Tiscali.it
SEGUICI

La lobby dei “rigassificatori subito” in Italia ha un capo indiscusso: è il ceo dell’Eni Descalzi

di Italia Libera   
La lobby dei “rigassificatori subito” in Italia ha un capo indiscusso: è il ceo dell’Eni Descalzi

Nel nostro Paese il gas russo è stato sostituito parzialmente con circa 7 miliardi di metri cubi di Gnl provenienti da diverse parti del mondo. Ma gli impianti di rigassificazione presenti in Italia sono occupati fino al 2026. Ed è altrettanto evidente che i 7 miliardi di metri cubi destinati a riempire gli stock non troveranno i rigassificatori necessari già attivi; conseguentemente, andranno altrove. L’informazione mainstream dimentica anche che l’esportazione del gas dall’Italia è aumentata del 600%

L’intervento di ALESSIO LATTUCA, presidente Movimento per la Sostenibilità

I “SIGNORI DEL GAS”, i soliti noti, di cui l’ad di Eni Claudio Descalzi è uno dei maggiori esponenti, hanno manifestato la propria strategia in occasione dell’evento ‘Zero carbon technology roadmap’ organizzato dall’European House Ambrosetti a Bruxelles. Come da consuetudine e con la scusa dell’emergenza, esso è tornato a fare il punto su: valore, scorte di gas, stoccaggi e rigassificatori. Per evitare che la “propaganda” produca effetti deleteri, si rende necessario ricordare che non è vero affatto che il gas aiuta la transizione verso le rinnovabili: è vero invece che esso accelera il danno e, in particolare, distoglie gli investimenti dalle rinnovabili, accaparrandosi finanziamenti pubblici e privati. 

L’informazione dominante lancia l’allarme gas con il preciso obiettivo di “spaventare”, veicolando la suggestione di poter realizzare subito, a tambur battente, nuovi impianti. Ricorda in ogni circostanza utile che in Italia è stato sostituito parzialmente il gas russo con circa 7 miliardi di metri cubi provenienti da diverse parti del mondo come Gnl. Eppure è ormai evidente che gli impianti di rigassificazione presenti nel Paese siano occupati fino al 2026. Ed è altrettanto evidente che i 7 miliardi di metri cubi destinati a rimpiazzare parzialmente il gas russo e riempire gli stock non troveranno i rigassificatori già attivi e, conseguentemente, andranno altrove. Al riguardo, l’informazione mainstream ha dimenticato di ricordare che l’esportazione del gas dall’Italia è aumentata del 600% ed ha omesso di spiegare quali siano i motivi che hanno suggerito a Eni di non pagare le tasse imposte dal Governo Draghi sugli extra profitti (soltanto il 25%). 

Il tema dei “rigassificatori subito” è stato sostenuto a margine dell’evento da Descalzi, secondo il quale “Se ci sono i rigassificatori ce la facciamo, se non ci sono non ce la faremo e dovremo trovare altre soluzioni non immediatamente trovabili”. Il ceo dell’Eni ha voluto aggiungere anche le sue riflessioni sul tetto al prezzo del gas in Europa che, secondo lui, non modererà i rincari. La sua ricetta è investire in infrastrutture per importare gas naturale liquefatto, e anche per esportarlo dai Paesi produttori: Qatar, Usa, Nordafrica o Africa subsahariana, come sta già facendo Eni. Insomma, per Descalzi, il ruolo delle energie fossili, e segnatamente del gas, resta indispensabile, altrimenti — ha concluso — “è un cane che si morde la coda”.

Occorre vigilare e, in definitiva, sgombrare il campo da equivoci e informazioni pro domo sua, posto che il soggetto in causa svolge una funzione dominante, e la premier Meloni dall’Algeria ha annunciato ieri che l’Italia vuole diventare l’hub europeo del gas. Ancora oggi è, purtroppo, necessario affrontare nuovamente il tema dei rigassificatori con precisione e dovizia di particolari, benché si prospetti, una volta ancora, un “fallimento annunciato”. © RIPRODUZIONE RISERVATA

di Italia Libera   
I più recenti
“Ma io ti ho sempre salvato”, il saggio autobiografico di Luciano Violante sul «rispetto per la vita»
“Ma io ti ho sempre salvato”, il saggio autobiografico di Luciano Violante sul «rispetto per la vita»
“Il caso Goldman” di Cédric Khan, una storia vera tra ordine costituito e ordine contestato
“Il caso Goldman” di Cédric Khan, una storia vera tra ordine costituito e ordine contestato
L’“Ultimo” dei giovani: il voto, il non voto e la giusta “ansia da futuro” che apre la mente al dubbio
L’“Ultimo” dei giovani: il voto, il non voto e la giusta “ansia da futuro” che apre la mente al dubbio
11/ Visti da vicino. «Françoise Hardy e quella volta che feci da scudo protettivo alla sua vocina»
11/ Visti da vicino. «Françoise Hardy e quella volta che feci da scudo protettivo alla sua vocina»
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...