Bruxelles – La Polonia provoca, l’Unione Europea risponde. Sono settimane di fuoco sul fronte del..." />

Bruxelles – La Polonia provoca, l’Unione Europea risponde. Sono settimane di fuoco sul fronte del..." />

Bruxelles – La Polonia provoca, l’Unione Europea risponde. Sono settimane di fuoco sul fronte del...">

Stato di diritto, ultimatum da Bruxelles alla Polonia: “Rispetti decisioni della Corte UE entro 16 agosto o sarà sanzionata”

Stato di diritto, ultimatum da Bruxelles alla Polonia: “Rispetti decisioni della Corte UE entro 16 agosto o sarà sanzionata”
in collaborazione con Eunews

<div style="font-size: 17px"><p>Bruxelles &#8211; La Polonia provoca, l&#8217;Unione Europea risponde. Sono settimane di fuoco sul fronte del rispetto dello Stato di diritto e la Commissione UE ha lanciato oggi (martedì 20 luglio) il suo ultimatum: <strong>se Varsavia non rispetterà le decisioni della Corte di Giustizia dell&#8217;Unione Europea entro il 16 agosto, dovrà affrontare sanzioni economiche</strong>.</p> <p>La decisione è stata adottata dal collegio dei commissari e comunicata in apertura della conferenza stampa di <a href="https://www.eunews.it/2021/07/20/stato-di-diritto-commissione-ue-sempre-piu-preoccupata-per-lindipendenza-giudiziaria-in-ungheria-e-polonia/155252" target="_blank" rel="noopener">presentazione del Rapporto 2021 sulla condizione dello Stato di diritto in Europa</a>. Il commissario per la Giustizia, <strong>Didier Reynders, ha firmato la lettera indirizzata alle autorità polacche</strong>, intimando il rispetto entro quattro settimane dell&#8217;ordinanza della Corte UE che mercoledì scorso (14 luglio) aveva riconosciuto la necessità di imporre misure provvisorie di sospensione delle competenze della sezione disciplinare della Corte suprema della Polonia.</p> <p><a href="https://www.eunews.it/2021/07/15/polonia-e-guerra-aperta-con-lue-sullo-stato-di-diritto-a-bruxelles-si-inizia-a-parlare-di-polexit/154885" target="_blank" rel="noopener">La decisione aveva provocato la dura replica della Corte costituzionale polacca</a>, con il respingimento del regolamento dell&#8217;Unione Europea che permette alla Corte UE di pronunciarsi su &#8220;sistemi, principi e procedure&#8221; delle corti nazionali. &#8220;Il regolamento non è in linea con la costituzione polacca&#8221;, aveva attaccato il giudice <b>Stanislaw Piotrowicz</b>. Durissima la reazione della vicepresidente della Commissione UE per i Valori e la trasparenza,<strong> Věra Jourová</strong>: quella dimostrata da Varsavia &#8220;<strong>è una mancanza di rispetto intollerabile nei confronti della Corte</strong>&#8220;, ma soprattutto &#8220;non si può prendere dall&#8217;UE ciò che si vuole e scartare ciò che non piace&#8221;.</p> <p>La seduta della Corte costituzionale della Polonia che deciderà sul rapporto tra Costituzione nazionale e legge europea è attesa per il prossimo 3 agosto. Ma dal gabinetto von der Leyen fanno sapere che se entro i successivi 13 giorni non arriverà una risposta positiva, &#8220;<strong>ci rivolgeremo alla Corte di Giustizia dell&#8217;UE per chiedere se è possibile imporre sanzioni economiche</strong>&#8220;. Il commissario Reynders ha insistito a più riprese sul &#8220;<strong>primato del diritto europeo sulle leggi nazionali</strong>&#8220;: l&#8217;Unione è &#8220;una comunità basata sulla legge, che deve avere la stessa applicazione in tutti i ventisette Paesi membri&#8221;.</p> <p>Anche la presidente della Commissione Europea ha minacciato Varsavia che l&#8217;esecutivo comunitario &#8220;<strong>non esiterà a fare uso dei suoi poteri</strong>&#8220;, se non sarà spiegato &#8220;come applicherà le misure ad interim e la decisione recente della Corte di Giustizia europea per salvaguardare l&#8217;indipendenza giudiziaria&#8221;, ha commentato su Twitter.</p> <blockquote class="twitter-tweet" data-width="500" data-dnt="true"> <p lang="en" dir="ltr">Today we sent a letter to Poland, asking Poland to explain how it applies the interim measures and recent ruling of the CJEU to safeguard judicial independence.<br />  <br />The <a href="https://twitter.com/EU_Commission?ref_src=twsrc%5Etfw">@EU_Commission</a> will not hesitate to make use of its powers under the Treaties.</p> <p>&mdash; Ursula von der Leyen (@vonderleyen) <a href="https://twitter.com/vonderleyen/status/1417480625892864001?ref_src=twsrc%5Etfw">July 20, 2021</a></p></blockquote> <p><script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script></p> </div>