Tiscali.it
SEGUICI

I benefici della transizione verde sull’occupazione: quasi 5 milioni di nuovi lavoratori entro il 2050 nell’UE e Regno Unito

in collaborazione con Eunews   
I benefici della transizione verde sull’occupazione: quasi 5 milioni di nuovi lavoratori entro il...

<div style="font-size: 17px"><p>Bruxelles &#8211; Quasi 5 milioni di nuovi lavoratori, un raddoppio della domanda di lavoro nei settori europei dell&#8217;elettricità entro il 2050. È questo lo scenario tratteggiato dall&#8217;European Trade Union Institute (ETUI),&nbsp;il centro di ricerca e formazione indipendente della Confederazione sindacale europea, che ha analizzato l&#8217;<strong>impatto della transizione verde sull&#8217;economia del lavoro</strong> nell&#8217;UE e nel Regno Unito.</p> <p>Ne emerge che, se nei prossimi 30 anni si passasse a un&#8217;economia <strong>completamente basata sulle energie rinnovabili</strong>, si andrebbe a sostenere la creazione di posti di lavoro in maniera sostanziale: la domanda dei datori di lavoro del settore dell&#8217;elettricità e dei loro fornitori subirebbe <strong>un incremento del 127 per cento, aggiungendo un totale di 4.600.000 nuovi lavoratori</strong>.&nbsp;Secondo il <a href="https://www.etui.org/publications/employment-effects-renewable-energy-transition-electricity-sector" target="_blank" rel="noopener">nuovo studio</a> pubblicato dall&#8217;ETUI, questo aumento nell&#8217;economia del lavoro si dovrebbe verificare<strong> anche in assenza di misure politiche mirate</strong> <strong>per sostenere l&#8217;occupazione</strong> nella fase di adattamento alla transizione verde, <a href="https://www.

eunews.it/2021/07/14/fit-for-55-la-roadmap-della-commissione-per-decarbonizzare-leconomia-europea-von-der-leyen-emissioni-co2-devono-avere-un-prezzo/154776" target="_blank" rel="noopener">secondo le linee dettate da Bruxelles</a>.</p> <p>&#8220;Capire la distribuzione temporale degli effetti netti sull&#8217;occupazione [guadagni e perdite di posti di lavoro, ndr] aiuterà a progettare politiche del lavoro e dell&#8217;istruzione che siano guidate non solo dal clima ma anche da considerazioni sociali&#8221;, ha sottolineato <strong>Martin Černý</strong>, uno dei sette co-autori. Nello specifico, il bilancio sulla transizione verde deve essere tracciato tra le perdite di lavoro causate dalla <strong>ristrutturazione dell&#8217;industria energetica basata sui combustibili fossili</strong> e i guadagni determinati dai settori delle energie rinnovabili.</p> <p>Secondo lo scenario che considera la transizione al 100 per cento di energie rinnovabili entro il 2050, <strong>i Paesi membri UE che ne uscirebbero più rafforzati sarebbero Ungheria e Cipro</strong> (con un aumento dei posti di lavoro rispettivamente di oltre undici e dieci volte rispetto al 2015), seguiti da Lettonia (oltre sette volte), Lituania (quadruplicati) e Belgio (quasi triplicati). Solo la Romania vedrebbe una perdita di occupazione nei settori legati all&#8217;elettricità (-10 per cento).<span class="Apple-converted-space">&nbsp;</span>Secondo le proiezioni, l&#8217;impatto più positivo si dovrebbe riscontrare&nbsp;laddove<strong> attualmente sono presenti livelli &#8220;relativamente bassi&#8221; di diffusione delle energie rinnovabili</strong> (in altre parole dove il mix energetico è a prevalenza carbon-fossile). Per esempio, entro il 2050 a Cipro la maggior parte della produzione di elettricità dovrebbe essere prodotta attraverso&nbsp;eolico offshore e solare fotovoltaico residenziale, mentre in Ungheria con solare fotovoltaico, eolico e geotermico.</p> <p>Analizzando lo scenario globale,<strong> la transizione al 100 per cento rinnovabile avrebbe</strong> <strong>un impatto più positivo rispetto all&#8217;ipotesi dello scenario minimo</strong> di rispetto degli obiettivi climatici ed energetici vincolanti sanciti dall&#8217;accordo di Parigi del 2015: in quel caso, tutte le regioni del mondo perderebbero posti di lavoro entro il 2050, fatta eccezione per l&#8217;Africa (+12 per cento) e l&#8217;UE con il Regno Unito (+3). Al contrario, stando alla pubblicazione dell&#8217;ETUI, il continente che beneficerebbe di più di una drastica transizione verde sul piano dell&#8217;economia del lavoro sarebbe proprio l&#8217;Europa (+127 per cento di nuovi posti di lavoro), seguita a distanza da&nbsp;Australia (+77), Africa (+60), Asia (+58), America Latina (+57), Medio Oriente (+39) e Nord America (+23).</p> </div>.

in collaborazione con Eunews   
I più recenti
Zelensky al Parlamento UE: “Vogliamo sentire che sostenete la nostra adesione all’Unione”
Zelensky al Parlamento UE: “Vogliamo sentire che sostenete la nostra adesione all’Unione”
Il presidente ucraino Zelensky chiede l’adesione “immediata” di Kiev all’UE. L’Unione dovr...
Il presidente ucraino Zelensky chiede l’adesione “immediata” di Kiev all’UE. L’Unione dovr...
L’UE attacca la propaganda di Putin, chiuse Russia Today e Sputnik in Europa
L’UE attacca la propaganda di Putin, chiuse Russia Today e Sputnik in Europa
Il patto di stabilità potrebbe restare congelato anche nel 2023
Il patto di stabilità potrebbe restare congelato anche nel 2023
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...