"Vi spieghiamo perché Pertini fu tanto amato e perché oggi servirebbe una figura come la sua"

Un bellissimo docufilm sulla vita del Presidente-partigiano sta riempendo le sale dove si fanno le proiezioni. Perché? La gente ama chi sa coniugare - come fece Pertini - libertà e giustizia sociale. Ne parliamo con Stefano Caretti e Valdo Spini

Docu-film su Sandro Pertini
Docu-film su Sandro Pertini

Un bellissimo docufilm  racconta con immagini, a tratti poetiche e commoventi, la vita del Presidente più amato dagli italiani. Si chiama “Mi mancherai, Ricordo di Sandro Pertini", ed è stato prodotto con la regia di Vittorio Giacci, sotto l’Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica. Coproduzione di ACT Multimedia e dell’Associazione Nazionale Sandro Pertini.

Il presidente dell’Associazione Nazionale Pertini, lo storico Stefano Caretti, e il presidente della Fondazione Fratelli Rosselli, l'ex ministro Valdo Spini, lo stanno portando in giro per l’Italia e ogni volta le sale sono piene di persone, giovani e anziane, che si commuovono al ricordo dell’indimenticabile presidente-partigiano. Come è accaduto da poco a Cagliari, in occasione  della manifestazione organizzata dal Circolo Rosselli.

Ma perché Sandro Pertini è stato tanto amato?

“Prima di tutto perché era uomo politico onesto e capace come pochi di affermare i principi della libertà e della giustizia sociale, di rinsaldare l'armonia e il rapporto di fiducia tra i cittadini e lo Stato”, spiegano Caretti e Spini.

In definitiva perché la sua vita è stata un esempio di attaccamento ai valori migliori della democrazia e dell’altruismo, alla difesa dei diritti soprattutto dei più deboli. E ciò lo ha reso amato e credibile. Il filmato mette in luce i passaggi più significativi della sua esistenza, partendo dalla gioventù sotto la monarchia e attraversando due guerre mondiali, il periodo fascista, l'esilio, il carcere, la lotta partigiana, la Liberazione e l’affermazione della Repubblica. Fino alla sua consacrazione come uomo di Stato particolarmente vicino al popolo e alle sue esigenze.

Senza tralasciare le vicende emozionanti che lo hanno visto protagonista nei tempi successivi: dalla tragedia di Fiumicino al terremoto in Irpinia, dalla strage di Bologna alla vicenda di Ustica, ma anche alla indimenticabile vittoria azzurra ai Mondiali di calcio in Spagna nell'82. 

Tutto questo risuona nelle immagini e nelle interviste riportate nel video sopra.

Emerge dalle parole di Stefano Caretti e Valdo Spini che Pertini hanno conosciuto bene di persona. Parole e immagini che riepilogano la storia di un politico di levatura difficilmente eguagliabile e di un uomo unico e indimenticabile.