Tiscali.it
SEGUICI

Piantedosi “Nessuna criminalizzazione del fenomeno migratorio”

di Italpress   
Piantedosi “Nessuna criminalizzazione del fenomeno migratorio”

ROMA (ITALPRESS) - "I Cpr sono fortemente voluti da direttive europee e raccomandati dall'UE", da parte del governo "non c'è una criminalizzazione" del fenomeno migratorio. Lo ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, a "Piazzapulita", in onda questa sera su La7, commentando le immagini girate all'interno di alcuni Cpr. "C'è la presa di consapevolezza che un Paese come l'Italia, con una presenza così importante di persone che sono in una condizione di irregolarità", debba avere "una politica per rafforzare il sistema di efficacia delle espulsioni e dei rimpatri".

Non averla "sarebbe omissivo".
All'interno dei Centri di Permanenza per i Rimpatri "posso garantire che tutte le prestazioni sanitarie sono nella normalità, garantite, monitorate e controllate", ha assicurato Piantedosi, commentando le immagini girate all'interno di alcuni Cpr. "Sono immagini sicuramente non belle, ma non vanno decontestualizzate. Riguardavano un intervento resosi necessario per il comportamento assunto dagli ospiti: c'era stato un intervento per sedare un incendio, dei danneggiamenti, e quindi si era reso necessario frapporre la forza pubblica", sottolinea. Forse bisogna fare qualche controllo in più? "Probabile, possibile: adesso ci stiamo attrezzando. Abbiamo voluto prevedere anche la possibilità, laddove la gestione in concessione affidata a un privato si rivelasse non soddisfacente, la possibilità di assumere i Cpr in gestione diretta dello Stato, con una funzione commissariale".

- foto agenziafotogramma.it -
(ITALPRESS).

di Italpress   
I più recenti
Omicidio Pescara: Comitato sicurezza, aumento forze di polizia
Omicidio Pescara: Comitato sicurezza, aumento forze di polizia
Webuild per lo sport con le campionesse italiane
Webuild per lo sport con le campionesse italiane
Croazia-Italia, Lollobrigida e Cirio cantano inno Mameli a New York
Croazia-Italia, Lollobrigida e Cirio cantano inno Mameli a New York
Morì dopo lacerazione vena, tre medici condannati
Morì dopo lacerazione vena, tre medici condannati
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...