Tiscali.it
SEGUICI

L’Europa, Giorgia, Victor, Matteo e quel richiamo irresistibile della foresta

di Italia Libera   
L’Europa, Giorgia, Victor, Matteo e quel richiamo irresistibile della foresta

I commentatori sono sempre prodighi di buoni consigli per l’uso delle buone maniere politiche. Ma al cuor non si comanda, ed ecco dare le dritte, giusto ieri, ai Fratelli e sorelle d’Italia nel Parlamento europeo: si vota contro la risoluzione che definisce l’Ungheria del suo amico Orbán «un regime ibrido di autocrazia elettorale». L’aula di Strasburgo condanna gli «sforzi deliberati e sistematici del governo ungherese contro i valori dell’Unione Europea», ma lei niente. Non cede. Ora, pensate agli istitutori messi a disposizione di Giorgia, donna, madre eccetera dai grandi giornali, senza chiedere nulla in cambio

Il corsivo di IGOR STAGLIANÒ

DA MESI, LE grandi firme dei grandi giornali si adoperano alacremente per insegnare a Giorgia “donna madre cristiana e italiana” come si usano le posate al tavolo della “grande politica”. Un anno e mezzo fa aveva cominciato Stefano Folli su “Repubblica”. Ebbro di felicità per poter constatare quanta strada hanno fatto i due ex ragazzi de “La Voce Repubblicana” (lui medesimo, il Lino Sotis dei notisti politici, e il mega direttore di tutto il cucuzzaro Gedi), si è prodigato senza sosta per dispensare il bon ton alla ruspantissima ex ragazza della Garbatella affinché evitasse di ripercorrere la parabola del Salvini che alza il gomito. 

A “mister sembrerebbe” si sono aggiunti subito dopo Angelo Panebianco e Ernesto Galli Della Loggia sul “Corriere della Sera”, per tranquillizzarci tutti ex cathedra: non è in preparazione nessuna nuova marcia su Roma, sull’Occidente atlantico non tramonta mai il sole. E via, anche qui, con le descrizioni minuziose su come distinguere le posate per il pesce dalle altre — sempre di tavolo della grande politica qui parliamo. Con qualche scatto di nervi e sbuffo d’insofferenza — come non capirla — dell’ex ministra per la Gioventù nel IV governo Berlusconi, la più giovane dell’Italia repubblicana (alla tenera età di 31 anni). E così, appena può, lei dismette i panni della signora moderata (oggi presiede, nientemeno, i “Conservatori e riformisti” europei: è un ossimoro ma non fateci caso), cede al richiamo della foresta, si scatena al congresso dei franchisti spagnoli di Vox (“Yo soy Giorgia, soy una mujer, eccetera) e si immedesima ogni volta che può nell’amico del cuore, Victor Orbán.

E se al cuor non si comanda, ecco dare le dritte, giusto ieri, ai Fratelli e sorelle d’Italia nel Parlamento europeo: si vota contro la risoluzione che definisce l’Ungheria del suo amico e futuro collega primo ministro «un regime ibrido di autocrazia elettorale», condannando addirittura gli «sforzi deliberati e sistematici del governo ungherese contro i valori dell’Unione Europea». Ora, vi prego, non pensate a lei: inesorabilmente l’acqua scende al mare. Pensate ai generosi istitutori messi a disposizione di Giorgia, donna, madre eccetera, gratuitamente dai più grandi giornali italiani, senza chiedere nulla in cambio. L’ingratitudine umana è davvero una bestia tremenda. © RIPRODUZIONE RISERVATA

di Italia Libera   

I più recenti

Mussolini, Matteotti e la verità dei fatti con cui Antonio Scurati ha mandato in tilt TeleMeloni
Mussolini, Matteotti e la verità dei fatti con cui Antonio Scurati ha mandato in tilt TeleMeloni
Il licenzioso Prévert e i dilemmi del traduttore, tra calembours e rima baciata di “lazzi”…
Il licenzioso Prévert e i dilemmi del traduttore, tra calembours e rima baciata di “lazzi”…
Dal taccuino dei ricordi. Il sogno di un’Alfa Romeo popolare, il realismo di Luraghi e i modelli nati al Sud
Dal taccuino dei ricordi. Il sogno di un’Alfa Romeo popolare, il realismo di Luraghi e i modelli nati al Sud
“Drive-Away Dolls” di Ethan Coen, un piccolo gioiello di intelligente umorismo
“Drive-Away Dolls” di Ethan Coen, un piccolo gioiello di intelligente umorismo

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...