Tiscali.it
SEGUICI

Fellini e Visconti, La Dolce vita e Il Gattopardo. Storia parallela di capolavori e censura

di Italia Libera   
Fellini e Visconti, La Dolce vita e Il Gattopardo. Storia parallela di capolavori e censura

Federico Fellini e Luchino Visconti non si amavano, eppure la loro grande avventura artistica li vide avere nemici comuni: gli intellettuali comunisti che non accettarono il loro allontanarsi dal neorealismo, la censura che forsennata li perseguitò fino a indebite pressioni sulla giuria del Festival del cinema a Venezia. Ma la grandezza del loro cinema fu più forte dell’ostracismo

L’articolo di VITTORIO EMILIANI

È STATO TRASMESSO in tv nei giorni scorsi un racconto molto diffuso e particolareggiato su due film assai diversi che però hanno fatto la storia del nostro cinema nel mondo, cioè “La dolce vita” di Fellini e “Il Gattopardo” di Visconti. Su entrambi i film si abbatté la stroncatura della critica comunista perché entrambi erano palesemente fuori dal neorealismo.

Federico Fellini non era mai stato un seguace fedele del neorealismo e si era già preso critiche pesanti coi film precedenti, dai “Vitelloni” alle “Notti di Cabiria”, al di là della qualità stessa dei film, ma perché gli stessi erano ormai al di fuori della tematica e della narrazione neorealista. Anche Visconti già con film precedenti era uscito dal recinto guardato a vista da Mario Alicata e compagni e quindi seguito con crescente sospetto. Era il Pci però ad essere culturalmente, e non solo, lontano rispetto all’evolversi della società italiana verso nuovi modelli. “La dolce vita” vinse la Palma d’Oro al Festival di Cannes 1960 come miglior film (presidente della giuria era lo scrittore Georges Simenon) e successivamente fu candidato a 4 premi Oscar (vincendo con Piero Gherardi quello dei migliori costumi, ndr).

Il successo di Visconti col “Gattopardo”, tratto dal romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa deceduto nel frattempo per un cancro, fu straordinario. Il romanzo era stato accompagnato da vendite inusitate per l’Italia, e da una campagna ostile da parte della stampa di sinistra, l’Unità in primo luogo, la quale lo aveva descritto come un romanzo “di destra” che dava della liberazione della Sicilia dalla dominazione borbonica un quadro conservatore e peggio.

Il film quindi era molto atteso anche per il cast internazionale che, con Burt Lancaster nelle vesti del principe di Salina, Visconti si era assicurato. Certo il “Gattopardo”, come libro, aveva suscitato già taglienti polemiche quando era uscito da Feltrinelli postumo dopo essere stato rifiutato da altri importanti editori e dai loro staff a cominciare da quello prestigioso guidato da Elio Vittorini e anche da quello che aveva come guida Giorgio Bassani. Il successo nelle vendite era stato di portata subito  eccezionale e quindi tutto ciò che riguardava il “Gattopardo” diveniva materia rovente.

I due grandi registi non si erano mai amati. Visconti più anziano era arrivato al cinema dopo un periodo di apprendistato a Parigi con Jean Renoir dove si era anche molto occupato della sua scuderia di galoppatori purosangue. Fellini era diventato sceneggiatore dei primi film neorealisti con Rossellini e Blasetti. La sua prima pellicola, “Luci del varietà”, l’aveva girato con Alberto Lattuada, ma il suo primo film era stato “Lo sceicco bianco” con Alberto Sordi. Poi il grande successo era arrivato con “I vitelloni” (1953) sempre con Sordi e con Franco Fabrizi.

Con “Senso” (1954) Visconti aveva già avuto dei problemi con la censura occhiuta di quegli anni. Si sapeva che gli alti comandi dell’esercito e dei carabinieri non avevano apprezzato affatto le scene sulla battaglia persa a Custoza dall’esercito sabaudo ancorché spalleggiato dai volontari veneti e lombardi. Le scene del tradimento dell’ufficiale austriaco interpretato da Farley Granger e della delazione di Alida Valli l’amante abbandonata erano giudicate negativamente dai censori. Ce n’era abbastanza per non far vincere al film di Visconti il Leone d’oro alla Mostra del cinema di Venezia.

Ma grandi difficoltà censorie avrebbe incontrato anche “I vitelloni” di Fellini nonostante il favore  dei circoli cattolici più evoluti e nonostante la collaborazione attiva di giornalisti come Camilla Cederna nota per il suo laicismo e però ben vista dai gesuiti milanesi del Centro San Fedele. Ragion per cui il capolavoro di Fellini ebbe soltanto un Leone d’argento. La Giuria decise di non assegnare nessun Leone d’oro quell’anno. © RIPRODUZIONE RISERVATA

di Italia Libera   
I più recenti
Ricerca, biosicurezza e “dual use”: oggi il buon senso non basta più e i codici etici sono da rivedere
Ricerca, biosicurezza e “dual use”: oggi il buon senso non basta più e i codici etici sono da rivedere
Transizione green e veicoli elettrici: lo spostamento a destra ci costerà 20 miliardi di euro in più
Transizione green e veicoli elettrici: lo spostamento a destra ci costerà 20 miliardi di euro in più
“Ma io ti ho sempre salvato”, il saggio autobiografico di Luciano Violante sul «rispetto per la vita»
“Ma io ti ho sempre salvato”, il saggio autobiografico di Luciano Violante sul «rispetto per la vita»
“Il caso Goldman” di Cédric Khan, una storia vera tra ordine costituito e ordine contestato
“Il caso Goldman” di Cédric Khan, una storia vera tra ordine costituito e ordine contestato
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...