Tiscali.it
SEGUICI

In morte di Giulia. Ai funerali il messaggio del padre, un esempio in un’Italia ancora arretrata

di Italia Libera   
In morte di Giulia. Ai funerali il messaggio del padre, un esempio in un’Italia ancora arretrata

L’assassinio di Giulia Cecchettin ha commosso per la solarità della vittima, per la crudeltà del fatto, perché è un ennesimo “femminicidio” che appare commesso con una motivazione abbietta, e cioè l’irragionevole volontà di possesso. C’è una riflessione ulteriore da fare, e la suggerisce il messaggio del padre di Giulia, ai funerali della figlia

◆ Il corsivetto di VITTORIO EMILIANI

► Vediamo in tv i funerali della povera Giulia stroncata da un fidanzato possessivo sino alla mania ossessiva che ha come sbocco terribile la distruzione fisica dell’altra. Si alzano in cielo i palloncini bianchi. C’è in Italia tanta strada da fare per avvicinare una parità reale, vissuta, fruita. Guardando le statistiche ci stupivamo constatando che in Italia in apparenza il tasso di femminicidi era più basso rispetto ad altri paesi europei. Un dato di facciata illusorio. In realtà da noi la condizione della donna era ed è nettamente peggiore perché ci sono meno donne autonome, con una propria occupazione e quindi remunerazione. Come avviene in altri Paesi.

Il padre di Giulia Cecchettin non ha chiesto vendetta ma giustamente la più grande umana duratura comprensione di una privazione che l’assassino ha reso assoluta, irrimediabile. A me pare un dato di fondo più avanzato da rimarcare con forza se non si vuole rimanere prigionieri di una spirale cieca e senza vie di uscita. 

Credo che sia giusto sottolineare questi comportamenti come esemplari in una società come la nostra affinché giovani e meno giovani possano fruire di quei modi di essere. Che pure sono importanti in questa società anafettiva spesso senza gli stimoli critici che noi più anziani abbiamo avuto, di cui abbiamo ampiamente fruito e potuto fruire. © RIPRODUZIONE RISERVATA

di Italia Libera   
I più recenti
“Ma io ti ho sempre salvato”, il saggio autobiografico di Luciano Violante sul «rispetto per la vita»
“Ma io ti ho sempre salvato”, il saggio autobiografico di Luciano Violante sul «rispetto per la vita»
“Il caso Goldman” di Cédric Khan, una storia vera tra ordine costituito e ordine contestato
“Il caso Goldman” di Cédric Khan, una storia vera tra ordine costituito e ordine contestato
L’“Ultimo” dei giovani: il voto, il non voto e la giusta “ansia da futuro” che apre la mente al dubbio
L’“Ultimo” dei giovani: il voto, il non voto e la giusta “ansia da futuro” che apre la mente al dubbio
11/ Visti da vicino. «Françoise Hardy e quella volta che feci da scudo protettivo alla sua vocina»
11/ Visti da vicino. «Françoise Hardy e quella volta che feci da scudo protettivo alla sua vocina»
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...