Tiscali.it
SEGUICI

La destra più nera si allarga in Europa, Meloni si consolida, il Pd recupera, balzo di Verdi e Sinistra

di Italia Libera   
La destra più nera si allarga in Europa, Meloni si consolida, il Pd recupera, balzo di Verdi e...

In Francia le destre estreme toccano il 40% e Macron scioglie il parlamento e indice nuove elezioni fra quattro settimane. Paga il suo ottuso e protervo bellicismo assieme a Olaf Scholz, surclassato dal partito neonazista, trascinando con sé i Grünen che dimezzano i voti rispetto a tre anni fa. Uno schianto fragoroso. Giorgia Meloni consolida il suo consenso, Forza Italia sopravvive a Berlusconi e Salvini consegna la Lega a Vannacci. Renzi e Calenda si suicidano (ma continueranno, imperterriti, a migrare da un talk show all’altro). A sinistra il Pd recupera un pezzo del suo elettorato disperso a spese di Giuseppe Conte, in un travaso a somma zero. La leadership plurale tra Verdi e Sinistra fa compiere un balzo fin quasi al 7% agli ecologisti: mai così in alto in una elezione generale. L’onda nera ora può far deragliare davvero l’Unione europea costruita dopo la tragedia di due guerre mondiali

◆ L’editoriale di IGOR STAGLIANÒ

► Lo schiaffo più sonoro è arrivato sul volto di Emmanuel Macron, seguito da quello incassato da Olaf Scholz. Il motore delle due locomotive politiche ed economiche dell’Europa si è inceppato contemporaneamente con uno schianto fragoroso. Le spinte anti establishment generate da un disagio sociale crescente si sono saldate ad un sentimento contro la guerra in Europa, capitalizzato, paradossalmente e in massima parte, dall’estrema destra tedesca, austriaca e francese. Nel paese che quattro giorni fa ha celebrato ai massimi livelli l’ottantesimo anniversario del D-day che diede il via alla Liberazione dell’Europa dal nazifascismo, oggi avanzano le destre peggiori. Sommate, in Francia esse raggiungono il 40% dei consensi elettorali, ipotecando in buona misura il risultato delle elezioni legislative che Macron è stato costretto a tambur battente ad indire fra quattro settimane. Un D-day al contrario.

Se lo schiaffo a Macron fosse solo il risultato, mai così prevedibile, della protervia sciovinista d’oltralpe — persino nei confronti della storia della Seconda guerra mondiale, riscritta ad uso e consumo del tappeto rosso da stendere ai piedi dell’incespicante Biden — potremmo fare spallucce e andare oltre. Combinata alla batosta di Scholz, surclassato addirittura da un partito dichiaratamente nazista, è la sconfitta dell’Asse franco-tedesco a terremotare l’Europa che abbiamo conosciuto sin qui. Un asse bellicista che ha risucchiato nella sua orbita autodistruttiva i Grünen tedeschi portandoli a dimezzare in tre anni i loro voti. L’opinione pubblica europea si è espressa più volte contro l’escalation della guerra in Ucraina, per chi aveva orecchi per prestargli ascolto. Eppure, cinque giorni prima del voto il ministro tedesco della Difesa, il socialdemocratico Boris Pistorius, ha detto apertis verbis che dobbiamo preparare i nostri figli a entrare in guerra entro i prossimi cinque anni. Se non è dio a togliere il senno a chi vuol perdere, chi altri sarà?

Aver voluto dirottare risorse crescenti verso la corsa agli armamenti non vuol dire solo stravolgere l’identità ideale e politica dell’Europa voluta dai padri fondatori dell’Unione. Il che è sempre bene ricordarselo. Vuol dire sottrarre nell’immediato futuro risorse vitali ad un welfare inclusivo che ha costruito settant’anni di pace e benessere nel Continente. E negarle, contemporaneamente, a un Green Deal che ha posto l’Europa dell’ultimo lustro all’avanguardia del mondo nella lotta contro la crisi climatica e per la giustizia sociale. Un’inversione a “U” che ha il volto di Ursula von Der Leyen che, pur di restare in sella per un secondo giro a capo della Commissione europea, ha ridato fiato al veleno nazionalistico, foriero — come sempre nella storia d’Europa — di altre sanguinose tragedie. E, attraverso la cooptazione della sua “amica Giorgia”, l’onda nera ora può far deragliare l’Unione europea come è stata costruita sin qui, schiudendo le porte alla destra più radicale.

La sfida ineludibile per fronteggiare la crisi e la giustizia climatica, intrecciata ad una sanità a pezzi e a un lavoro povero che si allarga a macchia d’olio, è anche il terreno per rimettere insieme i pezzi dell’opposizione politica al governo Meloni. Una destra, ottusa o in malafede, che ha infarcito di bugie rozze e grottesche la sua propaganda elettorale contro la conversione ecologica e sociale che le nostre società non possono più eludere. Lo ha fatto confondendo le acque e solleticando i bassi istinti su case e mobilità green su cui l’Europa uscita dal voto di ieri potrebbe cedere ulteriore terreno alle lobby potentissime Oil&Gas che l’hanno ghermita. A pagare un prezzo salatissimo saranno, se il progetto dovesse compiersi, i ceti sociali più deboli ingannati dalla demagogia di un negazionismo antiscientifico spudorato. 

In Italia, il recupero di una fetta significativa dell’elettorato disperso del Pd, perseguito con umiltà e tenacia dalla leadership di Elly Schlein, è avvenuto a discapito dei 5 Stelle di Giuseppe Conte, in un travaso a somma zero. Essi pagano bizze competitive di troppo all’interno di un’alleanza di centro sinistra senza la quale la Meloni potrà dormire sonni elettorali tranquilli ancora a lungo. Un raggio di luce è venuto, invece, dal successo dell’Alleanza Verdi e Sinistra attestata attorno al 7%: mai così in alto in una elezione generale. Una leadership plurale che — stavolta — ha saputo intrecciare ecologismo, difesa della democrazia, lotta per la giustizia climatica e per la pace, contro democrature, razzismo e xenofobia. Onore al merito, dunque, e buon lavoro: occhio, però, a non disperdere un lievito prezioso che l’8 e 9 giugno è stato messo generosamente nelle vostre mani, cari Bonelli e Fratoianni. Pensate, anche solo per un attimo, ai tantissimi che non sono andati a votare, disillusi e scoraggiati. E alle praterie che possono essere percorse e conquistate con loro. Territori disseminati — ahinoi — di trappole e nemici in agguato, coi lanciafiamme a sei zampe fra i denti. A Roma come a Bruxelles. © RIPRODUZIONE RISERVATA

di Italia Libera   
I più recenti
Il Forum di Tripoli e il traffico di esseri umani: la guerra tra poveri targata Meloni-Piantedosi
Il Forum di Tripoli e il traffico di esseri umani: la guerra tra poveri targata Meloni-Piantedosi
Al Castello di Sermoneta, la 60ª edizione del Festival Pontino tra grandi maestri e giovani talenti
Al Castello di Sermoneta, la 60ª edizione del Festival Pontino tra grandi maestri e giovani talenti
Università e ricerca scientifica: da valutazioni a spanne ad algoritmi e soglie. E il troppo storpia
Università e ricerca scientifica: da valutazioni a spanne ad algoritmi e soglie. E il troppo storpia
L’Europa è diventata adulta, ed anche ingrata. Ma ci si salva insieme o non ci si salva affatto
L’Europa è diventata adulta, ed anche ingrata. Ma ci si salva insieme o non ci si salva affatto
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...