Usa 2016: mercati in tilt con Trump in vantaggio su Clinton

Usa 2016: mercati in tilt con Trump in vantaggio su Clinton
di Askanews

New York, 9 nov. (askanews) - I future del Dow Jones cedono ben 500 punti (oltre il 2%), quelli dell'S&P 500 perdono il 3%; l'oro balza sopra la soglia psicologica dei 1.300 dollari l'oncia (+2,3%); il petrolio a Ny scivola del 3% a 43,62 dollari al barile e il Brent lascia sul terreno il 2,5% a 44,89 dollari al barile; il dollaro balza di oltre il 7% contro il peso messicano; i rendimenti dei titoli di stato americani - che si muovono inversamente ai prezzi - cadono all'1,7675% dopo avere finito la seduta di martedì 8 novembre all'1,867%. I mercati azionari asiatici sono oggetto di vendite con il Nikkei che lascia sul terreno il 2,2%. E' questa la reazione dei mercati al fatto che Donald Trump sia in vantaggio su Hillary Clinton, uno scenario non previsto dagli investitori che avevano scommesso sulla candidata democratica. Il candidato repubblicano conta fino ad ora 137 grandi elettori contro i 104 della rivale democratica.