Tiscali.it
SEGUICI

[L’intervista esclusiva] “Dopo Fidel Cuba ha voltato pagina, ma il rapporto con il nostro Vaticano è molto forte”

Tra Cuba e Santa Sede dialogo serio e responsabile. Permane anche dopo l’elezione del Presidente Diaz-Canel. Sul tema delle relazioni bilaterali Tiscali.it ha raccolto una intervista esclusiva all’Ambasciatore presso la Santa Sede S.E. Jorge Quesada Concepción

Carlo Di Ciccodi Carlo Di Cicco, vaticanista   
Papa Bergoglio a Cuba
Papa Bergoglio a Cuba

Cuba volta pagina ma solo in chiave anagrafica; la rivoluzione non è infatti in discussione.  L’ideale di una società solidale e socialista di uguali che si fa carico anche della giustizia e della pace nel mondo, perseguito dalla generazione dei “barbudos” guidati da Fidel Castro ha reso possibile storicamente almeno in parte un’utopia sociale. Il loro inedito esperimento umanista non è ancora archiviato.

Lo ha garantito Miguel Diaz Canel nuovo presidente del Consiglio di Stato che da dal 19 aprile rappresenta l’unità della nazione. Diaz-Canel era già considerato il delfino designato da Raùl Castro che a motivo dell’età avanzata ha lasciato l’incarico. Il nuovo presidente, nato subito dopo la vittoria della rivoluzione, ha indicato le innovazioni che reputa necessarie per migliorare la vita dei cubani. E anche sul delicato fronte dei rapporti con la Santa Sede non dovrebbero esserci scossoni, ma nuovi orizzonti di collaborazione reciproca. Lo ha assicurato a Tiscali.it Sua Eccellenza Jorge Quesada Conceptiòn ambasciatore di Cuba presso la Santa Sede. Del resto quando era ancora vivo Fidel i buoni rapporti tra S.Sede e Cuba avevano raggiunto traguardi invidiabili. Giovanni Paolo II aveva visitato Cuba chiedendo la fine dell’embargo e Benedetto XVI aveva rinnovato tale richiesta. Con Francesco l’intesa è stata consolidata e rafforzata da Raùl prima e dopo lo storico incontro a l’Avana tra il Vescovo di Roma e  il Patriarca Kirill di Mosca.

Ora l’ambasciatore garantisce che “le relazioni tra la Santa Sede e la Repubblica di Cuba vivono un momento favorevole dovuto ad un livello di maturità raggiunto. Prossimamente si celebreràl’ottantatreesimo  anniversario delle relazioni ininterrotte tra Cuba e la Santa Sede nonostante il  fronteggiarsi nel tempo di congiunture complicate ma oggi superate dalla volontà decisa da entrambi le parti di crescere nei loro rapporti sulla base del rispetto reciproco e del riconoscimento delle proprie  peculiarità”.

Perché sembra persistere una sorta di speciale attenzione – forse simpatia – tra Cuba e la S. Sede? 
"Io lo definirei rispetto. In questi ultimi anni tanto la Santa Sede quanto  Cuba siamo stati capaci di creare una relazione seria e responsabile. Cuba  si é impegnata in questo sforzo con la sua serietà, la sua  professionalità e con le garanzie che le posizioni che difende sono trasparenti e legate a principi intorno ai quali é stata costruita la nostra identità nazionale, identità che noi cubani difendiamo con responsabilità e convinzione".

Quale è stato il contributo del presidente uscente Raul Castro al miglioramento delle relazioni?
"Nella sua qualità di Presidente della Repubblica di Cuba, Raul Castro é stato colui che ha continuato un processo  bilaterale in gestazione da anni. Durante il suo mandato sono stati consolidati i progressi ed ha avuto seguito una politica di avvicinamento rispettoso. Senza dubbio  al risultato ha contribuito il miglioramento delle relazioni Chiesa-Stato nel nostro paese, relazioni caratterizzate attualmente  dalla ricerca di una cooperazione su temi di interesse reciproco in base  alla constatazione delle realtà di entrambe le parti ed il totale attaccamento alla legalità e  al senso  di giustizia cubane".

Con il Presidente Miguel Diaz-Canel Cuba comincia un’epoca nuova per Cuba dopo la lungapermanenza al governo della generazione che fece la rivoluzione. Con il ritiro del Presidente Raul sono finiti anche quegli ideali di giustizia e promozione umana all’origine della lotta di liberazione di Fidel nella Sierra?
La necessità del ricambio generazionale a Cuba é stata ribadita dai suoi dirigenti storici, coscienti del fatto che si tratta di un processo che contribuisce al progresso del sistema cubano. Sono sicuro che le nuove figure politiche che avranno la responsabilità di dirigere il paese proseguiranno l’opera iniziata nella Sierra Maestra nella misura in cui é stata confermata come l’opzione più adeguata per la nostra realtà che gode di un ampio consenso popolare per aver realizzato  i sogni di giustizia, uguaglianza e libertà per i quali ha lottato la generazione  che ha realizzato la rivoluzione cubana".

Nelle relazioni con la Santa Sede dopo l’era segnata dalle eccezionali figure dei fratelli Castro subirà cambiamenti radicali o si registrerà una continuità?
"Come spiegavo precedentemente, le attuali relazioni tra Cuba e la Santa Sede sono il risultato di un continuo sforzo per conoscerci meglio e progredire nelle relazioni sulla base del mutuo rispetto".

Durante il  lungo periodo delle nostre relazioni abbiamo dovuto affrontare ostacoli, in certe occasioni per niente facili, ma alla fine superati cercando ciò che era di interesse per entrambe le parti.
"Senza dubbio in questo processo il leader della rivoluzione cubana, Fidel Castro, ha giocato un ruolo fondamentale. La sua visione chiara inerente la complessità di questi fenomeni e la sua decisione di avanzare rispettando le nostre realtà sono stati dei contributi che formano la base dei progressi di cui oggi godiamo e che avranno una continuità’ nella misura in cui verranno mantenute le condizioni di rispetto e  la volontà condivisa di avanzare".

Come viene valutata a Cuba l’azione dei Papi degli ultimi venti anni nei confronti della Rivoluzione che segna l’indipendenza e la nuova storia del popolo cubano?
"La storia della lotta del popolo cubano per la propria indipendenza risale al secolo diciannovesimo, sogno di indipendenza che finalmente si e’ trasformato in realtà con la Rivoluzione cubana del gennaio 1959. Durante questo lungo cammino il popolo cubano ed i suoi dirigenti si sono dovuti sforzare per difendere ideali che considerano come la base dello sviluppo della nostra Nazione. In questo sforzo sono stati influenzati da fattori interni ed esterni di differenti segnali. La chiesa cattolica ed i suoi massimi rappresentanti, i Papi,  hanno potuto dare contributi diversi in congiunture varie che sono state il riflesso di realtà  differenti. Questo é stato un processo lungo che si é consolidato nella misura in cui la realtà di Cuba é stata conosciuta meglio ed  é stato constatato che per il popolo cubano risulta prioritaria la salvaguardia delle proprie radici, della propria cultura e della propria storia".

Carlo Di Ciccodi Carlo Di Cicco, vaticanista   
I più recenti
Santoro in video alla vigilia della presentazione del suo monologo (dalla sua pagina Facebook)
Santoro in video alla vigilia della presentazione del suo monologo (dalla sua pagina Facebook)
Da sinistra: Elon Musk (Tesla), Mark Zuckerberg (Facebook, Whatsapp e Instagram), Jeff Bezos...
Da sinistra: Elon Musk (Tesla), Mark Zuckerberg (Facebook, Whatsapp e Instagram), Jeff Bezos...
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...