Tiscali.it
SEGUICI

“La cospirazione del Cairo” dello svedese Tarik Saleh: giochi di potere ad alta tensione in Egitto oggi

di Italia Libera   
“La cospirazione del Cairo” dello svedese Tarik Saleh: giochi di potere ad alta tensione in Egitto...

L’omicidio di un allievo nel più prestigioso centro religioso sunnita, dà il via a un film con un intreccio solido, costruito intorno allo spregiudicato comportamento dei servizi segreti, che operano al di fuori di ogni controllo. Una accurata descrizione della vita dentro al-Azhar, l’università dei futuri imam, con una bella fotografia, belle musiche e ottimi attori. In cui spiccano il palestinese Tawfeek Barhom e lo svedese Fares Fares, che interpreta un colonnello con qualche barlume di umanità

La recensione di BATTISTA GARDONCINI *

TARIK SALEH È un regista svedese figlio di padre egiziano, e chi vuol capire qualcosa di più dell’Egitto contemporaneo non può prescindere dai suoi film. Quello che gli ha dato fama internazionale – e gli ha procurato l’ostracismo del paese di provenienza – era “Omicidio al Cairo”, una storia gialla che partiva dalla morte di una famosa cantante e arrivava a descrivere la drammatica realtà di una nazione corrotta alla vigilia di una rivoluzione finita malissimo. Per il pubblico italiano quel film, uscito a pochi mesi di distanza dalla brutale uccisione di Giulio Regeni ad opera dei servizi segreti egiziani, era un pugno nello stomaco che andava oltre i suoi indubbi meriti.

Ora è arrivato nelle nostre sale “La cospirazione del Cairo”, uscito nel 2022 e premiato a Cannes per la migliore sceneggiatura. Anche in questo caso si parte da un omicidio, quello di un allievo di al-Azhar, il più prestigio centro religioso sunnita del mondo arabo, nonché l’università dove studiano i futuri imam. Un altro allievo, Adam, figlio di un povero pescatore, viene coinvolto suo malgrado nelle indagini da un colonnello dei servizi segreti, e scopre che l’omicidio è maturato nei giochi di potere per la scelta del nuovo rettore. Un carica a vita, ambitissima, alla quale il governo egiziano vorrebbe fosse eletto un religioso amico.

L’intreccio, solido e pieno di tensione, è tuttavia la parte meno interessante del film. Ciò che colpisce, oltre alla accurata descrizione della vita dentro al-Azhar, dove si confrontano i moderati vicini al governo e gli estremisti legati ai fratelli musulmani, è lo spregiudicato comportamento dei servizi segreti, che operano al di fuori di ogni controllo.

Bella la fotografia, ben scelte le musiche, ottimi gli attori dove spiccano il giovane palestinese Tawfeek Barhom nei panni del tormentato Adam e lo svedese Fares Fares, che interpreta un colonnello con qualche barlume di umanità. Da vedere. © RIPRODUZIONE RISERVATA

(*) L’autore dirige oltreilponte.org

di Italia Libera   
I più recenti
11/ Visti da vicino. «Françoise Hardy e quella volta che feci da scudo protettivo alla sua vocina»
11/ Visti da vicino. «Françoise Hardy e quella volta che feci da scudo protettivo alla sua vocina»
Amleto va per farfalle tra erba alta, biodiversità e decoro. Sfalcio o non sfalcio, è questo il...
Amleto va per farfalle tra erba alta, biodiversità e decoro. Sfalcio o non sfalcio, è questo il...
Ebbene sì, anche per i giornalisti vale la sicurezza sul lavoro. Non solo nei teatri di guerra
Ebbene sì, anche per i giornalisti vale la sicurezza sul lavoro. Non solo nei teatri di guerra
Insulto alla memoria di Matteotti: francobollo celebrativo allo squadrista romano Italo Foschi
Insulto alla memoria di Matteotti: francobollo celebrativo allo squadrista romano Italo Foschi
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...