Tiscali.it
SEGUICI

Marchese Ragona “Papa? Ironico e umile, sull’Ucraina mal interpretato”

di Italpress   
Marchese Ragona “Papa? Ironico e umile, sull’Ucraina mal interpretato”

ROMA (ITALPRESS) - Ironico, generoso e umile, ma anche molto determinato a trasformare la chiesa in un servizio al popolo: è il ritratto di Papa Francesco descritto da Fabio Marchese Ragona, vaticanista di Mediaset, che ha curato l'autobiografia "Life - La mia storia nella Storia", intervistato da Claudio Brachino per la rubrica Primo Piano dell'agenzia Italpress. L'idea del libro - distribuito in 21 Paesi in contemporanea e tradotto in otto lingue - è nata "dalla mia curiosità giornalistica, che mi ha spinto a domandarmi dov'era il Papa quando l'Argentina ha vinto il Mondiale dell'86 o quando cadeva il muro di Berlino, con chi era o cosa faceva quando c'è stato l'attacco alle Torri Gemelle", ha raccontato. Com'è il Papa, dallo sguardo di chi ha potuto osservarlo da vicino? "Come lo si vede in pubblico, è davvero così. Ha una spiccata ironia, tipica dei latinoamericani, e una grande generosità. Siamo stati tante ore a parlare della sua vita... sai che hai di fronte il Papa, il leader morale più importante al mondo, una persona di una cultura sconfinata, ma semplicissima e molto umile. Tanti dicono che questo Papa non è molto amato, in realtà c'è una buona base di gente che lo ama e che vuole conoscere la sua storia", ha sottolineato l'autore. Come ha reagito il Papa dopo il successo del libro? "Gli ho portato la prima copia stampata, era molto contento. Non immaginava che potesse raggiungere un così vasto pubblico. 'Ogni tanto riaprire il libro della propria vita e rivedere le cose belle e le cose bruttè, ha detto, e 'magari gli anziani possono raccontare la propria vita per far sì che i giovani non ripetano più gli errori commessi in passatò".
Inevitabilmente il pensiero corre ai conflitti in Ucraina e a Gaza. Sul Medio Oriente "credo che oggi il Papa stia dalla parte di chi soffre, quindi da un lato i familiari degli ostaggi israeliani - che qualche giorno fa ha ricevuto di nuovo in Vaticano - e, dall'altro, il popolo di Gaza che si trova sotto le bombe.

Il Papa non ha interessi strategici o geopolitici, ha interessi esclusivamente umanitari: credo che dal suo punto di vista la priorità sia stare dalla parte di chi soffre. Per questo continua a dire 'no alla guerra e alle armi, bisogna fermarsì". Sull'Ucraina, "credo che il Papa sia stato non solo mal interpretato, ma proprio strumentalizzato da chi voleva accendere qualche miccia. Sono sicuro che ci sia stata una 'maninà che ha voluto metterlo in difficoltà", ha sottolineato Marchese Ragona, ricordando le parole del Papa in un'intervista alla tv svizzera, in cui il giornalista ha proposto al Papa l'immagine della bandiera come metafora per parlare di negoziato. "Il Papa a un certo punto dell'intervista dice che 'il negoziato non è mai una resa, è un atto di coraggiò, che è la posizione che il Papa e la Santa Sede hanno da sempre, cioè sedersi a un tavolo e discutere. Credo che lui sia stato un pò tirato per la tonaca". Oltre che per le guerre, il Papa "è molto preoccupato" per il clima. "Ai giovani dice 'fatevi sentire dai governi, haciendo lio (fate confusione in spagnolo), protestate per stradà, ma a patto che le proteste non sfocino in atti che deturpano il territorio o le opere d'arte". In una delle conversazioni, "gli ho riferito che qualcuno dice che sta distruggendo il papato. Lui è rimasto un attimo in silenzio, ha guardato in alto e mi ha detto: 'Ma io sono un prete, cosa posso farci? Devo stare in mezzo alla gente, non posso stare sul piedistallo come era una volta, solo perchè qui dentro vogliono così. Gesù Cristo stava in mezzo ai poverì. Questa è l'ultima monarchia assoluta d'Europa, dove ci sono ancora orpelli, pizzi e merletti, dove ci sono tutte queste trovate di corte. Questa è una delle missioni che ha questo Papa: mettere fine a tutto questo e trasformare la chiesa in una chiesa di servizio al popolo, non più una chiesa di potere". Il libro si struttura in 14 capitoli. "Partiamo dallo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, quando lui aveva 3 anni, e arriviamo ai giorni d'oggi, attraversando la storia mondiale degli ultimi ottant'anni per raccontarla dal suo punto di vista, lanciando anche dei messaggi su vari temi, come ad esempio il dialogo interreligioso, la guerra, il clima e la tutela dell'ambiente", ha spiegato l'autore.
Tra i capitoli più emozionanti sicuramente c'è quello del golpe in Argentina, "un periodo terribile della sua vita, quello dal 1975 in poi. Il Papa non aveva mai raccontato così apertamente quegli anni, perchè è stato accusato di aver favorito il regime che andava contro tanti sacerdoti e di aver venduto due gesuiti", e qui "racconta per la prima volta come andarono le cose, come visse quel momento, di quando andò a celebrare messa a casa di Videla proprio per convincerlo a liberare quei due sacerdoti. Nel libro dice chiaramente che fu 'la vendetta di qualcuno che voleva mettermi il cappio attorno al collò". Un altro capitolo che "mi ha molto colpito è quando si racconta la nascita dell'Unione Europea: siamo negli anni Novanta e lui era in esilio a Cordoba, quelli sono stati anni per lui molto difficili, era molto depresso e chiuso in se stesso. Non riusciva a darsi una spiegazione del perchè i superiori lo avessero mandato in esilio, praticamente era stato buttato giù dal piedistallo: fu accusato di essere ultraconservatore, di essere autoritario nelle sue decisioni, fu accusato anche di voler stravolgere la pastorale dei Gesuiti perchè lui era cresciuto con i salesiani. I Gesuiti non volevano che lui mandasse i preti nelle periferie a fare catechismo ai ragazzini, avevano altri interessi: lui dice che in quel periodo di 'purificazionè ha studiato quasi tutti e 34 i volumi della storia dei Papi... forse 'era necessario, perchè mi stavo preparando a diventare anch'io Papa, pur non sapendolò, racconta nel libro". Tra i capitoli c'è anche spazio per la sua grande passione per il calcio. "Ricordava alla perfezione tantissimi dettagli di quando andava allo stadio tutte le domeniche con tutta la famiglia a vedere il San Lorenzo". Sui Mondiali dell'86 vinti dall'Argentina "racconta che in quegli anni si trovava in Germania, ma la sera della finale con la Germania non guardò la partita, rimanendo a passeggiare vicino al fiume Reno e a recitare il rosario. "Mi sono sentito solo, perchè volevo essere con i miei amici a festeggiare l'Argentina", racconta il Pontefice. E sulla famosissima mano de Dios ricorda che quando Maradona andò in Vaticano gli chiese divertito quale fosse la mano incriminata".
-foto Italpress-
(ITALPRESS).

di Italpress   
I più recenti
Nuova giunta Capri, c'è anche l'assessorato alla Gentilezza
Nuova giunta Capri, c'è anche l'assessorato alla Gentilezza
Borsa: Europa poco mossa senza Wall Street, Milano -0,1%
Borsa: Europa poco mossa senza Wall Street, Milano -0,1%
Autonomia:De Luca,Italia non è più giusta ma più a rischio
Autonomia:De Luca,Italia non è più giusta ma più a rischio
In Egitto arriva un servizio di autiste donne solo per le donne
In Egitto arriva un servizio di autiste donne solo per le donne
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...