Tiscali.it
SEGUICI

Nel Parco d’Abruzzo gli alberi non sono legna da ardere: «la Pineta Zappini non si tocca!»

di Italia Libera   
Nel Parco d’Abruzzo gli alberi non sono legna da ardere: «la Pineta Zappini non si tocca!»

Si intensifica la mobilitazione del Comitato Civico di Villetta Barrea con oltre mille firme già raccolte per la Petizione pubblicata su Change.org. Contro il taglio del Pino nero, specie autoctona di conifera, si è espressa anche la scrittrice Dacia Maraini. Di seguito l’appello del Direttore onorario di “Italia Libera” Vittorio Emiliani

ROMA, 18 SETTEMBRE 2022 (Red) — Tremila e quattrocento esemplari di Pino nero (Pinus Nigra, subsp. nigra var. italica), specie autoctona di conifera, sono destinati ad essere abbattuti a Villetta Barrea nella Pineta Zappini. Lo ha deciso l’Ente Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise. Contro questo dissennato progetto il Gruppo di Intervento Giuridico (Grig) ha chiesto l’accesso civico agli atti e la Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Aquila ha sottolineato — nella risposta — che, senza il proprio parere, non si può legittimamente tagliare nemmeno un albero. La Pineta Zappini è, difatti, tutelata con vincolo paesaggistico e rientra nella Zona Speciale di Conservazione (ZSC) e nella Zona di Protezione speciale (ZPS). «I tagli previsti dal progetto del Parco appaiono tutt’altro che necessari e, per giunta, sono dannosi in quanto potrebbero costituire un serio pericolo ambientale e per la difesa del suolo», denuncia il Comitato Civico di Villetta Barrea. «A 100 anni dalla nascita del Parco Nazionale d’Abruzzo — aggiunge con amarezza il Comitato Civico — assistiamo a un grande cambiamento storico: ad intervenire per la conservazione dell’ambiente sono in prima linea i cittadini, che si contrappongono con tenacia al progetto dell’attuale gestione dell’Ente Parco». Una decisione strabiliante da fermare con una mobilitazione democratica subito.

L’appello di VITTORIO EMILIANI, per “Italia Libera” e “Comitato per la Bellezza”

«A VILLETTA BARREA un progetto predisposto dall’Ente Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e finanziato dal ministero della Transizione Ecologica — l’ex ministero dell’Ambiente, stravolto dal ministro Roberto Cingolani anche nella funzione di tutela della natura e del territorio — intende effettuare un taglio di ben 3.410 Pinus nigra che rischia di produrre danni a livello botanico, idrogeologico, e paesaggistico. Uno scempio dissennato e illegittimo nel cuore stesso del Parco nazionale, il secondo d’Italia a essere istituito storicamente con sede a Pescasseroli sotto la spinta della famiglia Sipari da cui proveniva per parte di madre Benedetto Croce ministro prima del fascismo e da questo duramente avversato. Una decisione strabiliante assunta dall’Ente che dovrebbe tutelare l’equilibrio ecologico del territorio. A quanto è dato sapere, i 3.400 alberi da abbattere sarebbero destinati a diventare legna da ardere per un impianto a biomasse, fra le centrali più inquinanti che esistano. Una autentica follia contro la quale stanno insorgendo associazioni, comitati civici, semplici cittadini, che chiedono di essere sostenuti a tutti i livelli per impedire l’incredibile scempio. È quello che noi di “Italia Libera” facciamo con grande energia e passione in ogni circostanza e chiediamo ai nostri lettori di mobiliarsi subito a tutti i livelli, dal locale, al regionale, al nazionale perché questo autentico delitto ambientale non venga consumato. Sarebbe gravissimo».
Chi intende aderire segnalando iniziative e prese di posizione (di cui daremo conto sul nostro giornale), può scrivere a: redazione@italialibera.online; si può sottoscrivere direttamente la Petizione promossa dal Comitato Civico di Villetta Barrea su Change.org (clicca il link per farlo subito: https://www.change.org/p/pnalm-boschi-a-rischio-parco-taglia-3410-pini-neri-sottoscrivi-salva-la-pineta-di-vil), già firmata da più di mille cittadini

di Italia Libera   
I più recenti
“Il caso Goldman” di Cédric Khan, una storia vera tra ordine costituito e ordine contestato
“Il caso Goldman” di Cédric Khan, una storia vera tra ordine costituito e ordine contestato
L’“Ultimo” dei giovani: il voto, il non voto e la giusta “ansia da futuro” che apre la mente al dubbio
L’“Ultimo” dei giovani: il voto, il non voto e la giusta “ansia da futuro” che apre la mente al dubbio
11/ Visti da vicino. «Françoise Hardy e quella volta che feci da scudo protettivo alla sua vocina»
11/ Visti da vicino. «Françoise Hardy e quella volta che feci da scudo protettivo alla sua vocina»
Amleto va per farfalle tra erba alta, biodiversità e decoro. Sfalcio o non sfalcio, è questo il...
Amleto va per farfalle tra erba alta, biodiversità e decoro. Sfalcio o non sfalcio, è questo il...
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...