La Russia manda nello spazio Fedor, il primo robot umanoide che parla e interagisce con gli astronauti

Dovrà eseguire lavori di precisione a bordo della Stazione spaziale internazionale

La Russia manda nello spazio Fedor, il primo robot umanoide che parla e interagisce con gli astronauti
TiscaliNews

Sulla Stazione spaziale internazionale (Iss) ci sarà presto un robot antropomorfo capace di interagire con gli astronauti ed eseguire lavori di una certa precisione: si tratta di Fyodor (o anche Fedor), il primo umanoide progettato in Russia e noto inizialmente come Skybot F-850. Secondo i media russi il robot è in grado di "riconoscere e riprodurre il linguaggio umano" in modo da scambiare informazioni con gli astronauti. A occuparsene a bordo dell'Iss sarà il cosmonauta russo Aleksandr Skvortsov.

Il robot può eseguire alcuni compiti in modalità automatica, ma anche imitare i movimenti di una persona. Indossando un esoscheletro collegato al robot, è infatti possibile imporre a Fyodor i propri movimenti, come un avatar. Persino quelli delle dita, cosa che rende il robot capace di usare un cacciavite o una chiave inglese. Secondo uno dei progettisti, Yevgheni Dudorov, l'umanoide "eseguirà fino a sei esperimenti". Quali però non è chiaro: "I compiti scientifici - spiega Dudorov - sono segreti".

Con Fedor, che sembrerebbe in grado di camminare, fare flessioni, sparare e persino guidare, la Russia punta a eguagliare e probabilmente a superare gli Stati Uniti e gli scienziati della Nasa che, nel 2011, inviò nello spazio Robonaut-2, un robot antropomorfo che aveva eseguito una serie di test per dimostrare come un robot potrebbe lavorare al fianco degli astronauti sulla stazione. Tre anni dopo, però, Robonaut aveva iniziato a manifestare problemi, complice l’aggiunta di gambe al torso, ed era stato rispedito sulla Terra per riparazioni e migliorie.

Fedor è stato sviluppato dalla Fondazione per gli studi avanzati in collaborazione con l'Associazione tecnologica scientifica Androidnaya Tekhnika, su richiesta del ministero delle Emergenze, come robot di soccorso. Il ritorno di Fedor-Skybot in patria è previsto per il 7 settembre del 2019.