Tiscali.it
SEGUICI

Europa 2024. «Serve un’Unione di giustizia sociale e ambientale, evitando derive autoritarie»

di Italia Libera   
Europa 2024. «Serve un’Unione di giustizia sociale e ambientale, evitando derive autoritarie»

L’Europa unita deve restare un luogo di promozione del welfare universale, non penalizzato dall’austerità. Un sistema nel quale la conoscenza e i dati siano accessibili e a disposizione delle comunità. Dove la trasformazione ecologica sia accelerata nell’interesse prima di tutto dei più vulnerabili, per realizzare un modo più giusto di vita e di lavoro e dove le politiche pubbliche e di governo siano democratizzati. Un’Europa che prenda consapevolezza del proprio fondamentale ruolo nei processi migratori e che agisca come costruttore di cooperazione e pace

◆ L’intervento di ALESSIO LATTUCA

► A poco a poco quasi senza accorgersene (come su un piano inclinato), si è entrati in un ambito delicato dell’economia che riguarda la solidarietà, i diritti e in particolare le disuguaglianze. Elementi che inducono a considerare che sia arrivato il momento di offrire un contributo informativo e di confronto, un metro per giudicare programmi, partiti, candidature ed eletti e per disegnare un’Europa di giustizia sociale e ambientale. Perché l’Europa sia un luogo di promozione del welfare universale, non penalizzato dall’austerità. Un sistema nel quale la conoscenza e i dati siano accessibili e a disposizione delle comunità. Dove la trasformazione ecologica sia accelerata nell’interesse prima di tutto dei più vulnerabili, per realizzare un modo più giusto di vita e di lavoro e dove le politiche pubbliche e di governo siano democratizzati. Un’Europa che prenda consapevolezza del proprio, fondamentale ruolo nei processi migratori e che agisca come costruttore di cooperazione e pace

D’altronde non esiste al momento una bussola per il monitoraggio civico delle azioni che l’Unione realizzerà nella prossima legislatura, posto che la politica debba sempre ritrovare il coraggio di restituire centralità ai contenuti e parlare di cose concrete, non solo per essere più credibile ma per recuperare lo strappo tra politica e società e per fare ritrovare alle persone l’utilità di partecipare al voto. In definitiva, occorre fare di tutto perché l’Europa cambi rotta, per evitare la deriva autoritaria, mostrando con proposte concrete come fare, sfidando i candidati a farle proprie nel Parlamento europeo, e a portarle lì come delle bandiere. Parallelamente emerge la necessità e, perfino, la sfida per valutare se non sia ora di pensare un’idea diversa d’Europa che coltivi e promuova giustizia sociale e ambientale ma anche la pace. Al riguardo è necessario tenere d’occhio e osservare se la coalizione che ha governato gli ultimi anni, pur avendo compiuto passi in avanti sul piano dei contenuti sociali, resta profondamente segnata dalla cultura neoliberista, con la pericolosa tendenza verso quella conservatrice-autoritaria in forte ascesa.

Al centro di queste questioni stanno alcuni elementi di fondo che meritano di essere considerati: a partire da come eliminare o quantomeno ridurre le disparità generate dal neoliberismo indotto dagli “Animals spirits” alimentati da un turbocapitalismo finanziario globale rivelatosi distruttivo, che non accetta alcun tipo di regola o correttivo. Esso è infatti responsabile delle conseguenti distorsioni del mercato che hanno prodotto uno sterminato arricchimento di pochi a discapito di molti. Tutti temi che ingigantisco un problema, ad oggi irrisolto, e che rendono urgente valorizzare le potenzialità di sviluppo dell’economia di impatto per ribaltare l’approccio egoistico con la società e l’ambiente, in modo da essere più “generativi”. Con un precedente importante, teorizzato in Italia alla fine del XVII secolo: l’economia civile. La politica, aldilà dei ruoli e delle responsabilità specifiche, ha il dovere di realizzare le proprie idee ma al tempo stesso le deve contemperare con quelle degli altri nell’interesse del bene comune. Al riguardo occorrono azioni che favoriscano le aziende affinché non interpretino come un fardello, un vincolo, un peso le norme dell’Unione Europea, e individuare modalità di produzione della ricchezza che generino valore: ambientale, energetico, sociale, di genere, di governance, di diritti. E creare un argine allo svuotamento delle democrazie liberali e dei ceti medi produttivi che sono cuore e motore della struttura democratica. 

È il contrario di quanto recentemente è accaduto in Europa, la cui strategia di transizione ambientale e energetica sembra essere entrata in uno stato di impasse, a causa delle ondate neo conservatrici in atto, che stanno generando la prima vera contestazione alla finanza Esg (attenta ai fattori di tipo ambientale, sociale e di governo societari) e ancora più all’ecosistema Impact che serve ad allineare domanda e offerta di investimenti sociali. E tutto questo nonostante l’Europa stia provando a fare della sostenibilità un fattore competitivo. Un passaggio che non va vissuto come una compliance obbligatoria ma come una grande opportunità da prospettare e vendere anche sui mercati internazionali. © RIPRODUZIONE RISERVATA

di Italia Libera   
I più recenti
Il Forum di Tripoli e il traffico di esseri umani: la guerra tra poveri targata Meloni-Piantedosi
Il Forum di Tripoli e il traffico di esseri umani: la guerra tra poveri targata Meloni-Piantedosi
Al Castello di Sermoneta, la 60ª edizione del Festival Pontino tra grandi maestri e giovani talenti
Al Castello di Sermoneta, la 60ª edizione del Festival Pontino tra grandi maestri e giovani talenti
Università e ricerca scientifica: da valutazioni a spanne ad algoritmi e soglie. E il troppo storpia
Università e ricerca scientifica: da valutazioni a spanne ad algoritmi e soglie. E il troppo storpia
L’Europa è diventata adulta, ed anche ingrata. Ma ci si salva insieme o non ci si salva affatto
L’Europa è diventata adulta, ed anche ingrata. Ma ci si salva insieme o non ci si salva affatto
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...