Tiscali.it
SEGUICI

La “mafia” di Facebook, dopo l’arresto di Matteo Messina Denaro. Tra il serio e il faceto

di Italia Libera   
La “mafia” di Facebook, dopo l’arresto di Matteo Messina Denaro. Tra il serio e il faceto

Un divertimento virale a cui avevo contribuito anch’io rivela più di quanto ti aspetti: dopo la bella vignetta di Osho su Dante (“gira voce che sei fascio”, dice uno al sommo poeta), avevo postato un giochino del tipo: se Dante è di destra, Biancaneve, i fratelli Grimm, Topolino cosa sono? Battute, cazzeggi, faccette. Il tutto dura 48 ore, poi si spegne. Come qualsiasi cosa. Stanotte, dunque, con autentico masochismo, mi metto a leggere i commenti Facebook sull’arresto di Matteo Messina Denaro. E scopro, con orrore, che sono scattate le stesse regole. Se critichi l’arresto sei di sinistra. Se lo difendi, sei di destra. Ecco alcuni esempi, senza fare nomi

Il colpo di tacco a spillo di DANIELA TAGLIAFICO

È MEZZANOTTE. CONCEDETEMI la stanchezza, o forse la mancanza di lucidità.
Vado a letto e sull’iPhone faccio la solita “passata” notturna sui social prima di addormentarmi. So che non è salubre e che è assolutamente controindicato per chi, come me, prende tutte le sere mezza pastiglia di Stilnox per dormire. Ma ognuno si fa del male come vuole…
Bene.
Ero ferma a un divertimento virale a cui avevo contribuito anch’io: dopo la bella vignetta di Osho su Dante (“gira voce che sei fascio”, dice uno al sommo poeta), avevo postato un giochino del tipo: se Dante è di destra, Biancaneve, i fratelli Grimm, Topolino cosa sono? Battute, cazzeggi, faccette. Il tutto dura 48 ore, poi si spegne. Come qualsiasi cosa .
Stanotte, dunque, con autentico masochismo, mi metto a leggere i commenti Facebook sull’arresto di Matteo Messina Denaro. E scopro, con orrore, che sono scattate le stesse regole.
Se critichi l’arresto sei di sinistra. Se lo difendi, sei di destra.
Ecco alcuni esempi, senza fare nomi, ovviamente.

“Ecco perché si è fatto beccare. Era vecchio e stava morendo…” (sinistra, temo)
“Perché l’impressione è che lo abbiamo consegnato alla fine dei suoi giorni?” (amici Facebook di destra e di sinistra)
“4 mesi di governo Meloni. Grande successo. Gli altri 0” (amici Facebook di provata fede, inutile dire quale)
“Oggi per noi è un grandissimo giorno” (sinistra istituzionale)
“L’hanno preso. I leoni da tastiera dicono: troppo tardi. Ma provateci voi a stanare il capo della mafia…” (amico di destra colta e moderata)
“Allestito un ambulatorio in carcere per la chemio di un ex latitante mafioso, mandante dell’uccisione di un bambino. Uno schifo!” (populista di destra o di sinistra)
“Prima tutti virologi, adesso tutti esperti di mafia” (trasversale)
“Ma Matteo Messina Denaro lo beve il caffé?” (intellighenzia sinistroide)
“Non gli hanno messo le manette: un messaggio? Che ci sia stata una trattativa?” (sinistra dietrologica)
“Dopo averlo ricercato per 30 anni in tutto il mondo, riuscire ad arrestarlo a casa sua è una grande operazione di intelligence” (destra? sinistra? Super partes?)
“In 30 anni l’avrei trovato pure io!” (commento con la foto di Andrea Bocelli, con migliaia di condivisioni. Non so se sia fake o no. Comunque una stronzata all’insegna delle larghe intese)
“Clinica La Maddalena. Servizio pessimo. Pensavo fosse convenzionata con l’arma dei carabinieri, ma aveva solo convenzioni con cosa nostra (pop )
“Clinica La Maddalena. Poca discrezione e privacy” (un fiancheggiatore di Messina Denaro?). Basta, vado a dormire. Ma un’analisi seria, un dubbio ragionevole qualcuno ha il coraggio di scriverli su Facebook?

P.S. Non mi dite che è una domanda di sinistra…. © RIPRODUZIONE RISERVATA

di Italia Libera   

I più recenti

Giustizia climatica. La Corte europea dei diritti dell’uomo condanna la Svizzera. L’Italia sta peggio
Giustizia climatica. La Corte europea dei diritti dell’uomo condanna la Svizzera. L’Italia sta peggio
Dal taccuino dei ricordi. Come Emiliani divenne giornalista: la vocazione nell’Università “indigesta”
Dal taccuino dei ricordi. Come Emiliani divenne giornalista: la vocazione nell’Università “indigesta”
Mussolini, Matteotti e la verità dei fatti con cui Antonio Scurati ha mandato in tilt TeleMeloni
Mussolini, Matteotti e la verità dei fatti con cui Antonio Scurati ha mandato in tilt TeleMeloni
Il licenzioso Prévert e i dilemmi del traduttore, tra calembours e rima baciata di “lazzi”…
Il licenzioso Prévert e i dilemmi del traduttore, tra calembours e rima baciata di “lazzi”…

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...