'Ndrangheta, colpo ai clan del Reggino: 11 arresti

di Ansa

I carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria hanno eseguito, a Taurianova e Cinquefrondi, un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip nei confronti di 11 persone, accusate di essere legate o, comunque, di avere favorito le cosche Zagari-Fazzalari e Avignone operanti a Taurianova. Gli arresti sono giunti a conclusione di un'indagine - denominata "Spes contra Spem" - coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria diretta dal procuratore capo Giovanni Bombardieri. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, detenzione illegale di armi anche da guerra, esercizio arbitrario delle proprie ragioni, sostituzione di persona, tutti aggravati dal metodo e dalle finalita' mafiose. I carabinieri hanno ricostruito le estorsioni ai danni di alcuni imprenditori che, interrogati, hanno confermato le richieste estorsive subite dai due principali indagati: i boss Domenico Avignone e Pasquale Zagari.