L’Europa invecchiata e la guida politica che manca: servono nuove idee (e servono in fretta)
L’Europa invecchiata e la guida politica che manca: servono nuove idee (e servono in fretta)
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...