Tiscali.it
SEGUICI

Unhcr lancia campagna su crisi climatica ed emergenza umanitaria

di Askanews   
Loading...
Codice da incorporare:

Roma, 28 apr. (askanews) - La crisi climatica è un'emergenza umanitaria. Il suo impatto è devastante in tutto il pianeta ma a pagare il prezzo maggiore sono soprattutto le persone vulnerabili, tra i quali i rifugiati e gli sfollati, che vivono in zone di conflitto e in Paesi fragili. Da un lato, a causa di fenomeni meteorologici estremi come inondazioni, tempeste e siccità, negli ultimi 10 anni abbiamo registrato una media di 21,5 milioni di nuovi sfollati all'anno, fra i quali 23,7 milioni soltanto nel 2021. Dall'altro lato, il cambiamento climatico è un moltiplicatore di altri fattori di rischio, fra cui in primis l'insicurezza alimentare. Con la campagna "La crisi climatica è un'emergenza umanitaria", a pochi giorni dalla Giornata Mondiale della Terra del 22 aprile, Unhcr lancia un allarme che mira a sensibilizzare l'opinione pubblica sugli effetti devastanti di questa crisi e a raccogliere fondi per aiutare decine di milioni di persone a rischio.Uno fra gli effetti più catastrofici della crisi climatica è l'aumento dell'insicurezza alimentare. Il cibo diventa sempre più inaccessibile per via della scarsità di acqua e dei terreni produttivi e del conseguente impatto sui raccolti e sulla produzione alimentare.

I prezzi dei beni alimentari tendono ad aumentare, rendendo estremamente difficile l'accesso al cibo per molte comunità impoverite o sfollate. A livello globale, nel 2021 circa 193 milioni di persone si trovavano in condizioni di grave insicurezza alimentare e necessitavano di assistenza urgente - un numero mai registrato prima - in 53 Paesi, con un aumento di quasi 40 milioni di persone rispetto al picco precedente raggiunto nel 2020. Per fare solo un paio di esempi, il Corno d'Africa - la regione africana che include Somalia, Etiopia, Kenia - sta vivendo la peggiore siccità da quattro decenni a questa parte. 23 milioni di persone in Etiopia, Kenya e Somalia sono in condizioni di grave insicurezza alimentare. In Afghanistan, altro Paese colpito da una grave siccità, quasi 19 milioni di persone vivono in una condizione di insicurezza alimentare."Stiamo creando un mondo in cui chi fugge dalla violenza è costretto a vivere in luoghi inabitabili per via del clima - spiega Chiara Cardoletti, Rappresentante dell'Unhcr per l'Italia, la Santa Sede e San Marino. E il paradosso è che i Paesi e le comunità meno responsabili del riscaldamento globale siano i più colpiti. L'aspetto forse più preoccupante è che con l'intensificarsi degli impatti della crisi climatica, il divario tra i bisogni umanitari e le risorse per rispondervi si sta si sta allargando"."Ogni giorno siamo testimoni di quanto la crisi climatica colpisca soprattutto esseri umani già stremati dagli effetti dei conflitti e dal trauma della fuga forzata - dichiara Laura Iucci, Direttrice della Raccolta Fondi Unhcr Italia. Sono bambini, donne e uomini che non hanno cibo a sufficienza e sono sempre più poveri per via dell'aumento del prezzo dei beni alimentari. È fondamentale - conclude Iucci - che ognuno di noi si senta chiamato in causa perché il sostegno di tutti, anche attraverso una piccola donazione, può cambiare la vita di migliaia di persone". Oltre il 70% dei rifugiati e degli sfollati del mondo proviene dai Paesi più vulnerabili al clima, tra cui Afghanistan, Repubblica Democratica del Congo, Siria e Yemen. Tutti possono fare la loro parte, sostenendo le persone più colpite e allo stesso tempo le meno responsabili di questa grave emergenza.Info canali donazione: Per sostenere il lavoro di Unhcr per contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici sulle popolazioni rifugiate e sfollate è possibile donare:- Attraverso questo link https://bit.ly/41ojAti - Bonifico bancario intestato a UNHCR IBAN: IT84R0100503231000000211000 Causale: Crisi climatica - Bollettino postale sul conto corrente postale intestato a UNHCR Numero: 298000. Causale: Crisi climatica.

di Askanews   
I più recenti
Pellegrini alla Mecca girano intorno alla Kaaba con gli ombrelli
Pellegrini alla Mecca girano intorno alla Kaaba con gli ombrelli
Usa, vasto incendio sui monti a nord di Los Angeles
Usa, vasto incendio sui monti a nord di Los Angeles
Messico: assassinato un neosindaco nello stato di Guerrero
Messico: assassinato un neosindaco nello stato di Guerrero
Israele: utilizzeremo tutti i mezzi per la sicurezza nel nord
Israele: utilizzeremo tutti i mezzi per la sicurezza nel nord
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...