Bruxelles – Francia e Germania, ma pure Francia e Italia. E quindi motore franco-tedesco allargato a tre, un..." />

Bruxelles – Francia e Germania, ma pure Francia e Italia. E quindi motore franco-tedesco allargato a tre, un..." />

Bruxelles – Francia e Germania, ma pure Francia e Italia. E quindi motore franco-tedesco allargato a tre, un...">

Macron invoca un motore italo-franco-tedesco dell’UE

Macron invoca un motore italo-franco-tedesco dell’UE
in collaborazione con Eunews

<div style="font-size: 17px"><p>Bruxelles &#8211; Francia e Germania, ma pure Francia e Italia. E quindi motore franco-tedesco allargato a tre, un nuovo cuore italo-franco-tedesco. <strong>Emmanuel Macron</strong> guarda all&#8217;Italia con rinnovato interessare politico, e vorrebbe aiutare lo Stivale a tornare protagonista in Europa. A patto che gli assetti non cambino troppo. A Parigi la Commissione europea compie la visita di rito, ogni volta che un nuovo Stato membro dell&#8217;UE assume la presidenza di turno del Consiglio dell&#8217;UE. Dopo le visite di rito, anche le conferenza stampa di rito. E&#8217; qui che il presidente francese dice chiaramente di voler contare sull&#8217;Italia, quella in stile Draghi e Mattarella.</p> <p>&#8220;Oggi <strong>siamo fortunati ad avere un presidente e un primo ministro italiani così coraggiosi, europeisti e amici della Francia</strong>&#8220;, scandisce Macron. Non fa i nomi di Draghi e Mattarella, perché certamente il secondo a breve uscirà di scena. Il mandato del presidente della Repubblica volge al termine, e <a href="https://www.eunews.it/2022/01/04/quirinale-parte-ufficialmente-la-corsa-il-presidente-della-camera-roberto-fico-convoca-i-grandi-elettori/165902" target="_blank" rel="noopener">il Parlamento inizierà a eleggere il suo successore dal 24 di questo mese, giorno di convocazione delle Camere</a>.&nbsp; Ma è chiaro che dalle parole del leader francese ci sono i presupposti per una &#8216;cabina di regia&#8217; a tre.</p> <p>Macron rivendica con forza il <a href="https://www.governo.it/sites/governo.it/files/Trattato_del_Quirinale.pdf" target="_blank" rel="noopener">Trattato del Quirinale</a>, che sancisce una rinnovata e rafforzata cooperazione tra Italia e Francia, e nel solco di questo ribadisce l&#8217;intenzione di voler lavorare al rilancio delle relazioni bilaterali per una nuova stagione europea. &#8220;L&#8217;amicizia che abbiamo con la Germania non leva niente all&#8217;amicizia con l&#8217;Italia&#8221;. Inoltre, continua il presidente francese, &#8220;l&#8217;amicizia con l&#8217;Italia rafforza il progetto europeo. <strong>Tutto ciò che è possibile a tre, è un bene per l&#8217;Europa</strong>&#8220;.</p> <p>Macron apre dunque ad un&#8217;Europa non più soltanto a trazione franco-tedesca, e propone una nuova Europa a trazione invece italo-franco-tedesca. A patto che gli assetti non cambino. Innanzitutto in Francia, dove i cittadini-elettori sono chiamati a eleggere il presidente ad aprile, e poi in Italia. Il riferimento non casuale dell&#8217;inquilino dell&#8217;Eliseo agli attuali capo di Stato e di governo italiani è un chiaro messaggio politico. Serve un&#8217;Italia che lavori nel solco di Draghi e Mattarella. &#8220;L&#8217;amicizia con la Germania non leva nulla all&#8217;amicizia con l&#8217;Italia. Tutto ciò che è possibile a tre, è un bene per l&#8217;Europa&#8221;. A patto che il Paese prosegua lungo le orme di Draghi e Mattarella</p> </div>