Tiscali.it
SEGUICI

Alla ricerca del tocco perduto: dopo l’euforia degli Europei, Mancini riconvoca Balotelli

di Italia Libera   
Alla ricerca del tocco perduto: dopo l’euforia degli Europei, Mancini riconvoca Balotelli

«A 31 anni la Nazionale dovrebbe essere la normalità, l’anormalità è non esserci», ha dichiarato il giocatore, prima di varcare le porte di Coverciano. Nel suo caso la vera anomalia è la convocazione, considerato lo spessore delle sue ultime annate. Balotelli è entrato in conflitto anche con il tecnico turco Samet Aybaba dell’Adana Demirspor, cacciato e sostituito con Vincenzo Montella. Di lì in poi, Balotelli ha infilato qualche buona prestazione, con 8 reti in 19 partite. Per una serie di motivi complessi e opinabili, tutto ciò che fa Balotelli: un post sui social lo espone al crucifige, un colpo di tacco ne fa un fuoriclasse

L’analisi di MARCO FILACCHIONE

SE IL SONNO DELLA ragione genera mostri, quello degli attaccanti non è da meno. Solo così si può spiegare il ripescaggio di Mario Balotelli, inserito da Mancini tra i 35 convocati per lo stage azzurro di fine gennaio. Stavolta non c’è alcuna partita alle viste, ma una sorta di pre-ritiro in vista dei playoff che fra meno di due mesi decideranno la nostra partecipazione o meno ai mondiali del Qatar. 

Le ultime vicende sono state piuttosto traumatiche: spenta in fretta l’euforia per il titolo europeo, gli azzurri si sono ritrovati a sbattere come mosche sul vetro sia con la Svizzera che con l’Irlanda del Nord, segnando solo una volta (con un difensore, Di Lorenzo). Il che ha generato due correnti di pensiero: da una parte, si è arrivati a rimpiangere l’esecrato (in azzurro) Immobile, fuori per infortunio in entrambe le occasioni, ma sempre iperprolifico nei confini del campionato; dall’altra, è partito lo scouting per rintracciare, meglio sarebbe dire “inventare”, una alternativa proponibile.

Ed eccoci quindi a Balotelli. «A 31 anni la Nazionale dovrebbe essere la normalità, l’anormalità è non esserci», ha dichiarato il giocatore a un sito bresciano, prima di varcare le porte di Coverciano. Nel suo caso, però, la vera anomalia è la convocazione, considerato lo spessore delle sue ultime annate, dalla fine del rapporto con il Nizza per dissapori con il tecnico Vieira, al breve idillio con il Brescia, finito a colpi di carta bollata, fino al flop di Monza. 

Neanche la nuova avventura, con i turchi dell’Adana Demirspor, è stata priva di screzi: Balotelli è entrato subito in conflitto con il tecnico, il turco Samet Aybaba, che anche per questo è stato cacciato e sostituito con Vincenzo Montella. Di lì in poi, Balotelli ha infilato qualche buona prestazione, per uno score personale che attualmente conta 8 reti in 19 partite.

Inutile chiedersi se questo basti per rivederlo in Nazionale: per una serie di motivi complessi e opinabili, tutto ciò che fa Balotelli è da sempre amplificato oltre misura. Un post sui social lo espone al crucifige, un colpo di tacco ne fa un fuoriclasse. C’è solo da augurarsi che Mancini abbia visto giusto: da allenatore del Manchester City seppe in qualche modo governarlo, da cittì lo ha in un primo tempo richiamato e rapidamente bocciato. Ora il nuovo ripescaggio, l’ennesimo. Che vada bene o male, stavolta sembra davvero l’ultimo. © RIPRODUZIONE RISERVATA
L’analisi completa di Marco Filacchione sulle prossime fatiche di Roberto Maraini e di Mario Balotelli sarà pubblicata martedì 1 febbraio sul numero 19 del nostro quindicinale riservato agli abbonati 

di Italia Libera   

I più recenti

Mussolini, Matteotti e la verità dei fatti con cui Antonio Scurati ha mandato in tilt TeleMeloni
Mussolini, Matteotti e la verità dei fatti con cui Antonio Scurati ha mandato in tilt TeleMeloni
Il licenzioso Prévert e i dilemmi del traduttore, tra calembours e rima baciata di “lazzi”…
Il licenzioso Prévert e i dilemmi del traduttore, tra calembours e rima baciata di “lazzi”…
Dal taccuino dei ricordi. Il sogno di un’Alfa Romeo popolare, il realismo di Luraghi e i modelli nati al Sud
Dal taccuino dei ricordi. Il sogno di un’Alfa Romeo popolare, il realismo di Luraghi e i modelli nati al Sud
“Drive-Away Dolls” di Ethan Coen, un piccolo gioiello di intelligente umorismo
“Drive-Away Dolls” di Ethan Coen, un piccolo gioiello di intelligente umorismo

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...