Cuisine Collectif e la "cena sconsacrata"

Cuisine Collectif, che organizza cene segrete a Firenze e dintorni, ha ambientato l'ultima all'interno di una chiesa sconsacrata, con cucina sull'altare

Codice da incorporare:
di Giulio Schoen

Firenze, 27.04.2015 – Cuisine Collectif chiude il mese di aprile con una cena clandestina fuori da ogni schema, la location scelta infatti è la chiesa dell'antico Spedale del Bigallo sopra Bagno a Ripoli, appena fuori Firenze. "Insieme ai nostri collaboratori, Riccardo, Bice e Gianmarco, io e Arianna abbiamo lanciato a Firenze il 'CC Supperclub', ovvero le cene segrete di Cuisine Collectif: menu e location segreti fino al giorno dell’evento, gli altri commensali sconosciuti. Si mangia del buon cibo 'homemade', si socializza con gli altri ospiti dividendo lo stesso tavolo, poi si riparte e si sparge la voce, ma non a tutti…Pochi posti, pochi eventi, solo per chi ha voglia di provare una nuova esperienza, un misto di socialità e buona cucina, aprire la mente ed entrare in contatto con gente nuova" dice Matthew Lundi, chef e cofondatore Cuisine Collectif.

Oltre alle cene segrete Matthew e Arianna organizzano ogni mese corsi di cucina "Ruffiana", pensati per realizzare piatti semplici ma gustosi e d’impatto, per stupire i propri ospiti (piatti ruffiani, appunto), a dimostrazione che c’è una via di fuga dal solito piatto di bresaola e insalata in solitudine e che ordinare la pizza a domicilio è una scelta, non un obbligo. I corsi, di una sola lezione e della durata di 3 / 4 ore, si svolgono in una abitazione privata in un ambiente informale e rilassato, e sono pensati per chi non ha mai tempo, per chi vuole migliorarsi senza essere uno chef, per chi ha voglia di scoprire il gusto di cucinare apprendendo tecniche di cucina basilari ma efficaci, l’utilizzo e la ricerca degli ingredienti, l’estetica dei piatti.

Cuisine Collectif ha portato per due mesi nella postazione ristoro del co-working Impact Hub dove, con mestoli e fornelli, ha spiegato e realizzato insieme ai partecipanti, mani in pasta, le sue ricette facili, veloci e di qualità.

"Sono state Quattro serate informali – spiega Arianna Pescetti, responsabile organizzativa di Cuisine Collectif –, tutte introdotte da un aperitivo di benvenuto, servite principalmente per staccare dopo gli impegni di lavoro, socializzare, rilassarsi, imparare utili trucchetti per coccolarsi, e chiudere la giornata in allegria, con la speranza di ripetere l'anno prossimo l'esperienza".

Abbiamo parlato di:
Cuisine Collectif WebsiteFacebookTwitter
Antico Spedale del Bigallo WebsiteFacebookTwitter
Impact Hub WebsiteFacebookTwitter