Tiscali.it
SEGUICI

I nuovi indifferenti. La tragedia di Crotone, il silenzio degli intellettuali

di Italia Libera   
I nuovi indifferenti. La tragedia di Crotone, il silenzio degli intellettuali

In Italia abbiamo intellettuali che fanno dichiarazioni, danno valutazioni, esprimono giudizi su molte e molte cose della politica. Spesso su questioni di interesse secondario, fatti non rivelanti, situazioni piccole. Ma sulla strage dei migranti annegati nel mare di Crotone, per lo più questo “esercito della dichiarazione e del commento” ha taciuto. Un’assenza che stride, di fronte a quanto grande è questa tragedia. Silenzio. Proprio mentre servirebbe al contrario gridare. E tra gli italiani finisce con farsi largo quel convitato che non vorremmo tra noi, soprattutto fra i giovani: l’indifferenza

Il commento di VITTORIO EMILIANI

HA RAGIONE IL NOSTRO vecchio e insostituibile amico Luigi Manconi a sottolineare la pressoché totale assenza degli intellettuali italiani — che in genere commentano la politica — dalla terribile strage di migranti nel mare di Crotone. Non può bastare, anche se va lodata e apprezzata come non mai, la presenza commossa del Presidente Mattarella. Donne e uomini di cultura tanto pronti a far dichiarazioni — nota giustamente Manconi — su questioni e su episodi indubitabilmente meno tragici stavolta tacciono o si occupano di altro. E fra gli italiani finisce per insediarsi quel convitato che in questo momento non vorremmo, anzi non vogliamo fra noi, fra i più giovani soprattutto: l’assuefazione, l’indifferenza. Perché, vengano dall’Africa o dall’Asia, queste donne, questi bambini spesso soli, questi uomini sovente anziani, sono nostre sorelle, fratelli, figli o madri e padri. La globalizzazione economica ha esaltato le diseguaglianze fra le classi e l’arricchimento di pochi a danno dei molti. Ma siamo fermi qui se rinunciamo ad una contro azione politica nel senso più generale del termine, se ci chiudiamo, se restiamo in silenzio. Se non giudichiamo tutto ciò inaccettabile nel modo più gridato e totale. La povertà, la fame, la mancanza di lavoro non possono, non devono essere considerati una colpa. © RIPRODUZIONE RISERVATA

di Italia Libera   
I più recenti
La “trappola della povertà” e il circolo vizioso della fame nel mondo in Asia, Africa e America Latina
La “trappola della povertà” e il circolo vizioso della fame nel mondo in Asia, Africa e America Latina
La transizione energetica continua, nonostante gli ostacoli frapposti dai negazionisti climatici
La transizione energetica continua, nonostante gli ostacoli frapposti dai negazionisti climatici
Guerra di Gaza. Israele, la Torah e il valore di una parola di sole quattro lettere: pace
Guerra di Gaza. Israele, la Torah e il valore di una parola di sole quattro lettere: pace
“Il Gusto delle Cose”: commovente lezione d’amore  tra eros e cibo con Juliette Binoche e Benoît...
“Il Gusto delle Cose”: commovente lezione d’amore tra eros e cibo con Juliette Binoche e Benoît...
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...