Bruxelles – Quasi 5 milioni di nuovi lavoratori, un raddoppio della domanda di lavoro nei settori europei dell..." />

Bruxelles – Quasi 5 milioni di nuovi lavoratori, un raddoppio della domanda di lavoro nei settori europei dell..." />

Bruxelles – Quasi 5 milioni di nuovi lavoratori, un raddoppio della domanda di lavoro nei settori europei dell...">

I benefici della transizione verde sull’occupazione: quasi 5 milioni di nuovi lavoratori entro il 2050 nell’UE e Regno Unito

I benefici della transizione verde sull’occupazione: quasi 5 milioni di nuovi lavoratori entro il 2050 nell’UE e Regno Unito
in collaborazione con Eunews

<div style="font-size: 17px"><p>Bruxelles &#8211; Quasi 5 milioni di nuovi lavoratori, un raddoppio della domanda di lavoro nei settori europei dell&#8217;elettricità entro il 2050. È questo lo scenario tratteggiato dall&#8217;European Trade Union Institute (ETUI),&nbsp;il centro di ricerca e formazione indipendente della Confederazione sindacale europea, che ha analizzato l&#8217;<strong>impatto della transizione verde sull&#8217;economia del lavoro</strong> nell&#8217;UE e nel Regno Unito.</p> <p>Ne emerge che, se nei prossimi 30 anni si passasse a un&#8217;economia <strong>completamente basata sulle energie rinnovabili</strong>, si andrebbe a sostenere la creazione di posti di lavoro in maniera sostanziale: la domanda dei datori di lavoro del settore dell&#8217;elettricità e dei loro fornitori subirebbe <strong>un incremento del 127 per cento, aggiungendo un totale di 4.600.000 nuovi lavoratori</strong>.&nbsp;Secondo il <a href="https://www.etui.org/publications/employment-effects-renewable-energy-transition-electricity-sector" target="_blank" rel="noopener">nuovo studio</a> pubblicato dall&#8217;ETUI, questo aumento nell&#8217;economia del lavoro si dovrebbe verificare<strong> anche in assenza di misure politiche mirate</strong> <strong>per sostenere l&#8217;occupazione</strong> nella fase di adattamento alla transizione verde, <a href="https://www.eunews.it/2021/07/14/fit-for-55-la-roadmap-della-commissione-per-decarbonizzare-leconomia-europea-von-der-leyen-emissioni-co2-devono-avere-un-prezzo/154776" target="_blank" rel="noopener">secondo le linee dettate da Bruxelles</a>.</p> <p>&#8220;Capire la distribuzione temporale degli effetti netti sull&#8217;occupazione [guadagni e perdite di posti di lavoro, ndr] aiuterà a progettare politiche del lavoro e dell&#8217;istruzione che siano guidate non solo dal clima ma anche da considerazioni sociali&#8221;, ha sottolineato <strong>Martin Černý</strong>, uno dei sette co-autori. Nello specifico, il bilancio sulla transizione verde deve essere tracciato tra le perdite di lavoro causate dalla <strong>ristrutturazione dell&#8217;industria energetica basata sui combustibili fossili</strong> e i guadagni determinati dai settori delle energie rinnovabili.</p> <p>Secondo lo scenario che considera la transizione al 100 per cento di energie rinnovabili entro il 2050, <strong>i Paesi membri UE che ne uscirebbero più rafforzati sarebbero Ungheria e Cipro</strong> (con un aumento dei posti di lavoro rispettivamente di oltre undici e dieci volte rispetto al 2015), seguiti da Lettonia (oltre sette volte), Lituania (quadruplicati) e Belgio (quasi triplicati). Solo la Romania vedrebbe una perdita di occupazione nei settori legati all&#8217;elettricità (-10 per cento).<span class="Apple-converted-space">&nbsp;</span>Secondo le proiezioni, l&#8217;impatto più positivo si dovrebbe riscontrare&nbsp;laddove<strong> attualmente sono presenti livelli &#8220;relativamente bassi&#8221; di diffusione delle energie rinnovabili</strong> (in altre parole dove il mix energetico è a prevalenza carbon-fossile). Per esempio, entro il 2050 a Cipro la maggior parte della produzione di elettricità dovrebbe essere prodotta attraverso&nbsp;eolico offshore e solare fotovoltaico residenziale, mentre in Ungheria con solare fotovoltaico, eolico e geotermico.</p> <p>Analizzando lo scenario globale,<strong> la transizione al 100 per cento rinnovabile avrebbe</strong> <strong>un impatto più positivo rispetto all&#8217;ipotesi dello scenario minimo</strong> di rispetto degli obiettivi climatici ed energetici vincolanti sanciti dall&#8217;accordo di Parigi del 2015: in quel caso, tutte le regioni del mondo perderebbero posti di lavoro entro il 2050, fatta eccezione per l&#8217;Africa (+12 per cento) e l&#8217;UE con il Regno Unito (+3). Al contrario, stando alla pubblicazione dell&#8217;ETUI, il continente che beneficerebbe di più di una drastica transizione verde sul piano dell&#8217;economia del lavoro sarebbe proprio l&#8217;Europa (+127 per cento di nuovi posti di lavoro), seguita a distanza da&nbsp;Australia (+77), Africa (+60), Asia (+58), America Latina (+57), Medio Oriente (+39) e Nord America (+23).</p> </div>