Cadono tutte le resistenze e, tra libri e matite, lo smartphone diventa protagonista a scuola

Il 13 per cento degli studenti dichiara di utilizzare l'inseparabile strumento con almeno un professore. Ma più sale l'età, più insiste la sua presenza come strumento didattico

Cadono tutte le resistenze e, tra libri e matite, lo smartphone diventa protagonista a scuola
TiscaliNews

Il corredo scolastico sarà arricchito dallo smartphone, ufficialmente, a partire da quest'anno. Tra i quaderni, i libri e le penne, spunterà infatti l'apparecchio digitale che sarà a tutti gli effetti strumento di lavoro da tenere sul banco (e non sotto). Lo pensano gli studenti che, protagonisti di una ricerca effettuata da Skuola.net insieme all'operatore franco-cinese Wiko, dichiarano di utilizzarlo correntemente durante le lezioni.

Quelli che usano lo smartphone a scuola

Dei 12mila studenti tra i 10 e i 20 anni intervistati il 13 per cento afferma di avere un intero corpo docente che crede nello smartphone come strumento quotidiano. Un uso non ufficiale dunque ma richiesto dai tempi. Per gli studenti, e anche per buona parte dei docenti, si tratta di un device ormai imprescindibile nella quotidianità. In classe viene usato per ricerche su temi di discussione, per prendere appunti, per approfondire con video e immagioni. 

E il suo utilizzo cresce con il crescere dell'età degli studenti. Tra quelli degli ultimi anni delle scuole superiori, il 20 per cento dichiara di accedere allo strumento tecnologico con tutti i professori e quasi 9 su 10 lo uitilizzano regolarmente con almeno un docente. Altrove – medie e primi anni delle superiori – il dato si ferma a un comunque buon 60%. 

La maggior parte del campione intervistato – 58%, un dato che per i 18-20enni arriva al 69% – ha trovato sul suo percorso almeno alcuni insegnanti proiettati nel futuro. Solo il 29%, invece, durante l’orario di scuola sinora è stato costretto a tenere il telefono rigorosamente lontano dal banco e spento. Ma è chiaro che la barriera delle resistenze scolastiche è stata abbattuta.