Open Campus lancia corso in Corporate Storytelling: ecco di cosa si tratta

L’evento formativo si terrà il prossimo 8 novembre. Tiscali News ha sentito la docente, Valentina Falcinelli

Open Campus lancia corso in Corporate Storytelling: ecco di cosa si tratta
di Michael Pontrelli   -   Twitter: @micpontrelli

Numerosi studi confermano che l’Italia è indietro sul fronte delle competenze digitali richieste dal mercato del lavoro. Il 40% delle aziende ha difficoltà a trovare figure professionali adeguate. Questo fenomeno, noto come skill gap, sta spingendo gli attori dell’ecosistema dell’innovazione, come gli spazi di coworking, ad organizzare corsi di formazione. Un esempio è Open Campus di Cagliari che ha lanciato l’Academy, una scuola dedicata a studenti, professionisti e aziende del mondo digitale. Tra le prime iniziative c’è il lancio dei Digital Fridays, un venerdì al mese dedicato alla formazione sulle competenze di digital marketing. L’appuntamento del prossimo 8 novembre sarà dedicato al Corporate Storytelling. Evento che vedrà come docente Valentina Falcinelli, ceo e fondatrice di Pennamontata. Tiscali News l’ha incontrata.

Da anni si parla di storytelling. E’ diventa una parola alla moda non solo in ambito marketing ma anche politico. Cosa è esattamente?
"Lo storytelling è l'arte di incanalare i valori di marca e la visione strategica del brand in una strategia di narrazione. Non si tratta di ‘raccontare storie’, ma di creare vere e proprie strategie che permettano al brand, così come pure alla persona, di raccontarsi per creare un legame col proprio pubblico di riferimento”.

Il Digital Friday dell’Open Campus sarà dedicato al corporate storytelling. Di cosa si tratta?
"Il corporate storytelling è l'insieme di tutte quelle attività che permettono all'azienda (da qui "corporate") di raccontarsi ("storytelling"). In questi ultimi anni sempre più aziende si sono rese conto di quanto possa essere potente, e dunque importante, integrare all'interno della propria strategia di marketing una parte dedicata allo storytelling. Si possono raccontare i valori e la propria identità in diversi modi e in differenti canali. Grandi brand ci hanno dato prova di incredibili capacità narrative nel tempo, ed è anche grazie a loro che aziende più piccole piano piano si stanno avvicinando a questo mondo. Un mondo in cui valori e narrazione si incontrano e convivono. Penso per esempio a Nike, a Starbucks, a Ikea: tre big brand che con lo storytelling ci sanno davvero fare, che incarnano un archetipo e si raccontano attraverso tecniche narrative molto efficaci, sia on sia offline”.

Perché per le aziende è diventato importante fare storytelling?
“Perché le persone tendono ad acquistare da un'azienda di cui conoscono la storia e con cui condividono valori e visione del mondo. In un mercato in cui l'offerta è di gran lunga superiore alla domanda, i valori diventano una specie di bussola per orientarsi: io consumatore scelgo i brand che parlano, agiscono, comunicano in modi che sento affini ai miei. Lo storytelling, in tal senso, diventa uno strumento valido per comunicare i valori con potenza, evocatività, empatia. Chi non è in grado di raccontarsi, non è in grado di vendersi. Non oggi”.

Quali competenze servono per fare Storytelling?
“Visione strategica, conoscenza dei canali digitali e del marketing (mi piace il termine "marketing intelligence"), sensibilità, tempestività e, ovviamente, un'ottima penna. E questo per sintetizzare al massimo”.

Entrando nel merito del corso del prossimo 8 novembre organizzato dall’Academy di Open Campus, quali saranno i principali contenuti e chi i destinatari ideali della formazione?
“Partiremo con un focus sulla brand identity, che è la base imprescindibile per parlare di qualsiasi attività di marketing. Vedremo come costruire un'identità di marca forte, quali sono gli step fondamentali e poi passeremo in rassegna gli archetipi e i canali digitali su cui è possibile fare narrazione di marca. Vedremo tanti esempi e casi virtuosi e, soprattutto, lavoreremo con esercizi pratici. L’obiettivo di questa giornata di formazione è quello di chiarire, non solo le caratteristiche fondamentali del corporate storytelling, ma anche impostare concretamente una strategia sfruttando tutte le potenzialità del digitale (e non solo). L’approccio sarà diverso dal solito, con tante idee e stimoli per migliorare, da subito, il modo di essere presenti sul mercato”.