Tiscali.it
SEGUICI

“L’innamorato, l’arabo e la passeggiatrice”: tra paranoia e commedia avvolgente

di Italia Libera   
“L’innamorato, l’arabo e la passeggiatrice”: tra paranoia e commedia avvolgente

Alain Guiraudier è un regista impegnato, che si è fatto conoscere dal grande pubblico con il  tormentato “Lo sconosciuto del lago”, storia noir di una relazione omosessuale. Qui sceglie un registro leggero, con un tocco di follia che strappa agli spettatori più di una risata. Resta però fedele a se stesso, perché il nucleo centrale del film è costruito sulle reazioni che un gruppo di persone normali ha di fronte agli eventi imprevisti, come il terrorismo, la droga, l’ossessione amorosa e la gelosia

La recensione di BATTISTA GARDONCINI *

IL TITOLO ITALIANO, “L’innamorato, l’arabo e la passeggiatrice”, non rende giustizia all’ultimo film del regista Alain Guiraudier, perché l’originale “Viens, je t’emmène”, letteralmente “Vieni, ti ci porto io”, è uno slogan usato in Francia nelle campagne di sostegno ai bisognosi, fortemente evocativo per gli spettatori di lingua francese. E bisognoso lo è davvero il giovane senzatetto arabo Selim, che il solitario informatico Médéric accetta di ospitare in una notte di pioggia mentre Clermont-Ferrand è sconvolta da un attentato jihadista. Médéric è perdutamente innamorato di Isadora, prostituta di mezza età maltrattata da un marito violento, e vorrebbe salvarla. Anche lei ha un debole per lui, ma la loro relazione è continuamente ostacolata dagli imprevisti: i vicini ficcanaso, la polizia sotto pressione per catturare gli attentatori, un gruppo di giovani arabi che perseguita Selim, il marito di Isadora che compare nei momenti meno opportuni.

Guiraudier è un regista impegnato, che si è fatto conoscere dal grande pubblico con il  tormentato “Lo sconosciuto del lago”, storia noir di una relazione omosessuale. Qui sceglie un registro leggero, con un tocco di follia che strappa agli spettatori più di una risata. Resta però fedele a se stesso, perché il nucleo centrale del film è costruito sulle reazioni che un gruppo di persone normali ha di fronte agli eventi imprevisti, come il terrorismo, la droga, l’ossessione amorosa e la gelosia. Loro vorrebbero soltanto farsi gli affari propri, ma la realtà li travolge.

Attraverso le vicende individuali dei suoi personaggi Guiraudier dipinge un mondo di provincia in preda alla paranoia, diffidente verso il diverso o anche semplicemente l’insolito. E un grande aiuto gli viene dai due protagonisti, Jean-Charles Clichet nei panni del mite Médéric, e la regista e sceneggiatrice Noémie Lvovsky, adorabile nella parte della prostituta disincantata e forse, nonostante tutto, felice. © RIPRODUZIONE RISERVATA

(*) L’autore dirige oltreilponte.org

di Italia Libera   

I più recenti

Pirandello all’Istat. Lavoro povero e precariato: la realtà irrompe sulla sua rappresentazione  
Pirandello all’Istat. Lavoro povero e precariato: la realtà irrompe sulla sua rappresentazione 
L’incubo dimenticato. Così il dissesto idrogeologico è stato declassato nell’agenda del governo
L’incubo dimenticato. Così il dissesto idrogeologico è stato declassato nell’agenda del governo
Incidenti sulle strade d’Europa, la strage infinita. Il piano di Bruxelles, l’appello della Corte dei Conti
Incidenti sulle strade d’Europa, la strage infinita. Il piano di Bruxelles, l’appello della Corte dei Conti
Europa 2024 alla prova del voto: «L’Ue ha costruito pace e benessere; indolenza e ignavia la distruggono»
Europa 2024 alla prova del voto: «L’Ue ha costruito pace e benessere; indolenza e ignavia la distruggono»
Teleborsa

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...