Tiscali.it
SEGUICI

“Corro da te” con Favino, il remake di Milani che si lascia guardare (senza entusiasmo)

di Italia Libera   
“Corro da te” con Favino, il remake di Milani che si lascia guardare (senza entusiasmo)

La trama di “Corro da te” è identica anche nei dettagli a quella di “Tutti in piedi”, che nelle sale italiane era arrivato quattro anni fa. Il ricco imprenditore Gianni, impenitente donnaiolo, finge di essere bloccato su una sedia a rotelle per sedurre Alessia, che si occupa di assistenza ai disabili. Ma alla fine si innamora della bella sorella di lei, Chiara, che disabile lo è davvero per un incidente di macchina. La loro relazione, tra menzogne e tenerezze, avrà un esito facilmente prevedibile. Entrambi i film hanno il merito di affrontare con delicatezza un argomento difficile come la disabilità, senza mai cadere nel patetico

La recensione di BATTISTA GARDONCINI
NON AMO I REMAKE, che di solito sono operazioni commerciali per riproporre sui mercati internazionali, con i volti noti delle stelle del momento, vecchi successi o film interessanti che hanno avuto una circolazione limitata ai paesi di produzione. Quasi sempre sono peggiori degli originali, privi di freschezza e diretti da mestieranti che affrontano l’impresa senza particolari entusiasmi.

Così ho esitato a lungo prima di guardare “Corro da te”, la versione italiana del successo francese “Tutti in piedi”, che Riccardo Milani ha realizzato con Pierfrancesco Favino, Miriam Leone e Piera Degli Esposti nella sua ultima interpretazione. Milani è un buon regista, che ho molto apprezzato per lo scoppiettante “Come un gatto in tangenziale” e un po’ meno per lo stanco sequel “Ritorno a Coccia di morto”. I protagonisti sono bravi, e il risultato alla fine si lascia guardare, ma non entusiasma, nonostante i lusinghieri risultati al botteghino e i due nastri d’argento al film e alla Leone.

La trama di “Corro da te” è identica anche nei dettagli a quella di “Tutti in piedi”, che nelle sale italiane era arrivato quattro anni fa. Il ricco imprenditore Gianni, impenitente donnaiolo, finge di essere bloccato su una sedia a rotelle per sedurre Alessia, che si occupa di assistenza ai disabili. Ma alla fine si innamora della bella sorella di lei, Chiara, che disabile lo è davvero per un incidente di macchina. La loro relazione, tra menzogne e tenerezze, avrà un esito facilmente prevedibile. Il problema è che questo esito arriva dopo quasi due ore di film e qualche gigioneria di troppo, mentre l’originale francese era stato saggiamente contenuto nell’ora e mezza.

Entrambi i film, comunque, hanno il merito di affrontare con delicatezza un argomento difficile come la disabilità, senza mai cadere nel patetico. Merito soprattutto del regista e sceneggiatore francese Franck Dubosc, che del film originale era anche protagonista. © RIPRODUZIONE RISERVATA

_____

L’autore dirige Oltreilponte.org

La tua e la nostra libertà valgono 10 centesimi al giorno?

Aiutaci a restare liberi

di Italia Libera   
I più recenti
Europa 2024. Mario Salomone: «Superare la crisi climatica, combattere le disuguaglianze sociali»
Europa 2024. Mario Salomone: «Superare la crisi climatica, combattere le disuguaglianze sociali»
La “trappola della povertà” e il circolo vizioso della fame nel mondo in Asia, Africa e America Latina
La “trappola della povertà” e il circolo vizioso della fame nel mondo in Asia, Africa e America Latina
La transizione energetica continua, nonostante gli ostacoli frapposti dai negazionisti climatici
La transizione energetica continua, nonostante gli ostacoli frapposti dai negazionisti climatici
Guerra di Gaza. Israele, la Torah e il valore di una parola di sole quattro lettere: pace
Guerra di Gaza. Israele, la Torah e il valore di una parola di sole quattro lettere: pace
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...