Per superare la crisi dell'Europa qualcuno pensa all’Helicopter Money, i soldi della Bce direttamente ai cittadini e alle imprese

Non si tratta di una provocazione ma di una proposta elaborata dal premio Nobel per l'economia Milton Friedman

Europa, si pensa a Helicopter money: soldi a cittadini e imprese
di Michael Pontrelli

Da qualche settimana anche i lettori italiani più attenti alle questioni economiche stanno incominciando a sentir parlare di Helicopter Money ovvero del trasferimento di denaro dalla Banca centrale europea direttamente a famiglie e imprese proprio come se fosse lanciato da un elicottero. Apparentemente potrebbe trattarsi di una “boutade” ovvero di una provocazione buttata nella mischia giusto per alimentare la polemica. Ma non è così e per due motivi. Il primo è che le azioni messe in campo fino ad ora dalla Bce per rilanciare l’economia stanno fallendo. La seconda è che l’Helicopter Money è stato teorizzato da uno dei più grandi economisti del secolo scorso, Milton Friedman.

Potenziato l'acquisto dei titoli da parte della Bce, tassi di interesse portati a zero 

Che il Quantitative easing della Bce non stia producendo i risultati sperati è ormai evidente a tutti. L’area euro non riesce ad uscire dalla deflazione e la crescita economica rimane una chimera. Una conferma oggettiva si è avuta a marzo quando Mario Draghi ha annunciato il potenziamento degli acquisti di titoli da 60 a 80 miliardi di euro al mese e ha portato il costo del denaro a zero. Manovre non convenzionali che tuttavia non convincono appieno e il motivo è molto semplice: la crisi delle banche sta bloccando la cinghia di trasmissione ovvero la liquidità della Bce si ferma negli istituti finanziari e non si trasferisce a imprese e famiglie.

Tra i sostenitori dell'Helicopter money investitori ed economisti 

Da qui l’idea dell’Helicopter Money che consiste essenzialmente nel bypassare le banche e trasferire i soldi direttamente ai cittadini e agli imprenditori. In questo modo crescerebbe la probabilità di un effetto positivo sulla domanda di consumi e sugli investimenti che farebbe ripartire i prezzi (inflazione) e la crescita economica. Come anticipato l’idea è stata elaborata il secolo scorso dal premio Nobel per l’economia Milton Friedman. E anche l’ex presidente della Fed, Ben Bernanke, ne aveva discusso come possibile misura per sconfiggere la deflazione giapponese. Tra i supporter più recenti investitori del calibro di Bill Gross ed economisti come Adair Turner che ha presentato una proposta di attuazione dell’Helicopter Money al Fondo Monetario Internazionale.

Tecnicamente l'Helicopter money verrebbe realizzato attraverso un taglio delle tasse 

Tecnicamente come avverrebbe l’Helicopter Money? Ovviamente non si vedrebbe nessun elicottero svolazzare nei nostri cieli gettando banconote alla folla. Il modo per farlo sarebbe piuttosto semplice: tagliare drasticamente le tasse a cittadini e aziende finanziando il debito attraverso la creazione di moneta da parte della Bance centrale. 

Componente nord europea della Bce contraria ma anche il Qe era un tabù 

Come si può facilmente prevedere la proposta viene vista come un tabù all’interno della Bce ed in particolare nella componente nord europea da sempre contraria alla monetizzazione del debito pubblico. E’ indubbio però che la prospettiva è affascinante e se la crisi del Vecchio Continente proseguisse potrebbe davvero trattarsi dell’ultima carta da giocare. Il dibattito è avviato e c’è da scommettere che nei prossimi mesi ne sentiremo parlare a lungo. Anche il Quantitative easing per anni è stato un tabù.

di Michael Pontrelli