Tiscali.it
SEGUICI

Chi è di sinistra e chi no. Basterebbe chiedere un sacrificio da poco (1%) per 1 italiano su 5

di Italia Libera   
Chi è di sinistra e chi no. Basterebbe chiedere un sacrificio da poco (1%) per 1 italiano su 5

Cosa vuol dire essere oggi di sinistra? La domanda può aprire dibattiti che potrebbero diventare maratone. Ma in questo breve intervento Guido Ortona dà una sua risposta, semplice e concreta, che ha bisogno di poche righe. Una risposta che può essere intesa anche come proposta. Il cui impatto non è velleitario. Un sacrificio dell’1% per il 20% degli italiani… vediamo come

L’articolo di GUIDO ORTONA

QUESTO ARTICOLO È molto breve. Per due motivi. Il primo è che l’autore ha solo una cosa da dire, che a lui sembra ovvia e non richiede molte parole. Il secondo è che l’autore spera che questo articolo venga diffuso, e venga letto anche da chi ha poco tempo per leggere.

La situazione politica è molto confusa. Sono in molti a chiedersi “cosa vuole dire oggi essere di sinistra”. La risposta a questa domanda è semplice: sono di sinistra quei partiti e quei movimenti che soddisfano due condizioni. La prima è che cerchino di ottenere che vengano estese le garanzie dello Stato sociale e i diritti sociali ed economici fondamentali sanciti dalla nostra Costituzione; e questo è ovvio. La seconda è che cerchino di ottenere che alle necessarie spese si provveda tassando opportunamente il patrimonio dei ricchi; e questo dovrebbe essere ovvio. Senza questa seconda condizione la prima sono parole senza significato.

Sappiamo che non si può, né sarebbe giusto, espandere il debito; che tassare i redditi elevati li fa scappare all’estero; che la lotta all’evasione fiscale deve essere parte di una più ampia riforma, altrimenti non colpirebbe i grandi contribuenti (che eludono più che evadere) e avrebbe effetti inflattivi e recessivi enormi. E allora rimane solo la ricchezza dei ricchi.

La ricchezza totale degli italiani ammonta a circa 10.000 miliardi (circa 5 volte il Pil di un anno). Il 20% più ricco delle famiglie ne detiene circa 7.000. Una tassa dell’1% (sottolineo: 1%) solo sui patrimoni di questo 20% renderebbe circa 70 miliardi. Un piccolo sacrificio per loro, un vantaggio enorme per la società. È scandaloso che ci sia chi afferma che è uno spreco spendere un decimo di questa cifra (un millesimo della ricchezza dei ricchi) per aiutare i poveri.

Naturalmente il discorso va approfondito sul piano tecnico; ma non occorre essere professori di economia (anche se l’autore lo è) per rendersi conto della validità di quanto sopra. Chi pretende di essere di sinistra deve chiedere che venga introdotta un’imposta del tipo qui suggerito. O, se preferite, chi non mette al centro del suo programma la richiesta che venga introdotta un’imposta di quel tipo non è di sinistra. © RIPRODUZIONE RISERVATA

La tua e la nostra libertà valgono 10 centesimi al giorno? Aiutaci a restare liberi

Dona ora su Pay Pal

di Italia Libera   

I più recenti

79 anni dalla Liberazione: anche in questo 25 Aprile «il fascismo vive ancora in mezzo a noi»
79 anni dalla Liberazione: anche in questo 25 Aprile «il fascismo vive ancora in mezzo a noi»
Gentilina Carlesimo, la vivandiera degli ebrei nascosti, scampati alla caccia dei nazisti a Sezze
Gentilina Carlesimo, la vivandiera degli ebrei nascosti, scampati alla caccia dei nazisti a Sezze
Giustizia climatica. La Corte europea dei diritti dell’uomo condanna la Svizzera. L’Italia sta peggio
Giustizia climatica. La Corte europea dei diritti dell’uomo condanna la Svizzera. L’Italia sta peggio
Dal taccuino dei ricordi. Come Emiliani divenne giornalista: la vocazione nell’Università “indigesta”
Dal taccuino dei ricordi. Come Emiliani divenne giornalista: la vocazione nell’Università “indigesta”

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...