Bruxelles – E’ vitale completare il ciclo vaccinale per rendere i quattro vaccini autorizzati in UE..." />

Bruxelles – E’ vitale completare il ciclo vaccinale per rendere i quattro vaccini autorizzati in UE..." />

Bruxelles – E’ vitale completare il ciclo vaccinale per rendere i quattro vaccini autorizzati in UE...">

Variante delta, è corsa contro il tempo. EMA: “Completare il ciclo vaccinale è fondamentale” per battere il virus

Variante delta, è corsa contro il tempo. EMA: “Completare il ciclo vaccinale è fondamentale” per battere il virus
in collaborazione con Eunews

<div style="font-size: 17px"><p>Bruxelles &#8211; E&#8217; vitale completare il ciclo vaccinale per rendere i quattro vaccini autorizzati in UE (BioNTech-Pfizer, Moderna, AstraZeneca e Johnson&amp;Johnson) realmente efficaci anche <strong>contro la variante delta del Coronavirus,</strong> attestata per la prima volta in India e poi diffusa in Regno Unito e Unione Europea. <a href="https://www.ema.europa.eu/en/events/ema-regular-press-briefing-covid-19-2" target="_blank" rel="noopener">Durante il periodico briefing con la stampa che si è tenuto oggi</a> (l&#8217;ultimo prima della pausa estiva), l&#8217;Agenzia europea per i medicinali (EMA) torna a insistere su questo elemento per vincere la battaglia contro il virus, mentre il Continente si trova di nuovo alle strette con la variante delta.</p> <p>Non tanto per ora, ma si guarda già all&#8217;autunno e l&#8217;UE teme una quarta ondata con aumento di casi e soprattutto ospedalizzazioni nonostante i vaccini. &#8220;È estremamente importante vaccinare il maggior numero possibile di persone in Europa&#8221;, ha detto <strong>Marco Cavaleri,</strong> responsabile della strategia sui vaccini di Ema, facendo eco a <a href="https://www.ema.europa.eu/en/news/ema-ecdc-update-covid-19" target="_blank" rel="noopener">una nota diffusa ieri</a> di concerto con l&#8217;ECDC in cui viene ribadita la &#8220;vitalità&#8221; della vaccinazione come principale arma di lotta al virus.</p> <figure id="attachment_151232" aria-describedby="caption-attachment-151232" style="width: 300px" class="wp-caption alignright"><a href="https://www.eunews.it/wp-content/uploads/2021/05/Schermata-2021-05-28-alle-16.36.09.png"><img loading="lazy" class="size-medium wp-image-151232" src="https://www.eunews.it/wp-content/uploads/2021/05/Schermata-2021-05-28-alle-16.36.09-300x217.png" alt="" width="300" height="217" srcset="https://www.eunews.it/wp-content/uploads/2021/05/Schermata-2021-05-28-alle-16.36.09-300x217.png 300w, https://www.eunews.it/wp-content/uploads/2021/05/Schermata-2021-05-28-alle-16.36.09-768x555.png 768w, https://www.eunews.it/wp-content/uploads/2021/05/Schermata-2021-05-28-alle-16.36.09.png 911w" sizes="(max-width: 300px) 100vw, 300px" /></a><figcaption id="caption-attachment-151232" class="wp-caption-text">Marco Cavaleri, responsabile della strategia sui vaccini di EMA</figcaption></figure> <p>La delta è tra il <strong>40 e il 60 per cento più trasmissibile</strong> rispetto alla prima variante che è state registrata nella UE ed è associata a un rischio più elevato di ospedalizzazione. Il centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie <strong>stima che entro la fine di agosto la variante Delta sarà il 90 per cento di tutti i virus SARS-CoV-2 che circolano nell&#8217;UE</strong>. Ciò rende essenziale per i paesi &#8220;accelerare i programmi di vaccinazione&#8221;, avvertono all&#8217;unisono le due agenzia europee. Tutti e quattro i vaccini autorizzati funzionano bene e hanno altacapacità di protezione, ma essere completamente vaccinati è essenziale.</p> <p>Troppo presto invece, per parlare di eventuali terze dosi o di vaccini di nuova generazione &#8220;adattati&#8221; alle nuove varianti. <a href="https://www.eunews.it/2021/07/01/covid-lema-valuta-luso-di-una-terza-dose-di-vaccino-contro-le-varianti-a-settembre-i-primi-dati/153919" target="_blank" rel="noopener">Come aveva già sottolineato</a>, l&#8217;EMA sta vagliando la possibilità di approvare l’uso di una dose aggiuntiva per il richiamo rispetto a quelle messe in conto finora per fronteggiare la diffusione del Coronavirus e delle sue varianti. Ulteriori dati saranno raccolti durante l’estate, disponibili per una valutazione dopo la pausa estiva perché per ora <strong>&#8220;non ci sono ancora sufficienti dati dalle campagne di vaccinazione e dagli studi in corso per capire quanto durerà la protezione del vaccino</strong>&#8220;. Lo stesso discorso vale per i vaccini cosiddetti di nuova generazione, adattati alle varianti. Tutto rimandato a settembre, anche se Cavaleri ha fatto sapere che c&#8217;è effettivamente un dialogo in corso con le case farmaceutiche operative in UE per lo sviluppo di potenziali nuovi vaccini.</p> <p>Intanto, conferma che entro la fine della prossima settimana dovrebbe arrivare l&#8217;esito della valutazione <a href="https://www.eunews.it/2021/06/08/covid-lema-valuta-luso-del-vaccino-di-moderna-tra-i-12-e-i-17-anni/152007" target="_blank" rel="noopener">sull&#8217;uso del vaccino di Moderna tra i 12 e i 17 anni</a> (finora è somministrato dai 18 anni in su). Come BioNTech-Pfizer, anche il vaccino di Moderna sfrutta la stessa tecnologia mRNA, ovvero usa una molecola chiamata RNA messaggero (mRNA) con le istruzioni per produrre la proteina spike, che è naturalmente presente nel SARS-CoV-2, il virus che causa il COVID-19. Il vaccino funziona preparando l’organismo a difendersi dalla SARS-CoV-2. I<strong>l fatto che i due vaccini facciano uso della stessa tecnologia, fa pensare che l’EMA darà l’ok anche all’uso del vaccino Moderna nei ragazzi senza grandi problemi come ha già fatto per Pfizer.</strong></p> <p>Cavaleri ha usato la mezz&#8217;ora del briefing anche per tornare sulla questione vaccini-disinformazione. Ha insistito nel ribadire che il fatto che &#8220;qualcuno abbia avuto un problema medico o sia morto dopo la vaccinazione non significa necessariamente che la morte sia stata causata dal vaccino. Altri motivi, ad esempio problemi di salute sottostanti o emergenti non correlati alla vaccinazione, potrebbero aver avuto un ruolo&#8221;. I casi <a href="https://www.eunews.it/2021/06/14/lema-contro-la-disinformazione-su-astrazeneca-vaccino-resta-autorizzato-per-tutti-gli-over-18/152421" target="_blank" rel="noopener">rari di trombosi sviluppati dopo la somministrazione del vaccino Astrazeneca</a>, hanno creato generale allarmismo tanto che gli Stati membri si sono mossi ancora una volta in ordine sparso, bloccando la somministrazione del vaccino e poi ripristinandola e poi ribloccandola per alcune fasce di popolazione. Chiaro che questo non fa bene alla campagna di vaccinazione e anche questo ha contribuito a diffondere panico ed è forse una delle cause per cui ancora diverse fasce di popolazione europea non hanno intenzione di vaccinarsi. Secondo le stime dell&#8217;ECDC, il 65 per cento della popolazione europea ha ricevuto almeno una dose mentre il 47 per cento della popolazione è pienamente vaccinata. Il target del 70 per cento entro l&#8217;estate non è così lontano ma neanche così vicino se adesso lo scoglio da superare non è più la mancanza di dosi quanto l&#8217;intenzione a non vaccinarsi.</p> <p>C&#8217;è chi, <a href="https://www.eunews.it/2021/07/13/francia-arriva-la-stretta-di-macron-contro-gli-scettici-sui-vaccini-ed-e-boom-di-prenotazioni/154659?utm_term=Autofeed&amp;utm_medium=Social&amp;utm_source=Facebook&amp;fbclid=IwAR2ObMNDqBW02AJdN2mALrD3uYgIATabRtygcQsGg8PsHI3gzl9KJddxyKs#Echobox=1626172448" target="_blank" rel="noopener">come la Francia e la Grecia</a>, sta ricorrendo al green pass per convincere la maggior parte della popolazione che può farlo e non lo ha fatto a vaccinarsi, mentre dalle Istituzioni europee c&#8217;è sempre più allarmismo verso gli Stati membri per evitare di arrivare in autunno nuovamente impreparati e nuovamente costretti alla chiusure.</p> </div>