Bruxelles – Con la crisi in Donbass ora l‘UE teme per la ripresa economica. Si temevano..." />

Bruxelles – Con la crisi in Donbass ora l‘UE teme per la ripresa economica. Si temevano..." />

Bruxelles – Con la crisi in Donbass ora l‘UE teme per la ripresa economica. Si temevano...">

Ucraina, l’UE teme per la ripresa. Gentiloni: “Incertezza aumenta fortemente”

Ucraina, l’UE teme per la ripresa. Gentiloni: “Incertezza aumenta fortemente”
in collaborazione con Eunews

<div style="font-size: 17px"><p>Bruxelles &#8211; Con la crisi in Donbass ora l<strong>&#8216;UE teme per la ripresa economica</strong>. Si temevano pandemia, inflazione e frenata cinese per le sorti economiche del vecchio continente. Ma accanto a<a href="https://www.eunews.it/2022/01/18/tre-rischi-per-ripresa-ue/166997" target="_blank" rel="noopener"> questi tre rischi</a> le tensioni sullo scacchiere internazionale sono un altro fattore che incide sulla crescita, peraltro rivista già al ribasso per quest&#8217;anno. Adesso alla mappa geografica che si ridisegna si accompagnano tutte le ricadute varie, eventuali, probabili. &#8220;L&#8217;incertezza <span class="VIiyi" lang="it"><span class="JLqJ4b ChMk0b" data-language-for-alternatives="it" data-language-to-translate-into="en" data-phrase-index="0" data-number-of-phrases="2">rimane tutt&#8217;attorno a noi&#8221;, riconosce il commissario per l&#8217;Economia, <strong>Paolo Gentiloni</strong>, secondo cui &#8220;</span><span class="JLqJ4b ChMk0b" data-language-for-alternatives="it" data-language-to-translate-into="en" data-phrase-index="1" data-number-of-phrases="2">la violazione del diritto internazionale attraverso <strong>il riconoscimento russo di due territori separatisti in Ucraina aumenterà fortemente questa incertezza</strong>&#8220;.</span></span></p> <p><a href="https://www.eunews.it/2022/02/22/via-libera-degli-ambasciatori-ue-alle-sanzioni-mirate-contro-la-russia-unita-dei-paesi-membri/169568" target="_blank" rel="noopener">L&#8217;Europa ha messo a punto sanzioni</a>, che con ogni probabilità daranno avvio a contromisure russe. E&#8217; già successo che <a href="https://ec.europa.eu/food/horizontal-topics/international-affairs/eu-russia-sps-issues/russian-import-ban-eu-products_en" target="_blank" rel="noopener">la Russia imponesse restrizioni alle importazioni di prodotti UE</a>. Si rischia l&#8217;innesco di azioni analoghe. Calo delle esportazioni, a cui si aggiunge anche il rischio di ulteriore rincaro dei prezzi, soprattutto energetici. A parità di domanda, c&#8217;è anche il rischio di riduzione dell&#8217;offerta di gas russo. Per di più l&#8217;Europa inizia ad essere a corto della risorsa. <strong>Le riserve di gas dell&#8217;UE sono piene al 31 per cento, vuol dire che sono vuole per più di due terzi</strong>.</p> <p>In Commissione cercano di minimizzare. Il portavoce responsabile,<strong> Tim McPhie</strong>, ricorda che l&#8217;UE è in grado di rispondere ad eventuali interruzioni di forniture, &#8220;ma non è questo il caso al momento&#8221;. Inoltre, continua, &#8220;non c&#8217;è nessuno Stato membro a dipendere da un solo fornitore&#8221;.</p> <blockquote class="twitter-tweet" data-width="500" data-dnt="true"> <p lang="en" dir="ltr"><a href="https://twitter.com/hashtag/Ukraine?src=hash&amp;ref_src=twsrc%5Etfw">#Ukraine</a> cannot win a war with European sanctions alone. </p> <p>The full scope of military support by NATO and EU partners should be on the table. </p> <p>The EU&#39;s geopolitical holiday is over.<a href="https://twitter.com/hashtag/NordStream2?src=hash&amp;ref_src=twsrc%5Etfw">#NordStream2</a> <a href="https://t.co/312hLg52Ux">https://t.co/312hLg52Ux</a></p> <p>&mdash; EPP Group (@EPPGroup) <a href="https://twitter.com/EPPGroup/status/1496084370775580679?ref_src=twsrc%5Etfw">February 22, 2022</a></p></blockquote> <p><script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script></p> <p>Se l&#8217;UE teme per la ripresa, a creare ancor più timori e incertezze ci pensa anche il gruppo del PPE in Parlamento europeo, che sembra chiamare alle armi. &#8220;<span class="VIiyi" lang="it"><span class="JLqJ4b ChMk0b" data-language-for-alternatives="it" data-language-to-translate-into="en" data-phrase-index="0" data-number-of-phrases="3"><strong>L&#8217;Ucraina non può vincere una guerra solo con le sanzioni europee</strong>&#8220;, la posizione espressa dalla principale forza politica dell&#8217;Eurocamera, per cui &#8220;l</span><span class="JLqJ4b ChMk0b" data-language-for-alternatives="it" data-language-to-translate-into="en" data-phrase-index="1" data-number-of-phrases="3">&#8216;<strong>intera portata del sostegno militare da parte della NATO e dei partner dell&#8217;UE dovrebbe essere sul tavolo</strong>.</span> <span class="JLqJ4b ChMk0b" data-language-for-alternatives="it" data-language-to-translate-into="en" data-phrase-index="2" data-number-of-phrases="3">La vacanza geopolitica dell&#8217;UE è finita&#8221;. Esternazione delicata che rende la delicatezza del momento.<br /> </span></span></p> <p>Il deterioramento della situazione in Ucraina sarà certamente al centro delle riunioni informali di Eurogruppo ed Ecofin di questo fine settimana (25 e 26 febbraio), visto che i primi punti all&#8217;ordine del giorno sono la discussione della situazione economiche e le prospettive. E le prospettive si fanno improvvisamente meno rosee.</p> </div>