Tiscali.it
SEGUICI

La forza della “Blue Economy” al centro della geopolitica. Al via il ‘Patto con il Mare per la Terra’

di Italia Libera   
La forza della “Blue Economy” al centro della geopolitica. Al via il ‘Patto con il Mare per la Terra’

Per l’Ocse, i 1500 miliardi di dollari all’anno generati dalle risorse marine (1,5% del Pil mondiale) potrebbero raddoppiare entro il 2030. A quale prezzo, non essendoci sul Pianeta nessun pasto gratis? Nei fondali marini ci sono terre rare, giacimenti di rame, cobalto, manganese, nichel, materie prime al centro della transizione energetica. L’ambiente subacqueo è, in definitiva, un nuovo dominio di rilevanza globale, un luogo del confronto tra potenze per l’accesso alle ingenti risorse minerarie, energetiche e proteiche e per lo sviluppo scientifico e tecnologico. Siglato un “Patto con il Mare per la Terra” di solidarietà e interdipendenza. Un Forum tra ricercatori, imprenditori e cittadini per rendere sostenibile l’economia del mare, per l’Italia un territorio nazionale di estensione doppia rispetto a quella dell’ambiente terrestre. Avviata dall’Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo con il suo presidente Carlo Petrini, la sfida è mantenere l’ecosistema marino in salute per invertire il suo ciclo di declino

◆L’analisi di ANNALISA ADAMO AYMONE

► La maggiore conoscenza della risorsa mare e la mappatura dei fondali marini oceanici sono diventati una vera priorità a livello internazionale, giustificata dal fatturato annuo della cosiddetta Blue Economy, dal momento che l’Ocse stima che la cifra pari a 1500 miliardi di dollari, cioè pari al 1,5% del Pil mondiale, e potrebbe raddoppiare entro il 2030. Ecco perché nello scenario geopolitico futuro il mare, che è ha da sempre assunto un ruolo fondamentale, diventerà ancor più decisivo. Nei fondali marini si trovano, infatti, le cosiddette terre rare, vale a dire 17 elementi decisivi nell’economia e nello sviluppo delle tecnologie, che invece si stanno esaurendo sulla terraferma. I vasti giacimenti di rame, cobalto, manganese, nichel e le terre rare costituiscono le materie prime della transizione energetica, ragion per cui l’International Seabed Authority (Isa) avrà sempre più un ruolo fondamentale nella gestione delle controversie. Si pensi al recente caso determinatosi con la Repubblica di Nauru, piccolissimo Stato insulare del Pacifico, il cui Presidente, chiedendo all’Onu di procedere, entro il 2024, allo sfruttamento minerario dei fondali non statali, ha fatto partire un negoziato per giungere alla realizzazione di un codice minerario di profondità

La rivista ‘Civiltà delle Macchine’, edita dalla Fondazione Leonardo presieduta da Luciano Violante e diretta da Marco Ferrante, nella scorsa primavera ha dedicato un intero numero al subacqueo e alle prospettive legate al suo sfruttamento sia in termini geopolitici e normativi che ambientali, ma anche economici e culturali. Aveva riportato altresì l’intervento di Giuseppe Berutti Bergotto, Ammiraglio di Squadra Maggiore della Marina Militare, che aveva messo molto bene in evidenza come l’ambiente subacqueo potesse ritenersi un nuovo dominio di rilevanza globale, un luogo del confronto tra potenze, che apre sì a straordinarie opportunità di sviluppo «sia in termini di accesso alle enormi risorse minerarie, energetiche e proteiche custodite nei fondali, sia in termini di progresso scientifico e ramificazione di sempre più efficienti infrastrutture subacquee, essenziali per la distribuzione dell’energia e delle telecomunicazioni». 

In riferimento al nostro Mediterraneo, ha sottolineato Giuseppe Berutti Bergotto, la recente scoperta dei giacimenti di gas ha avviato un effetto domino, generando «un quadro complessivo ancora tutto da definire con ampie ed irrisolte aree di potenziali attriti e competizioni tra Paesi, anche tradizionalmente amici». Ma ciò che Berutti Bergotto più di tutto evidenziava era che, se «la tecnologia è essenziale ed è il motore della dimensione subacquea, non è sufficiente a garantire un ordinato, sicuro e sostenibile accesso agli spazi subacquei». Si rende necessario garantire capacità di monitoraggio e funzioni di coordinamento attraverso un adeguamento delle normative nazionali ed internazionali, istituendo altresì un’Autorità nazionale per il controllo del traffico subacqueo, basata dal punto di vista operativo su una piattaforma tecnologica già esistente presso la centrale operativa multidominio Marina di Santa Rosa (Roma). Essa «permetterebbe di ottenere la piena consapevolezza delle attività subacquee svolte negli spazi marittimi di interesse nazionale e di raccordarsi con le attività di controllo degli Stati», diventando il referente unico anche al fine di semplificare i processi autorizzativi per le operazioni subacquee

Tutti questi argomenti, in particolare delle questioni normative strategiche e industriali, nonché della capacità produttiva dell’Italia nel settore subacqueo, sono stati l’oggetto di un convegno internazionale tenutosi agli inizi del 2023 a Livorno da Fondazione Leonardo – Civiltà delle Macchine dal titolo “Civiltà del mare: il subacqueo nuovo ambiente dell’umanità”. Già in questa occasione si era messa in evidenza la necessità di lavorare alla creazione di una visione condivisa perché la partita che si gioca intorno al subacqueo è «una sfida alla capacità di fare Paese», aveva detto in conclusione dei lavori il Contrammiraglio Francesco Procaccini, Capo Ufficio Generale Spazio e Innovazione dello Stato Maggiore Marina. Il ministro Guido Crosetto ha raccolto comunque la sfida prevedendo, seppure informalmente, l’impiego di ulteriori risorse future da parte della Difesa in favore del nuovo Polo Nazionale della dimensione Subacquea gestito dalla Marina, perché − ha detto in conclusione − «siamo i primi al mondo, dobbiamo continuare ad esserlo». 

Nel frattempo, nel pieno del Decennio del mare, per rimarcare la necessità di tutelare questo bene comune indispensabile per la salute ed il benessere in Italia è stato siglato il ‘Patto con il Mare per la Terra’, un patto di solidarietà e interdipendenza. Un Forum permanente tra ricercatori, imprenditori e cittadini: chi aderirà si impegna a portare avanti politiche di sostenibilità dell’economia del mare, visto che il territorio marino nazionale è di estensione doppia rispetto a quella dell’ambiente terrestre. Per non dimenticare che il mare è, prima ancora che un fattore economico ambientale e culturale, l’habitat dal quale storicamente proveniamo ed al quale rimarremo sempre legati in senso infinito. La nostra stessa estensione umana non può prescindere dal mare sia in senso antropologico-filosofico-sociologico sia in senso biologico, per cui difendere e salvaguardare il mare significa proteggere la nostra stessa vita e quella del pianeta

Mantenere il mare in salute significa in definitiva invertire il suo ciclo di declino e, quindi, anche il nostro. La lotta all’inquinamento, la salvaguardia della biodiversità, la valorizzazione a fini turistico-culturali, la regolamentazione all’accesso e allo sfruttamento delle risorse legate al nuovo dominio rappresentato dal ‘subacqueo’, sono i principali temi che ci occuperanno negli anni a venire. Il ‘Patto con il Mare per la Terra’ serve a tracciare la strada comune da percorrere per quello che può essere considerato il settore di maggiore crescita economica e occupazionale nel futuro prossimo del nostro Paese. Si punta quindi un faro sull’estrema importanza dell’ecosistema marino, sulla necessità di sviluppare la ricerca e di tenere acceso il dibattito e l’interscambio delle informazioni, perché non tutto è conosciuto. Università, centri di ricerca e imprese unite dal vincolo dell’innovazione e la formazione saranno in prima linea dando il loro contributo per diffondere conoscenza e dare il necessario sostegno alle politiche di protezione e di conservazione della biodiversità marina: obiettivi principali da perseguire per salvaguardare il benessere umano. 

Il ‘Patto del Mare con la Terra’, realizzato dall’Università di scienze gastronomiche di Pollenzo (Unisg) e attraverso il suo presidente Carlo Petrini è stato presentato al ministero dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, è un progetto nato non solo per favorire la cultura della sostenibilità nell’economia del mare ma anche per promuovere la conoscenza di quello che viene definito «il nostro capitale naturale più importante». Questo ‘Patto’ sottolinea come il valore della sussidiarietà sia fondamentale per costruire una visione condivisa, coerente ed efficace proiettata a gestire le sfide globali. Infatti è di pochi mesi fa, precisamente del 5 marzo 2023, l’accordo delle Nazioni Unite stipulato a New York sulla protezione della biodiversità marina nelle aree al di fuori delle giurisdizioni nazionali. Con norme molto dettagliate in materia di risorse genetiche marine e di valutazione d’impatto ambientale, l’accordo raggiunto − che non era scontato − mira a garantire che le attività antropogeniche nell’alto mare siano condotte in modo sostenibile. A pieno regime l’accordo denominato Bbnj, Biodiversity Beyond National Jurisdiction, diventerà ‘la Bibbia’ degli operatori internazionali, visto che in base ad esso si potranno adottare anche misure di gestione delle aree di alto mare, fissando le regole e le limitazioni delle attività economiche, inerenti la pesca e lo sfruttamento dei fattori non viventi (acqua, rocce, fondali, etc.). 

In definitiva, attraverso il Bbnj e i processi negoziali tra gli Stati, basati sul ‘consensus’, le risorse oceaniche e d’alto mare vengono ormai considerate e trattate come appartenenti all’umanità, così come la stessa Convenzione delle Nazioni Unite del diritto del mare (Unclos) aveva anticipato. I firmatari dell’Unclos sono poi automaticamente membri dell’International Seabed Authority (Isa) che è l’Autorità internazionale dei fondali marini, fondato per controllare e coordinare tutte le attività inerenti i minerali presenti sui fondali in aree oltre le giurisdizioni nazionali. Completa la ‘governance’ l’International Maritime Organization (Imo), l’agenzia Onu che promuove la cooperazione marittima tra i paesi membri e garantisce la sicurezza della navigazione operando per la protezione dell’ambiente marino. Gli strumenti ci sono per passare ai fatti. © RIPRODUZIONE RISERVATA

di Italia Libera   

I più recenti

Chi è stato Alexej Navalny, l’eroe controverso e senza truppe morto nel gulag siberiano di Putin
Chi è stato Alexej Navalny, l’eroe controverso e senza truppe morto nel gulag siberiano di Putin
Di altri manganelli. Quella manifestazione a Bologna che Dario Fo salvò dal rischio di violenze
Di altri manganelli. Quella manifestazione a Bologna che Dario Fo salvò dal rischio di violenze
1/ Boschi, foreste e tagli abusivi. 11 milioni e mezzo di euro di sanzioni, 13mila trasgressori, 700 denunciati
1/ Boschi, foreste e tagli abusivi. 11 milioni e mezzo di euro di sanzioni, 13mila trasgressori, 700 denunciati
“Ossa rotte, manganellate gentilmente ricevute”: l’esito di un corteo studentesco pacifico a Pisa
“Ossa rotte, manganellate gentilmente ricevute”: l’esito di un corteo studentesco pacifico a Pisa

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...