Bulgaria: polizia violenta, calci e pugni ai manifestanti anti-corruzione

di Ansa

Diverse persone sono state picchiate dalla polizia fuori dal quartier generale del governo bulgaro mentre partecipavano a una protesta il 10 luglio 2020. Secondo le riprese delle telecamere della polizia recentemente rivelate in parlamento, sono state trascinate dietro una grande colonna da quattro agenti di polizia, prese a pugni e calci e poi ammanettati mentre giacevano a pancia in giu', a poca distanza altri giovani tramortiti venivano gettati sulla schiena. Le proteste contro la corruzione hanno chiesto le dimissioni del primo ministro Boyko Borissov per tutta l'estate del 2020.