Expo: Led e robot al servizio del cibo, ecco il supermercato del futuro

All'interno di Expo2015 un nuovo edificio che racchiude le migliori tecnologie che diventeranno gli store dei prossimi 20 anni.

Codice da incorporare:
di FpS Media

Milano, 08.06.2015 (FpS Media) - Cosa mangeremo nel futuro. Ma, soprattutto, in che modo. E' la risposta che prova a offrire Coop all'interno di Expo 2015 con il suo Supermercato del futuro, un intero store progettato e realizzato secondo le migliori tecnologie del momento.

Il supermercato si trova nel Future Food District, uno spazio non lontano dal Padiglione Italia in cui prende vita lo store teorizzato da Carlo Ratti, Direttore del MIT Senseable City Lab di Boston. L’obiettivo del progetto è quello di creare un nuovo concetto di fruizione che, integrando in maniera sinergica architettura di spazi dedicati ai consumatori e tecnologia, permette al cliente un’esperienza di acquisto innovativa, in cui gli aspetti di socialità e funzionalità del punto vendita vengono amplificati da un virtuoso connubio fisico e digitale.

All’interno del Future Food District sono disponibili prodotti di 5 filiere (ortofrutta e vini, carne e pesce, latte e derivati, cereali e birre, caffè e coloniali), organizzati su tre diversi livelli e disposti su tavoli che seguono un ordine che va dalle materie prime (come frutta, grano, latte), ai prodotti via via più trasformati e elaborati. Nel negozio sarà inoltre rappresentato il concetto di “cibo del futuro”: alcuni video mostreranno come sarà composta la nostra alimentazione nel 2020 e nel 2050.

Lungo i led disposti sopra o a lato dei prodotti è possibile scoprire, avvicinando la mano ai prodotti: caratteristiche primarie dell'articolo da acquistare, origine delle principali materie prime che lo compongono, eventuale presenza di ingredienti allergizzanti, dati nutrizionali per porzione, impatto ambientale espresso in CO2 equivalente, storia del prodotto. Questa esperienza aumentata è resa possibile dall’utilizzo di circa 200 sensori kinect che, integrati con un content management system in cloud, attraverso meccanismi di body detection, individuano le gesture del cliente.

A conclusione del percorso di acquisto, il cliente-visitatore sarà attratto da una grande Real Time Data Visualization, 120 mq di proiezione digitale che mostrerà in tempo reale alcuni dati relativi al punto vendita: il numero dei visitatori, con quali prodotti stanno interagendo, la top ten dei prodotti più venduti.

Attraverso una logica di gamification, il cliente definirà il proprio lifestyle (vegan, italian lover etc.) e grazie all’utilizzo di beacon ultrasonici (sensori collocati nel punto vendita), vedrà comparire sul proprio smartphone segnalazioni dei prodotti maggiormente in linea con il proprio stile di vita e informazioni sulla loro esatta localizzazione all’interno dello store. La mobile app avrà inoltre un’integrazione di realtà aumentata, per cui il visitatore potrà accedere a dei contenuti aumentati semplicemente inquadrando dei tag.

"Il Supermercato del Futuro di Coop, all’interno del Future Food District di Expo Milano 2015, è un esempio pionieristico dell’esperienza che in un arco temporale di 3-5 anni potremo vivere recandoci a fare la spesa. In questo progetto la user experience del consumatore è tradotta in realtà attraverso la scelta delle soluzioni digitali”, ha spiegato Luca Ratti, il responsabile del Future Food District.


Abbiamo parlato di:

Future Food District - Website

Expo Milano 2015 - Website