Tiscali.it
SEGUICI

Elly Schlein e il nuovo Pd, le disuguaglianze e la crisi climatica: una botta di vita a sinistra

di Italia Libera   
Elly Schlein e il nuovo Pd, le disuguaglianze e la crisi climatica: una botta di vita a sinistra

L’elezione dell’ottavo segretario in sedici anni anni di vita del partito ripropone il nodo irrisolto sulla sua natura. Una sinistra post laburista dedita ad operare come «agenzia di servizi di un capitalismo che si oppone alle misure di equità e alla transizione ecologica», per usare la definizione tagliente del direttore del Mulino, Mario Ricciardi? Oppure la fine della damnatio memoriae per la parola socialismo proprio sul terreno della lotta alla crisi climatica? Sul paradigma plastico degli errori del Novecento e dei varchi da attraversare verso il futuro, adesso, non sarebbe uno scandalo dibattere esplicitamente di ecosocialismo anche alle nostre latitudini. Senza esitazioni e senza ideologismi; senza le piccole rendite di posizione che legano i passi politici al passato. Con la semplicità, invece, di una lingua comprensibile a tutti, in un orizzonte valoriale chiaro, per combattere la giusta battaglia contro paure e solitudini, individuali e collettive

Questo editoriale apre il numero 36 del nostro magazine distribuito nelle edicole digitali dal 21marzo 2023

L’editoriale di IGOR STAGLIANÒ

FRA BLANDIZIE UNTUOSE, consigli non richiesti e minacce velate, il rosario di parole attorno ad Elly Schlein non si arresta. Tanto più, se il Pd sale nel ranking di social e sondaggisti, termometro imprescindibile della politica nevrotica e ansiogena d’oggi. A fine febbraio, ai gazebo è maturata una rivolta liberatrice del cerchio largo allontanatosi, un passo dopo l’altro, dalla struttura organizzata del partito. Abbandonata da elettori disillusi, ingessata da «cacicchi e capibastone». L’energia positiva di elettori e simpatizzanti ha scosso un corpo politico anchilosato da lustri di mera amministrazione e sopravvivenza pervicace nelle stanze del potere istituzionale. Inattesa, è arrivata una buona notizia per la salute della nostra democrazia. 

Parole, dunque. Tante, di natura diversa. Troppe per girare attorno al nodo irrisolto della natura del Pd messo ora nelle mani di Schlein, ottavo segretario in sedici anni di vita del partito. Prendiamo l’esempio, alto, di un intellettuale solido e influente. Per Aldo Schiavone, la sinistra — a questo punto — deve superare definitivamente la critica strutturale del mondo esistente. Il conflitto tra capitale e lavoro produttivo, egli dice su Repubblica, «non esiste più, perché la rivoluzione tecnologica e la connessa ristrutturazione capitalistica hanno fatto semplicemente sparire dalla scena gli operai come classe, e posto fine alle loro battaglie». Resta in campo — come avviene da trent’anni — una sinistra post laburista dedita ad operare come «agenzia di servizi di un capitalismo che si oppone alle misure di equità e alla transizione ecologica», per usare le parole taglienti del direttore del Mulino, Mario Ricciardi

Il conflitto tra capitale e lavoro sarà dunque superato, e gli operai come classe non ci sono più, come ipotizza il professor Schiavone. Ma «la lotta di classe è in corso, e la stiamo vincendo noi»: parola di Warren Buffet (imprenditore americano, economista miliardario e filantropo generoso) al New York Times il 26 novembre del 2006. Ancora più netto — se possibile — è nove anni dopo, nel 2015: «Pago meno tasse della mia segretaria», proporzionalmente agli 11,6 milioni di dollari di reddito lordo rettificato. Non facciamola lunga e guardiamo la realtà in faccia subito: tra il 1980 e il 2022 la torta della ricchezza nell’area Ocse è divenuta più grande ma la fetta destinata ai lavoratori dipendenti è più piccola. In Germania nel 1980 era pari al 71% del Pil annuale, oggi è al 63%; in Francia la fetta destinata ai dipendenti era i tre quarti del totale, quarantadue anni dopo è scesa a due terzi; in Italia siamo passati dal 68% dell’80 al 59% del 2022. Gli stipendi annuali in Europa, tra il 1990 e il 2020, sono aumentati in media del 63% in Svezia, del 33,7% in Germania, del 31,1% in Francia (oggi in fiamme sulle pensioni). L’Italia è l’unico Paese Ocse ad avere salari più bassi del 2,9% rispetto al 1990. Misteri dell’economia …senza più classi sociali.

Una sinistra che non combatta le disuguaglianze semplicemente non esiste. La Schlein ne è consapevole e se ne vuole occupare. Lo ha detto nel primo question time della Meloni alla Camera; lo ha ripetuto al congresso della Cgil di Landini. Grandi praterie, a volerle percorrere, per le giuste battaglie sociali. Quanto ai “cattolici a rischio” nel nuovo Pd, vien da ridere a leggere dei renzisti in sonno, dei Delrio, dei Guerini o dei Marcucci, a confronto col coraggio “politico” della “Laudato si’” di Papa Bergoglio: la «casa comune» brucia davvero e la «conversione ecologica e sociale» arranca. Sarebbe uno scandalo sottrarre alla damnatio memoriae la parola socialismo proprio sul terreno della crisi climatica? È questo — lo si voglia dire esplicitamente o meno — il paradigma plastico degli errori del Novecento e dei varchi da attraversare verso il futuro, adesso. No, non sarebbe uno scandalo dibattere esplicitamente di ecosocialismo anche alle nostre latitudini. Senza esitazioni e senza ideologismi; senza le piccole rendite di posizione che legano i passi politici al passato. Con la semplicità, invece, di una lingua comprensibile a tutti, in un orizzonte valoriale chiaro, per combattere la giusta battaglia contro paure e solitudini, individuali e collettive. 

Questo giornale è stato sempre diretto. Anche con Elly Schlein. Nel criticarne le assenze — la battaglia contro i progetti dell’Eni di nascondere sotto il tappeto della Riviera romagnola l’anidride carbonica, per estrarre altri idrocarburi al largo di Ravenna. Nell’apprezzarne le scelte — il sostegno alle comunità energetiche contro l’ingiustizia climatica che colpisce le fasce sociali più deboli. Lo ha fatto, nei mesi scorsi per tutti noi, Vittorio Emiliani con la leale e adamantina schiettezza che gli è propria. Continueremo a farlo raccontando fatti, offrendo analisi e portando alla ribalta temi e argomenti scomodi, come compete a un giornale libero, senza pre-giudizi. Animati, tutti, da una convinzione profonda, declinata dalla sensibilità individuale di ciascuno dei nostri autori: la condizione di chi ha di meno non migliorerà affatto dando di più a chi ha di più, come s’è fatto per mezzo secolo. L’impostura intellettuale del trickle-down (dottrina sociale, prima che economica) ha prodotto un solo risultato: a “sgocciolare” verso il basso sono state poche e miserabili gocce; un limone spremuto dal neoliberismo fino alla buccia che ha sparso infelicità e disperazione sociale. Ha sbagliato la sinistra ad accettarne l’egemonia senza batter ciglio. Vestendola, anzi, di buone intenzioni con Blair, Clinton e Veltroni: come non vederne oggi gli esiti? Con la sua politica fiscale corporativa e classista insieme, la destra promette di aggravarne le conseguenze. C’è da sperare che l’energia di Schlein non sia fuoco di paglia. E che il nuovo Pd abbia la forza di mettersi su un’altra strada. Presto. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Sfoglia qui l’anteprima del magazine n. 36 (marzo 2023)

di Italia Libera   

I più recenti

La notte senza stelle di Torino. Le parabole parallele di due case reali nella polvere: i Savoia e gli Agnelli
La notte senza stelle di Torino. Le parabole parallele di due case reali nella polvere: i Savoia e gli Agnelli
Diventa presidente della Finlandia e lascia l’insegnamento a Firenze. I “migliori anni” di Stubb
Diventa presidente della Finlandia e lascia l’insegnamento a Firenze. I “migliori anni” di Stubb
Da Gaza al Mar Rosso, dove ci porta la guerra. I miliziani Houthi ammirati perché odiano Israele
Da Gaza al Mar Rosso, dove ci porta la guerra. I miliziani Houthi ammirati perché odiano Israele
1/ Rassegna ambientale. Slalom tra orsi abbattuti, ritorno del gatto selvatico e “Luna Parco”
1/ Rassegna ambientale. Slalom tra orsi abbattuti, ritorno del gatto selvatico e “Luna Parco”

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...