Bruxelles – Avanti con il telelavoro, ma in ordine sparso. La Commissione europea “non..." />

Bruxelles – Avanti con il telelavoro, ma in ordine sparso. La Commissione europea “non..." />

Bruxelles – Avanti con il telelavoro, ma in ordine sparso. La Commissione europea “non...">

Telelavoro, la Commissione non intende armonizzare le regole

Telelavoro, la Commissione non intende armonizzare le regole
in collaborazione con Eunews

<div style="font-size: 17px"><p>Bruxelles &#8211; <strong>Avanti con il telelavoro, ma in ordine sparso</strong>. La Commissione europea &#8220;non intende armonizzare&#8221; le disposizioni che regolano il lavoro a distanza in tempi di pandemia, quindi ogni Stato membro dell&#8217;UE resterà libero di adottare i regimi di &#8216;smartworking&#8217; che più ritiene opportuni.</p> <p>&#8220;Le misure di sicurezza sanitaria introdotte a livello nazionale sono di competenza nazionale&#8221;, spiega <strong>Eric Mamer</strong>, capo del servizio del portavoce dell&#8217;esecutivo comunitario. &#8220;Spetta agli Stati membri&#8221;, secondo le regole, decide in merito. Perciò, a meno di un mandato chiaro da parte dei Ventisette, la Commissione europea non ha voce in capitolo. &#8220;<strong>Non è il ruolo della Commissione definire regole standard</strong>&#8220;. E&#8217; questo il motivo per cui Bruxelles non intende armonizzare i modelli in vigore.</p> <p>Il ricorso al lavoro a distanza è stata una delle principali misure adottate per far fronte alla pandemia di Coronavirus, al fine di evitare la paralisi completa del tessuto economico-produttivo. Le regole cambiano da Paese a Paese, all&#8217;interno dei quali il settore pubblico e il settore privato procedono comunque in modo differenziato. In questo quadro molto disomogeneo l&#8217;esecutivo comunitario ha introdotto le proprie regole, e <a href="https://www.eunews.it/2021/07/29/la-commissione-europea-sceglie-il-telelavoro-anche-nel-post-pandemia/155875" target="_blank" rel="noopener">ragiona alla possibilità di mantenerlo in vigore anche dopo la fine della pandemia</a>. <a href="https://www.eunews.it/2021/11/10/parola-ordine-telelavoro-bce/162167" target="_blank" rel="noopener">Anche la Banca centrale europea si è espressa a favore di questa modalità di svolgimento del lavoro</a>.</p> <p>La prospettiva che si profila all&#8217;orizzonte è una riscrittura della abitudini professionali. Per questo <a href="https://www.europarl.europa.eu/news/it/headlines/society/20210121STO96103/il-parlamento-europeo-vuole-garantire-il-diritto-alla-disconnessione-dal-lavoro" target="_blank" rel="noopener">il Parlamento europeo ha chiesto che si possano riconoscere nuovi diritti ai lavoratori lasciati operativi dalla propria abitazione</a>. Dunque il lavoro a distanza è destinare a restare anche dopo la fine dell&#8217;emergenza sanitaria, ma con regole variabili. A meno che gli Stati membri non decidano in altro modo, conferendo alla Commissione la possibilità, a oggi non prevista, di legiferare in materia.</p> </div>