Tiscali.it
SEGUICI

La museruola ai giornalisti. La Camera approva la censura di Stato. Appello della Rete NoBavaglio

di Italia Libera   
La museruola ai giornalisti. La Camera approva la censura di Stato. Appello della Rete NoBavaglio

Il “divieto di pubblicare” è qualcosa di più che secretare gli atti, perché colpisce direttamente l’attività del giornalista, che può arrivare a conoscere atti coperti da segreto e decidere, laddove ravvisi un interesse pubblico alla diffusione, di pubblicarli. L’emendamento proposto dal deputato di “Azione” Enrico Costa alla legge di delegazione europea in materia di presunzione d’innocenza è stato approvato il 19 dicembre scorso alla Camera, con il consenso oltre che del partito del proponente anche della destra di governo e di Italia Viva. La nuova norma introduce il divieto di pubblicare il testo dell’ordinanza di custodia cautelare, anche per estratto, fino alla chiusura delle indagini preliminari ovvero fino al termine dell’udienza preliminare. La Fnsi – il principale sindacato dei giornalisti – e l’Ordine dei giornalisti si sono subito schierati per denunciare come questa norma limiti gravemente la libertà d’informazione. La Rete NoBavaglio si fa promotrice di un appello – rivolto ai direttori di giornale e contemporaneamente ai cittadini – per la mobilitazione civile. Ecco il testo dell’appello ai direttori di testata, agli operatori dell’informazione e alla società civile

◆ L’appello della Rete NoBavaglio

► Il divieto di pubblicare che secreta le ordinanze di custodia cautelare e i contenuti fino alla fine dell’udienza preliminare rappresenta un provvedimento autoritario gravissimo che non solo colpisce e limita il lavoro dei giornalisti ma soprattutto il diritto dei cittadini di essere informati e rende più indifese le stesse persone private della libertà. Si tratta dell’ennesimo bavaglio messo alla stampa che non sorprende. È la conferma dell’attacco all’informazione portato avanti negli ultimi anni dai poteri forti e dalla politica più brutta. Nel nostro Paese, infatti, esiste un partito del bavaglio trasversale ai vari schieramenti parlamentari che vuole silenziare l’informazione per poter agire in modo indisturbato e senza avere addosso l’occhio mediatico.

È successo durante la stagione del governo Berlusconi e ancora nel 2015 quando il governo Renzi voleva impedire la pubblicazione delle intercettazioni: in quell’occasione è nata la Rete NoBavaglio con un appello scritto insieme al giurista Stefano Rodotà poi condiviso da Federazione nazionale stampa italiana, Ordine dei giornalisti, da decine di associazioni e organizzazioni, personalità della cultura e dello spettacolo e del mondo politico in prima linea nella difesa dei diritti democratici, la libertà di espressione garantita dall’articolo 21 della Costituzione.

Con l’alibi della difesa della privacy, del diritto all’oblio e della presunzione di innocenza del decreto Cartabia (che affida ai procuratori la responsabilità di decidere se possa essere resa pubblica una inchiesta) si vuole sempre più condizionare l’indipendenza dell’informazione. La stessa riforma del reato di diffamazione, attualmente in discussione in Parlamento, non solo non risolve il problema delle querele-bavaglio ma toglie ulteriore autonomia ai giornalisti stabilendo multe onerose e l’obbligo di rettifica senza contraddittorio. In questo clima di censura di Stato si contestualizza l’emendamento approvato martedì 19 che proibisce la pubblicazione dei contenuti dell’ordinanza di custodia cautelare fino alla fine dell’udienza preliminare.

Di conseguenza dal momento dell’arresto fino al processo, all’opinione pubblica per mesi sarà negato il diritto di essere informata su temi importati come la lotta alla corruzione e la lotta alla mafia. Ma non solo: non sarà possibile conoscere le accuse e le prove contestate alla persona finita in carcere. E quindi se si tratta di una reclusione legittima o eccessiva: di conseguenza saranno colpite anche le garanzie a tutela del cittadino indagato o arrestato. Con questo ulteriore atto il “partito trasversale del bavaglio” è riuscito a cancellare il ruolo di garanzia che la libera stampa riveste a tutela di tutti i cittadini, anche di quelli privati della libertà.

Le Rete NoBavaglio, ancora una volta, è al fianco della Federazione della Stampa italiana e dell’Ordine dei Giornalisti e si unisce all’appello rivolto al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, di non firmare questo provvedimento liberticida che farà declassare ulteriormente l’Italia, oggi al 41° posto appena dietro a Montenegro, Argentina e Macedonia del Nord, nella classifica del World press Freedom di Reporter sans frontières. La Rete NoBavaglio aderisce ad ogni forma di mobilitazione contro questo provvedimento e per garantire il diritto-dovere dei giornalisti di informare e il diritto dei cittadini di essere informati. Come rete di giornalisti e cittadini ci rivolgiamo ai direttori delle testate giornalistiche e a tutti gli operatori dell’informazione chiedendo di dare vita a una campagna contro tutti i bavagli e di unirsi in una battaglia di civiltà e democrazia che deve creare un’alleanza tra mondo dell’informazione e cittadinanza attiva. Uno Stato davvero democratico dovrebbe favorire la verifica delle informazioni e non ostacolarla. Senza libertà non può esistere una informazione corretta e di qualità e senza informazione la libertà muore.

di Italia Libera   

I più recenti

6/ Rassegna ambientale. Benvenuta Imantoglosso di Robert, fermiamo la legge “sparatutto”
6/ Rassegna ambientale. Benvenuta Imantoglosso di Robert, fermiamo la legge “sparatutto”
“Regina Rossa”: la trilogia gialla di Gómez-Jurado, dai tre libri alle prime sette puntate della serie Tv
“Regina Rossa”: la trilogia gialla di Gómez-Jurado, dai tre libri alle prime sette puntate della serie Tv
1/ Lo spot nell’occhio. Dallo spazzolone alla donazione degli organi: quanti volti ha Littizzetto
1/ Lo spot nell’occhio. Dallo spazzolone alla donazione degli organi: quanti volti ha Littizzetto
Strage nella centrale di Bargi. Si cercano ancora i dispersi ma i responsabili si conoscono già: i committenti
Strage nella centrale di Bargi. Si cercano ancora i dispersi ma i responsabili si conoscono già: i committenti

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...