Tiscali.it
SEGUICI

“Non abbandonate il futuro”. Conte risponde all’appello: «Lavoriamo insieme per cambiare passo»

di Italia Libera   
“Non abbandonate il futuro”. Conte risponde all’appello: «Lavoriamo insieme per cambiare passo»

«Sono felice di potervi incontrare ed aprire un confronto». Giuseppe Conte, leader del MoVimento 5 stelle, ha risposto subito all’appello “Non abbandonate il futuro”, pubblicato ieri su “Italia Libera” a cura di quattro tra i maggiori esperti di energia del Paese (Gianni Mattioli, Vincenzo Naso, Massimo Scalia, Gianni Silvestrini) rivolto ai due leader delle due più importanti forze politiche del centrosinistra, Pd e M5S. C’è un’occasione da non perdere, e una necessità da affrontare, chiedono i quattro scienziati a Elly Schlein e Giuseppe Conte: «Ci rivolgiamo a voi nella speranza che diate vita a un grande progetto per la riconversione ecologica». E Conte sottoscrive il senso di un percorso da fare insieme, coinvolgendo la società civile, perché — avverte l’ex premier — l’alternativa alla transizione ecologica è l’agonia di un «penoso, agonizzante, matematico declino»

La risposta di GIUSEPPE CONTE, presidente del MoVimento 5 Stelle

Carissimi Professori,

accolgo la vostra missiva con grande piacere e sono ben felice di incontrarvi e di aprire un confronto per discutere su temi che sono di rilievo prioritario tanto per voi quanto per me.

La riconversione ecologica dell’economia e della società è un impegno che il MoVimento 5 Stelle si è assunto fin dalla sua nascita. La nostra anima ambientalista non l’abbiamo mai nascosta, è parte fondante del nostro Statuto e ha guidato le nostre azioni. Da quando ci siamo insediati in Parlamento, i temi ambientali sono entrati stabilmente nell’agenda politica e si sono tradotti in numerose iniziative concrete. Penso alle comunità energetiche, al Superbonus, alla spinta alle misure per la riqualificazione del patrimonio edilizio, ai decreti end of waste e a quelli per promuovere la mobilità dolce, per recuperare le aree industriali dismesse, per finanziare la messa in sicurezza dei territori contro il dissesto idrogeologico, per istituire le aree marine protette. Siamo sempre stati contrari a un ecologismo da salotto, e in modo convinto abbiamo sostenuto, non solo nelle Aule parlamentari, queste battaglie a favore di una transizione, come quella ecologica, che crediamo rappresenti una opportunità epocale di sviluppo e di impulso.

Sul piano delle politiche energetiche, abbiamo sempre promosso e sostenuto la decarbonizzazione delle attività produttive, avendo ben chiari gli obiettivi climatici e sentendo una stringente responsabilità di agire in fretta. Tutto questo nella convinzione che approvvigionamenti energetici puliti siano strumento di resilienza ed equilibrio geopolitico.

Anche sul RepowerEe, siamo stati i primi a chiedere conto e ragione all’attuale Governo su quali progetti intendesse sostenere per far sì che le risorse a disposizione non venissero “distratte” verso le fossili. La Commissione europea ha esplicitamente invitato gli Stati membri a utilizzare queste risorse su rinnovabili ed efficienza energetica, ma il dibattito aperto dal Governo ha coinvolto solo i soliti grandi noti, tagliando fuori tutto il mondo industriale dell’efficienza energetica e delle rinnovabili. Sul tema abbiamo già presentato una mozione alla Camera dei Deputati e abbiamo già in programma di incontrare tutti i protagonisti di questo percorso e gli stakeholder di settore, per aprire un confronto trasparente su un aspetto che riteniamo di fondamentale importanza per la transizione energetica.

Tutto questo non lo rammento per giustificarmi, ma per ricordare, anche a me stesso, quanto abbiamo portato avanti finora. E anche oggi che siamo all’opposizione non ci fermiamo, ma continuiamo le nostre battaglie.

Mi auguro che questo nostro incontro possa essere il primo di tanti che seguiranno. Come MoVimento 5 Stelle riteniamo indispensabile che tutta la società civile torni a parlare con forza delle soluzioni concrete per “cambiare passo” in senso positivo e compiere, pertanto, quella transizione ecologica che è l’unica strada per garantire all’umanità un futuro. Perché senza sostenibilità non ci sarà futuro, nemmeno per l’economia, ma solo un penoso, agonizzante, costoso, matematico declino.

Roma, 14 aprile 2023

Clicca qui per leggere il testo integrale della lettera aperta di Mattioli, Naso, Scalia e Silvestrini pubblicata il 13 aprile

© RIPRODUZIONE RISERVATA

di Italia Libera   
I più recenti
Premierato ed autonomia differenziata: il governo macina le sue riforme con metà Italia alla finestra
Premierato ed autonomia differenziata: il governo macina le sue riforme con metà Italia alla finestra
Ricerca, biosicurezza e “dual use”: oggi il buon senso non basta più e i codici etici sono da rivedere
Ricerca, biosicurezza e “dual use”: oggi il buon senso non basta più e i codici etici sono da rivedere
Transizione green e veicoli elettrici: lo spostamento a destra ci costerà 20 miliardi di euro in più
Transizione green e veicoli elettrici: lo spostamento a destra ci costerà 20 miliardi di euro in più
“Ma io ti ho sempre salvato”, il saggio autobiografico di Luciano Violante sul «rispetto per la vita»
“Ma io ti ho sempre salvato”, il saggio autobiografico di Luciano Violante sul «rispetto per la vita»
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...