Tiscali.it
SEGUICI

La Resistenza e gli attentati: cosa avrebbe voluto il Cln per evitare la morte di innocenti

di Italia Libera   
La Resistenza e gli attentati: cosa avrebbe voluto il Cln per evitare la morte di innocenti

Ci fu un dibattito nel Cln, durante la guerra civile, sulla strategia degli attentati. Prevalse la consapevolezza che bisognasse adottare una strategia diversa, per combattere i nazifascisti. Ma questa pagina della storia è dimenticata anche in una pregevole puntata della “Giornata particolare” di Aldo Cazzullo su La7

◆ Il corsivetto di VITTORIO EMILIANI

► Ho seguito la puntata di “Una giornata particolare” su La7 che Aldo Cazzuĺlo ha dedicato all’attentato di Via Rasella. Al suo racconto interessante sulla guerra civile manca però un tassello importante: nel Cln prevalse largamente la tesi che i gappisti autori di attentati avrebbero provocato reazioni moltiplicate da parte di Ss, Wermacht, ecc. Anche sui civili incolpevoli. E che quindi bisognasse adottare altre strategie praticando poi una lotta armata organizzata contro i nazifascisti. Me lo ha raccontato più volte Italo Pietra poi direttore del Giorno di Mattei e del Messaggero, e già ufficiale degli Alpini della Scuola di guerra di Pinerolo e come Edoardo comandante generale delle Brigate dell’Oltrepo che libereranno per prime Milano dai nazifascisti. Un loro plotone verrà reclutato per fucilare Mussolini a Giulino di Mezzegra.

In quella zona vasta di collina e montagna fra Genova e il Po la Resistenza sarà dura e aspra anche verso il Piacentino. Nell’Oltrepo Pavese ci furono esecuzioni sommarie di fascisti finché in montagna prevalsero ex prigionieri di guerra come il Greco, l’Algerino, il Montenegrino. Poi faticosamente messi fuori gioco dai partigiani delle Brigate regolari.

Cazzullo ritiene di fare cronaca e storia, ma si può riuscirvi dimenticando, per esempio, che l’attentato di via Rasella provocò una lacerazione nel movimento partigiano dopo la terribile reazione esemplare delle Fosse Ardeatine? Lo sento dire ora da Luca Cordero di Montezemolo, nipote del colonnello Giuseppe Cordero Lanza di Montezemolo militare di carriera e comandante del Fronte Militare Clandestino (composto da ufficiali e sotto ufficiali rimasti fedeli alla Corona). Purtroppo la gappista Carla Capponi per predisporre l’ordigno fatto esplodere in via Rasella si serve proprio di contenitori forniti dall’Aeronautica, cioè da Cordero Lanza di Montezemolo, ucciso dai tedeschi con un colpo alla nuca nelle Fosse Ardeatine.

Quando nel 1968 scoppiò la contestazione giovanile la radicalizzazione portò a sinistra ad esaltare la lotta armata contro il nazifascismo. Il risultato fu quello che sappiamo. Purtroppo. Sappiamo quanti giovani esaltati da quel ritorno di una Resistenza mitizzata abbiano costituito il bacino di reclutamento del terrorismo.

La trasmissione di Aldo Cazzuĺlo ha comunque il merito di far conoscere ai giovani e meno giovani una tragedia collettiva come quella della lotta al nazifascismo e di una repressione orribile senza paragoni con gli alti ufficiali nazisti che organizzavano feste con fiumi di champagne all’Hotel Excelsior di via Veneto. Ce ne fossero di programmi come questo sulle reti Rai! Che vergogna. © RIPRODUZIONE RISERVATA

di Italia Libera   

I più recenti

Da Gaza al Mar Rosso, dove ci porta la guerra. I miliziani Houthi ammirati perché odiano Israele
Da Gaza al Mar Rosso, dove ci porta la guerra. I miliziani Houthi ammirati perché odiano Israele
1/ Rassegna ambientale. Slalom tra orsi abbattuti, ritorno del gatto selvatico e “Luna Parco”
1/ Rassegna ambientale. Slalom tra orsi abbattuti, ritorno del gatto selvatico e “Luna Parco”
Morti sul lavoro: dallo stillicidio quotidiano alle stragi periodiche. Il “che fare” è già scritto nelle leggi
Morti sul lavoro: dallo stillicidio quotidiano alle stragi periodiche. Il “che fare” è già scritto nelle leggi
Troppi porti, vecchi porti. Senza strategia, l’economia dimenticata dell’Italia circondata dal mare
Troppi porti, vecchi porti. Senza strategia, l’economia dimenticata dell’Italia circondata dal mare

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...