Tiscali.it
SEGUICI

Marsilio “Abruzzo non è più marginale, proseguiamo nel cambiamento”

di Italpress   
Marsilio “Abruzzo non è più marginale, proseguiamo nel cambiamento”

ROMA (ITALPRESS) - "C'è un grande clima di fiducia, di affetto molto cresciuto rispetto a 5 anni fa", gli abruzzesi "mi hanno conosciuto e apprezzato, c'è un sentimento molto buono, sento un ritorno di affetto, di sostegno e di fiducia che mi incoraggia e mi fa prevedere un buon risultato elettorale". Lo ha detto il presidente uscente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, candidato alla riconferma per la coalizione di centrodestra, intervistato da Claudio Brachino per la rubrica Primo Piano dell'agenzia Italpress.
"L'Abruzzo ha ripreso il coraggio e l'orgoglio della sua identità, qui c'è un forte investimento politico da parte del centrodestra, Giorgia Meloni si è fatta eleggere qui e non è casuale. Era l'obiettivo che mi ero dato: far tornare l'Abruzzo importante, non una regione dimenticata e marginale nella quale non veniva mai nessuno e della quale nessuno se ne importava. Se oggi siamo al centro e ci ascoltano tutti e anche grazie al lavoro che ho fatto", ha spiegato.
"La discontinuità di cui ha bisogno l'Abruzzo è quella che abbiamo garantito 5 anni fa e che dobbiamo continuare a garantire, perchè il vecchio gruppo di potere che teneva l'Abruzzo nelle condizioni che ho descritto è tutto in prima fila dietro il volto sorridente e garbato di Luciano D'Amico. Dobbiamo andare avanti con il cambiamento, nel segno della continuità e della collaborazione forte che c'è con il governo nazionale", ha sottolineato Marsilio.
Cinque anni fa, ha ricordato il governatore uscente, "avevamo un tessuto industriale e produttivo molto in crisi, oggi l'Abruzzo sta crescendo. Bisogna fare ancora molto, però la strada giusta è questa e dobbiamo insistere con le politiche che abbiamo messo in campo: la Zes, la carta degli aiuti, le politiche 'Resto al sud' e soprattutto lo stimolo alle attività produttive, che è dato anche da una forte collaborazione con il governo nazionale", ha ricordato.


"Quando 5 anni fa ho vinto le elezioni, ho trovato una sanità che era al centro del dibattito quanto oggi, ma con numeri molto peggiori - ha detto Marsilio -. Partendo da una situazione già molto critica - a cui si è aggiunta la pandemia, che ha ovviamente creato uno sconquasso nella sanità pubblica e ha fatto allungare liste d'attesa - abbiamo lavorato duramente per recuperare tutto il ritardo accumulato". Ora "i dati Agenas dimostrano che noi abbiamo fatto salire la percentuale di adempienza rispetto ai numeri e ai parametri che sono considerati minimi e sufficienti per la sanità pubblica", ha spiegato. "E' ancora poco, ne siamo consapevoli: ho stanziato 75 milioni, stiamo ammodernando i macchinari" e "ci sono sono progetti approvati, finanziati e pronti in gara d'appalto per almeno tre ospedali nuovi".
I trasporti erano "l'altra la grave emergenza dell'Abruzzo: 5 anni fa ho trovato i porti insabbiati da cui facevano fatica a uscire persino pescherecci, non le navi cargo", mentre "le ferrovie erano ferme a 100 anni fa e le autostrade erano oggetto di una contesa con i concessionari che le lasciava sostanzialmente quasi all'abbandono - ha proseguito Marsilio -. Forse è da quando si è costruito il traforo del Gran Sasso, che ha unito L'Aquila e Teramo, che non si fa più una grande opera degna di questo nome. Ho riaperto anche questo capitolo, lascio dopo 5 anni in eredità l'appalto pronto: devono soltanto firmare il contratto. Ci vogliono anni per sbloccare le grandi opere e ora noi ci siamo arrivati e questo percorso l'abbiamo fatto per i porti", dove ci sono "tutti i cantieri già aperti".
Sono ancora aperti anche i cantieri per la ricostruzione post-sisma. "A metà del 2019 ho trovato un ufficio della ricostruzione abruzzese che licenziava poche decine di pratiche, era tutto sostanzialmente fermo: si sono persi quasi 3 anni per colpa di chi non ha saputo investire e organizzare questo ufficio - ha spiegato il governatore -. La mia prima legge ha dato più personale a quell'ufficio, accollandomi i costi vivi. Oggi l'ufficio speciale della ricostruzione emette migliaia di pratiche ogni anno, le istruttorie per la ricostruzione sono in molti Comuni praticamente concluse e i cantieri sono aperti. Ora bisogna far maturare il tempo delle lavorazioni e dei cantieri e il mondo dell'edilizia fa fatica a stare dietro all'enormità del lavoro messo in campo, ma stiamo facendo il massimo sforzo perchè questo possa avvenire nel minor tempo possibile".
L'Abruzzo "è una regione che ha delle potenzialità enormi, è la settima regione industrializzata d'Italia, la prima del Sud, siamo oggi la regione che produce più autoveicoli in Italia, c'è anche una importante filiera farmaceutica e l'alta moda si serve delle maestranze delle fabbriche e delle aziende abruzzesi che garantiscono una altissima qualità, per non parlare dell'agroalimentare - ha aggiunto Marsilio -. Per questo l'Abruzzo ha bisogno delle infrastrutture, per fare in modo che le sue aziende non paghino il dazio della mancanza di connettività e di logistica che stiamo realizzando proprio in questi anni". L'obiettivo è anche essere attrattivi per i giovani. "I giovani scappavano dalle università abruzzesi quando il rettore si chiamava Luciano D'Amico: in quegli anni le università abruzzesi hanno perso un quarto degli studenti, noi abbiamo frenato questa emorragia, invertito la rotta e dall'ultimo anno si comincia anche a vedere qualche segno in più tra gli iscritti e tra i giovani che investono nella loro formazione qui in Abruzzo", ha proseguito.
Infine, a chi lo critica perchè si divide tra Roma e la Regione, risponde che "questi sono gli argomenti che usavano 5 anni fa" quando dicevano che "sarei stato 'paracadutatò: in realtà Giorgia Meloni era anche molto recalcitrante a farmi andare via, ero io che chiedevo di poter fare questa 'missionè, di dedicarmi alla mia terra come mio padre non ha potuto fare. Ora divido il mio tempo" tra Roma, "dove si trova la mia famiglia" e l'Abruzzo: penso di non commettere nessun torto se la sera torno a dormire a Roma e se la mattina all'alba mi sveglio e sto in ufficio a L'Aquila o a Pescara".

- Foto Italpress -

(ITALPRESS).

di Italpress   
I più recenti
L’andamento del segmento non residenziale
L’andamento del segmento non residenziale
Dal 13 luglio a Cortina la 30^ edizione di Una montagna di libri
Dal 13 luglio a Cortina la 30^ edizione di Una montagna di libri
Autonomia,Iezzi e Furgiuele(Lega)non si presentano a Presidenza Camera
Autonomia,Iezzi e Furgiuele(Lega)non si presentano a Presidenza Camera
Incontro al Mimit sugli stabilimenti Stellantis di Maserati e VM
Incontro al Mimit sugli stabilimenti Stellantis di Maserati e VM
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...