Roma – Anche il Consiglio superiore della magistratura italiano, sostiene la proposta di espulsione del

Roma – Anche il Consiglio superiore della magistratura italiano, sostiene la proposta di espulsione del

Roma – Anche il Consiglio superiore della magistratura italiano, sostiene la proposta di espulsione del

La magistratura polacca fuori dal Network europeo ENCJ: “Non c’è indipendenza dall’esecutivo”

La magistratura polacca fuori dal Network europeo ENCJ: “Non c’è indipendenza dall’esecutivo”
in collaborazione con Eunews

<div style="font-size: 17px"><p>Roma &#8211; Anche il Consiglio superiore della magistratura italiano, sostiene la proposta di espulsione del <strong>KRS polacco</strong> dalla “European Network of Councils for the Judiciary”. L’organizzazione europea che riunisce i consigli della magistratura, terrà l’assemblea generale straordinaria il 28 e 29 ottobre a <strong>Vilnius.</strong></p> <p>Nella capitale lituana verrà preso con tutta probabilità il provvedimento di censura a carico del Consiglio della magistratura della Polonia, già sottoscritto dalla maggioranza dei Paesi aderenti all’ENCJ.</p> <p><a href="https://www.encj.eu/node/603" target="_blank" rel="noopener">Secondo quanto proposto dall’esecutivo</a>, “il KRS non rispetta la norma statutaria secondo la quale un membro dovrebbe essere <strong>indipendente dal potere esecutivo e legislativo</strong>”. In sostanza l’organismo polacco “mette in pericolo l’applicazione del <strong>diritto dell’UE</strong> in merito all&#8217;indipendenza dei magistrati e dei tribunali, e quindi alla sua efficacia, agendo contro gli interessi dello spazio europeo di libertà, sicurezza e giustizia”.</p> <p>All’Assemblea generale straordinaria dell&#8217;ENCJ, il cui presidente è<strong> Filippo Donati, </strong>il CSM italiano sarà rappresentato anche dal vicepresidente <strong>David Ermini</strong> e dal consigliere laico <strong>Stefano Cavanna</strong>.</p> </div>