Tiscali.it
SEGUICI

La crisi del Pd è un guaio per il Paese. Serve un’opposizione forte ed efficiente 

di Italia Libera   
La crisi del Pd è un guaio per il Paese. Serve un’opposizione forte ed efficiente 

A una settimana dalla conclusione dell’Assemblea nazionale del partito non sembra che il dibattito interno ed esterno cresca in qualità sul piano della politica e dei programmi. C’è l’autocandidatura dell’onorevole Paola De Micheli la quale recupera persino il ponte sullo Stretto come bandiera da agitare. C’è un solitario Gianni Cuperlo. C’è il governatore emiliano Bonaccini sostenitore dell’autonomia differenziata e della cessione ad Amazon e C. di interi comprensori. Per contro c’è Elly Schlein che propone un programma alternativo che tuttavia esigerebbe più approfondite motivazioni. Un quadro con indicazioni poco chiare

Il commento di VITTORIO EMILIANI

IL GOVERNO DI DESTRA avrebbe bisogno di una opposizione seria, concreta, efficiente e invece il Partito Democratico non solo non ottiene da Conte un rapporto di alleanza ma appare in crisi di identità. In effetti il Pd non ha recuperato i valori di una sinistra riformatrice con una forte connotazione europeista. Al contrario, dopo la rinuncia di Enrico Letta non si riesce a capire quale connotazione di fondo possa avere. 

Questa crisi viene da lontano, da quando la classe dirigente proveniente dal Pci (poi Pds e Ds), come D’Alema o Veltroni, non ha saputo orientare un elettorato allora vasto cercando di collocarsi nel solco di un socialismo europeo. È l’eredità di Berlinguer che non aveva concesso alcun riconoscimento a Craxi neppure per l’Achille Lauro né per Sigonella. Craxi peraltro si era adagiato in una alleanza di puro potere con il Caf lasciando che il Psi divenisse più che mai un partito di clientele personali e di corrente. Che un uomo dalla personale onestà cristallina come De Martino non poteva certo contrastare. Così come non poteva farlo Mancini, il quale viveva sulle fedeli clientele calabresi e non poteva essere un leader nazionale credibile. 

Quando dalla estenuante kermesse del Midas uscì Craxi a qualcuno uscì la battuta di un Craxi-driver. Ma chi la formulò non sapeva che Bettino non si sarebbe lasciato guidare da nessuno. Certo l’uomo di governo (Achille Lauro, Sigonella) ebbe uno stacco diverso da quello di partito. Ma non poteva bastare, anche perché l’abolizione del meccanismo moltiplicatore della scala mobile gli procurò una protesta comunista di impressionante violenza. In effetti Craxi e Berlinguer erano personaggi incomunicabili. La strategia di quel Pci così settario non portava da nessuna parte in Europa e l’eurocomunismo con Marchais e Carrillo non aveva alcun futuro, come si constatò subito.

Il Partito Democratico nasce dopo vari passaggi nei quali il Pci si snerva per lunghi anni. Il massimo di confusionismo la raggiunge allorché viene eletto segretario Natta, il cui primo passo importante è andare a Mosca in compagnia di Cossutta ad incontrare l’ormai perente Andropov. Dopo tante traversie, il Partito Democratico — nato, ricordiamolo, senza alcun rapporto storico con la tradizione “socialista” — si trova ora ad affrontare una prova assai problematica. C’è l’autocandidatura dell’onorevole Paola De Micheli la quale recupera persino il ponte sullo Stretto come bandiera da agitare. C’è un solitario Gianni Cuperlo. C’è il governatore emiliano Bonaccini sostenitore dell’autonomia differenziata e della cessione ad Amazon e C. di interi comprensori. Per contro c’è Elly Schlein che propone un programma alternativo che tuttavia esigerebbe più approfondite motivazioni.

Da questo quadro politico non sembrano per ora uscire indicazioni molto chiare. C’è da augurarsi che nelle prossime settimane il dibattito all’interno e all’esterno del Pd cresca in qualità sul piano della politica e dei programmi. L’esperienza delle amministrative non è certo incoraggiante. A Roma, per esempio, il candidato di centrosinistra ha vinto ma accettando la logica perversa delle correnti e quindi delle clientele personali. Un percorso che sarebbe disastroso se prevalesse anche nella preparazione del congresso del Partito Democratico. Eppure, per ora, con l’eccezione del giovane Provenzano, questa sembra essere la prospettiva più probabile realisticamente. © RIPRODUZIONE RISERVATA

di Italia Libera   
I più recenti
“Ma io ti ho sempre salvato”, il saggio autobiografico di Luciano Violante sul «rispetto per la vita»
“Ma io ti ho sempre salvato”, il saggio autobiografico di Luciano Violante sul «rispetto per la vita»
“Il caso Goldman” di Cédric Khan, una storia vera tra ordine costituito e ordine contestato
“Il caso Goldman” di Cédric Khan, una storia vera tra ordine costituito e ordine contestato
L’“Ultimo” dei giovani: il voto, il non voto e la giusta “ansia da futuro” che apre la mente al dubbio
L’“Ultimo” dei giovani: il voto, il non voto e la giusta “ansia da futuro” che apre la mente al dubbio
11/ Visti da vicino. «Françoise Hardy e quella volta che feci da scudo protettivo alla sua vocina»
11/ Visti da vicino. «Françoise Hardy e quella volta che feci da scudo protettivo alla sua vocina»
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...