Tiscali.it
SEGUICI

Dal taccuino dei ricordi. Il sogno di un’Alfa Romeo popolare, il realismo di Luraghi e i modelli nati al Sud

di Italia Libera   
Dal taccuino dei ricordi. Il sogno di un’Alfa Romeo popolare, il realismo di Luraghi e i modelli nati al Sud

C’è un capitolo della storia, di gloria e ombre, dell’Alfa Romeo, che molti hanno rimosso e ora, in epoca di Stellantis, multinazionale che diversifica i marchi italiani oltre-confine e mette nel nostro Paese gli operai in cassa integrazione, andrebbe ricordata. È l’esperimento dell’Alfa Romeo in versione economica. Una suggestione per industrializzare il Sud, ma anche un’illusione della quale ll Presidente del Biscione, Giuseppe Luraghi, aveva previsto il fallimento

◆ Il corsivetto di VITTORIO EMILIANI

► Ricordo l’incontro affascinante con Giuseppe Luraghi ancora presidente dell’Alfa Romeo. Era in grande imbarazzo nel senso che l’azionista di maggioranza cioè il governo gli aveva chiesto di mettere in cantiere un’auto economica per lo stabilimento campano dell’area Cassa per il Mezzogiorno. Lo incontrai in quei giorno raccogliendo la sua amarezza: l’Alfa Romeo non era una fabbrica per auto economiche di serie, ma una fabbrica per auto comunque di élites. Difatti l’Arna che ci si intestardi a produrre non ebbe praticamente mercato. 

Ma il governo e le Partecipazioni Statali insistettero per il modello economico e nacque a Pomigliano d’Arco l’Alfasud 1300 cc. a trazione anteriore. Io, che avevo una Alfetta 1800 che in autostrada sfiorava i 190 km all’ora, l’acquistai. In salita era grintosa e rampante, ma aveva seri problemi alla carrozzeria che si arrugginiva facilmente e in modo diffuso. Ricordo che durante una sosta a Modena il meccanico mi disse che l’Alfasud era l’auto che riparavano di meno. Inoltre sarei potuto salire in Valtellina senza catene. 

Ma, ripeto, la ruggine era un problema molto serio. Per cui dovetti cambiare l’Alfasud con un altro modello. Del resto Luraghi lo aveva largamente previsto: l’Alfa Romeo non era un marchio per auto economiche di serie. Riconvertirla in quel senso equivaleva a snaturarla. E così era stato. Io stesso mi ero trovato benissimo con la Giulietta 1300 e mio fratello Andrea con una coupé Alfa Romeo. Quello era il suo segmento di mercato e non l’altro della utilitaria di massa tipico del resto della Fiat. All’epoca lavoravo al “Messaggero” come inviato e percorrevo anche 35.000 km all’anno per ragioni di servizio. Con l’Alfa 1800 mi trovai benissimo. © RIPRODUZIONE RISERVATA

di Italia Libera   
I più recenti
Crisi climatica. Il costo del calore sugli anziani: oltre 200 milioni le persone a rischio al 2050
Crisi climatica. Il costo del calore sugli anziani: oltre 200 milioni le persone a rischio al 2050
Lisbona. Conclusi vent’anni di restauri al Mosteiro dos Jeronimos, anzi no: ce ne vorranno altri due
Lisbona. Conclusi vent’anni di restauri al Mosteiro dos Jeronimos, anzi no: ce ne vorranno altri due
“Cattiverie a domicilio”, tra pregiudizio e sessismo l’Inghilterra perbenista di un secolo fa
“Cattiverie a domicilio”, tra pregiudizio e sessismo l’Inghilterra perbenista di un secolo fa
Pirandello all’Istat. Lavoro povero e precariato: la realtà irrompe sulla sua rappresentazione  
Pirandello all’Istat. Lavoro povero e precariato: la realtà irrompe sulla sua rappresentazione 
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...