Migranti, campo profughi di Moria a Lesbo devastato da un incendio. L’UE: “La loro sicurezza ora è la priorità”

Migranti, campo profughi di Moria a Lesbo devastato da un incendio. L’UE: “La loro sicurezza ora è la priorità”
in collaborazione con Eunews

Bruxelles – Sull’isola greca di Lesbo un vasto incendio ha devastato il campo profughi di Moria, il principale centro per migranti del Paese, dove vivono circa 13.000 persone. L’incendio è scoppiato nella notte tra martedì 8 e mercoledì 9 settembre, poco dopo la mezzanotte, e le operazioni di soccorso sono ancora in corso. Come fanno sapere i vigili del fuoco il campo è già stato parzialmente evacuato, mentre migliaia di migranti sono fuggiti. “Il fuoco si è diffuso all’interno e all’esterno del campo e lo ha distrutto. Ci sono più di 12.000 migranti sorvegliati dalla polizia su un’autostrada”, ha dichiarato alla radio Skai Stratos Kytelis, il sindaco della principale città dell’isola, Mitilene. Al momento non si registrano morti né feriti.

La situazione è aggravata dal fatto che nell’ultima settimana è scoppiato anche a Moria il contagio da Coronavirus: dopo che un residente somalo è risultato positivo il 2 settembre, il campo profughi era stato messo in quarantena. “Tra quelli che sono fuggiti, sicuramente ci saranno persone positive”, ha aggiunto il sindaco di Mitilene. Le prime ricostruzioni del quotidiano greco Kathimerini indicano che le fiamme sarebbero state appiccate da alcuni migranti in rivolta contro le regole di isolamento. La dinamica dei fatti è ancora tutta da ricostruire e le autorità non hanno confermato se si tratta di incendio doloso.

Il primo ministro Kyriakos Mitsotakis ha convocato una riunione di emergenza del Consiglio dei ministri. Il premier greco ha anche parlato con il vicepresidente della Commissione Europea, Margaritis Schinas, che lo ha rassicurato affermando che “la Commissione è pronta ad assistere direttamente la Grecia su tutti i livelli in questi tempi difficili”.

Gli ha fatto eco su Twitter la commissaria europea per gli Affari interni, Ylva Johansson: “Ho già accettato di finanziare il trasferimento immediato e l’alloggio sulla terraferma dei restanti 400 bambini e adolescenti non accompagnati. La sicurezza e il riparo di tutte le persone a Moria sono la priorità”. Dopo la devastazione del campo profughi, già posto sotto pressione dalle restrizioni sui contatti esterni dallo scoppio della pandemia e dalle condizioni di accoglienza delle migliaia di profughi, la commissaria ha espresso la sua vicinanza “alle persone dell’isola greca di Lesbo e in particolare ai migranti e al personale che lavora nel campo di Moria. Sono in contatto con il ministro greco e le autorità locali per l’incendio”.

2/2 …I have already agreed to finance the immediate transfer and accommodation on the mainland of the remaining 400 unaccompanied children and teenagers. The safety and shelter of all people in Moria is the priority.

— Ylva Johansson (@YlvaJohansson) September 9, 2020

Anche Medici Senza Frontiere, dal 1996 in Grecia per fornire assistenza medica e umanitaria ai richiedenti asilo, incalza sulla questione del trasferimento dei migranti in sistemazioni sicure: “Le persone a Moria vivono in condizioni disumane da anni”, ha dichiarato Marco Sandrone, capo progetto a Lesbo. “Abbiamo visto il fuoco diffondersi su Moria e infuriare tutta la notte. L’intero campo è stato avvolto dalle fiamme, provocando una fuga di massa delle persone senza direzione. Bambini spaventati e genitori sotto shock. Stiamo lavorando ora per rispondere ai loro bisogni”.

Il campo profughi di Moria si trova a nord-est di Mitilene, la capitale di Lesbo. Inizialmente concepito per sole 2.000 persone, negli ultimi anni è stato sommerso da un numero di migranti pari a più di sei volte la sua capienza massima. Nemmeno la costruzione di un altro sito sull’isola di Lesbo, il campo profughi di Kara Tepe, è bastata per accogliere tutti gli arrivi. Migliaia di migranti a Moria si trovano in una situazione di limbo, perché una volta arrivati a Lesbo vengono sì accolti nel campo profughi, ma da lì non possono andarsene fino a quando la loro richiesta di asilo non viene elaborata dalle autorità sulla terraferma. Un processo lento e che in un ristretto numero di casi porta all’accettazione della domanda. Da anni le organizzazioni non governative denunciano situazioni squallide e drammatiche nel campo più sovraffollato d’Europa.