Tiscali.it
SEGUICI

“Loony Prince” è diventato Carlo III: l’ex Principe Picchiatello modernizzerà la Corona inglese

di Italia Libera   
“Loony Prince” è diventato Carlo III: l’ex Principe Picchiatello modernizzerà la Corona inglese

Se volete capire che Re sarà Carlo III ricordatevi delle immagini di oggi, quando arriva a Buckingham Palace e stringe mani per cinque minuti di fila, sorride, si lascia persino baciare da una donna. Si tuffa in un bagno di folla, solo, senza Camilla. Tocca decine e decine di mani lui che si faceva portare in giro la sua tazza del water per ragioni igieniche. Mai successo nella lunga storia della Corona inglese. Ve la vedete Elisabetta farsi schioccare un bacio addosso? Chi l’ha detto  che il suo regno sarà di semplice e banale transizione, in attesa che l’amato, perfetto, supermediatico William subentri finalmente a Buckingham Palace?

Il colpo di Tacco a spillo di DANIELA TAGLIAFICO
DIMENTICATEVI DI QUANDO lo chiamavano “Loony Prince”, cioè il “Principe picchiatello”, quando nello spiegare la sua passione botanica confessò di avere l’abitudine di parlare alle piante.

Dimenticatevi di quando dicevano che era uno snob spendaccione che si fa portare la sua personale tazza del water nei suoi viaggi, che si fa spruzzare da un valletto il dentifricio sullo spazzolino e servire il gin tonic solo con ghiaccio a palline e mai a cubetti.

Dimenticatevi dei “black spiders memos”, le lettere con cui l’allora Principe Carlo inondava i ministeri di “richieste e ammonimenti”, ad esempio quando riuscì a bloccare l’allargamento della National Gallery a Trafalgar Square, definendo il progetto come “un mostruoso foruncolo sulla faccia di un amico molto amato”.

Dimenticatevi dei finanziamenti incautamente accettati da personaggi discussi come Bin Salman anche se erano a fin di bene per le sue organizzazioni umanitarie.

Dimenticatevi del suo matrimonio fallito che Diana, notoriamente, definì “un pò affollato”, dimenticatevi di quando fu intercettato sussurrando a Camilla che voleva “essere il suo Tampax” per restare sempre assieme a lei. 

Dimenticatevi di Carlo bambino che non ha mai ricevuto un bacio in pubblico dalla madre, Carlo che a 5 anni viene affidato alle cure della tata mentre la mamma, la Regina, è all’estero per un lungo viaggio intorno al mondo, Carlo ragazzo fragile, bullizzato a scuola, Carlo uomo che si porta addosso un irrisolto complesso di Edipo. Reale, però. Carlo il debole, che ostinandosi a frequentare Camilla non ha saputo “mettere il dovere di fronte all’amore”, come avrebbe voluto Elisabetta, Carlo che la rivista Time nel 2013, riferendosi al debole legame coi suoi sudditi, definì “Il principe dimenticato”.

Ricordatevi invece le parole che disse in occasione del suo settantesimo compleanno: “non sono stupido, so che il ruolo del monarca è molto diverso”.

E allora se volete capire che Re sarà Carlo III incollatevi le  immagini di oggi, primo giorno di lavoro e di lutto, quando arriva a Buckingham Palace e stringe mani per cinque minuti di fila, sorride, si lascia persino baciare da una donna. Si tuffa in un bagno di folla, solo, senza Camilla. Tocca decine e decine di mani lui che si faceva  portare in giro la sua tazza del water per ragioni igieniche.

Mettete da parte tutto questo.

Se volete capire che Re sarà Carlo III incollatevi le immagini di oggi, primo giorno di lavoro e di lutto, quando arriva a Buckingham Palace e stringe mani per cinque minuti di fila, sorride, si lascia persino baciare da una donna. Si tuffa in un bagno di folla, solo, senza Camilla. Tocca decine e decine di mani lui che si faceva portare in giro la sua tazza del water per ragioni igieniche.

E dopo, raggiunto da Camilla, sfila davanti a mazzi di fiori e biglietti ai piedi della cancellata di Buckingham Palace. Si sofferma, indica con gesto delicato e dolente i segni del cordoglio dei sudditi. I suoi sudditi, da oggi.

Mai successo nella lunga storia della Corona inglese. Ve la vedete Elisabetta farsi schioccare un bacio addosso?

Eccolo l’ex Principe dimenticato, che a 74 anni compie finalmente il destino che la storia gli aveva assegnato. E per il quale si era preparato. Anche quando faceva l’ecologista ante litteram, il giocatore di polo, l’acquerellista, il pilota, lo sciatore, il cultore di arte rinascimentale e islamica, l’appassionato di architettura. Ma  soprattutto il figlio che doveva emanciparsi dalla pesantissima ombra protettiva della madre. 

Chi l’ha detto che il suo regno sarà di semplice e banale transizione, in attesa che l’amato, perfetto, supermediatico William subentri finalmente a Buckingham Palace?

Chi ha detto che l’ex Principe Picchiatello non riuscirà nell’impresa di modernizzare la monarchia, renderla più dinamica, salvaguardando la tradizione?

È un uomo ostinato e tenace Re Carlo III e lo ha dimostrato riuscendo ad ottenere dalla Regina una grande concessione: l’amata Camilla sarebbe diventata, al momento della successione, “Sua Maestà Regina Consorte”.

E infatti, nel discorso di insediamento, registrato oggi pomeriggio e andato in onda alle 19, la cita Camilla, “l’amorevole moglie Camilla”, “mia Regina Consorte”.

La cita mentre ribadisce il suo messaggio di continuità: servirò il mio paese per tutta la vita, riflettendone tutti i cambiamenti, dice in sostanza, riferendosi anche alla multietnicità. Amore per la tradizione, convinzione nel progresso, continuità, unità della famiglia, William che sarà Principe del Galles e aspetterà il suo momento, coi suoi doveri, come ha fatto lui, Harry e Meghan che “continueranno a costruire la loro vita al di là dell’oceano”. 

Monarca e papà. E figlio, con quella parola che esce ripetutamente dalle sue labbra, che accompagna i suoi occhi azzurri commossi nei dieci minuti di discorso: mamma. “My darling mama”. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Finalmente Carlo III!  

di Italia Libera   
I più recenti
Il monumentale “Horizon” di Kevin Costner non delude gli appassionati del vecchio West
Il monumentale “Horizon” di Kevin Costner non delude gli appassionati del vecchio West
Il letargo su Roma. Quale ruolo per l’informazione: è ora di suonare la sveglia delle coscienze
Il letargo su Roma. Quale ruolo per l’informazione: è ora di suonare la sveglia delle coscienze
Rifiuti da smaltire all’estero, cosa cambia in Europa. Il nuovo regolamento “spazza” via le vecchie...
Rifiuti da smaltire all’estero, cosa cambia in Europa. Il nuovo regolamento “spazza” via le vecchie...
Siamo tutti migranti, ci piaccia o no. Cosa insegnano le piante, i microrganismi e i patogeni a noi...
Siamo tutti migranti, ci piaccia o no. Cosa insegnano le piante, i microrganismi e i patogeni a noi...
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...