Tiscali.it
SEGUICI

Israele stringe i tempi e lancia l'ultimatum ad Hamas: "Sette giorni per accettare la proposta, poi il via alle operazioni a Rafah”

L’Oms pronto al peggio: "Esiste un piano d’emergenza, ma non eviterà morti"

TiscaliNews   
Foto Ansa
Foto Ansa

Una settimana di tempo per fare l'accordo o l'Idf entrerà a Rafah, nel sud della Striscia. Israele stringe i tempi e lancia l'ultimatum ad Hamas: basta con l'altalena nelle trattative al Cairo, è ora di scegliere. Ma la fazione islamica non ci sta: il premier Benyamin Netanyahu, ha accusato un suo esponente, mira a far fallire le chance di tregua. Mentre al Cairo è arrivato il capo della Cia, William Burns, per spingere su un'intesa ancora in bilico.

Secondo il Wall Street Journal, che cita fonti egiziane, lo Stato ebraico ha "notificato" ad Hamas che se l'accordo per un cessate il fuoco e il rilascio degli ostaggi non verrà raggiunto entro sette giorni, l'esercito entrerà nella città più a sud di Gaza, a ridosso dell'Egitto, dove sono stipati oltre un milione di sfollati. Il membro dell'ufficio politico di Hamas, Hossam Badran, ha rintuzzato l'ultimatum di Israele spiegando che i suoi negoziatori stanno attualmente discutendo, a livello interno e con altri gruppi armati palestinesi, la proposta di tregua trasmessa alla fine di aprile, prima di tornare al Cairo, dove si svolgeranno i negoziati indiretti con Israele. Per questo, Netanyahu ha convocato per domenica il Gabinetto di guerra e, a seguire, quello di sicurezza, due momenti politici importanti per qualsiasi decisione. Anche quella del varo definitivo della legge che ferma le attività in Israele di Al Jazeera, emittente del Qatar.

L'ingresso israeliano a Rafah è fortemente osteggiato dagli Usa e dalla comunità internazionale. Non è un caso che il segretario di Stato Usa Antony Blinken, per evitare l'evenienza, abbia più volte in questi giorni spinto Hamas a siglare l'intesa. Anche il segretario dell'Onu Antonio Guterres oggi ha "implorato" Hamas e il governo israeliano "di raggiungere un accordo". "Senza questo - ha spiegato - le conseguenze della guerra sia a Gaza sia in tutta la regione peggioreranno in modo esponenziale".

Sulla leadership politica e militare israeliana pende poi sempre di più la possibilità che la Corte penale internazionale dell'Aja emetta mandati d'arresto per crimini di guerra. Il procuratore capo Karim Khan ha respinto i tentativi di "intimidire" la Corte dopo l'incontro on line di un gruppo di senatori bipartisan Usa con alti funzionari della Cpi in cui è stata espressa preoccupazione per i possibili mandati di arresto. Khan ha chiesto che "tutti i tentativi di ostacolare, intimidire o influenzare impropriamente i suoi funzionari cessino immediatamente". E ad inasprirsi sempre più è anche lo scontro tra Turchia e Israele, dopo la decisione di Ankara di tagliare completamente l'interscambio con lo Stato ebraico (che vale 9,5 miliardi di dollari). "Non potevamo stare a guardare.

La situazione è inaccettabile", ha denunciato il presidente turco Erdogan spiegando che la mossa è per costringere Israele a firmare la tregua. Poi ha accusato Netanyahu "di non avere una coscienza". "Erdogan, il dittatore che sogna di essere sultano - ha ribattuto il ministro degli Esteri a Gerusalemme Israel Katz - lavora al servizio di Hamas, viola gli accordi e vuole danneggiare Israele, ma in realtà danneggia i palestinesi che finge di aiutare. Lavoreremo - ha aggiunto - per ridurre ogni legame finanziario tra lui, l'Anp e Gaza".

Al 210/mo giorno di guerra, Israele continua nelle sue operazioni nel sud e nel nord di Gaza. Al Jazeera ha riferito di "unn attacco aereo notturno su una casa nel nord di Rafah che ha causato 7 vittime, di cui 4 bambini". Intanto si è saputo che due israeliani ritenuti finora ostaggi di Hamas sono stati invece uccisi il 7 ottobre nell'attacco della fazione islamica. Il primo è Dror Or, del kibbutz Beeri, il cui corpo è stato portato dai miliziani a Gaza. Il secondo è Elyakim Libman, identificato in Israele dopo una lunga e complessa indagine tecnico forense.

Oms: "Pronto piano di emergenza per Rafah ma non eviterà morti"

L'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) ha annunciato di aver elaborato un piano di emergenza da mettere in atto nel caso di un'operazione militare di terra israeliana a Rafah. ''Ma questo piano non eviterà altre morti'', ha precisato l'Oms. ''Naturalmente, stiamo elaborando piani di emergenza per garantire che il sistema sanitario sia preparato e possa continuare a fornire assistenza'', ha dichiarato il portavoce dell'Oms Richard Peeperkorn in una conferenza stampa a Ginevra.

''L'operazione militare porterà a una nuova ondata di sfollamenti, maggiore sovraffollamento, minore accesso al cibo, all’acqua e ai servizi igienico-sanitari'', ha aggiunto. L'Oms, ha sottolineato, è ''estremamente preoccupata'' che, a causa di una possibile operazione militare a Rafah, ''il valico venga chiuso''. E chiede che ''qualunque cosa accada resti aperto il valico'' di Rafah che è centrale per l'arrivo di aiuti umanitari per la popolazione palestinese.

 

 

 

TiscaliNews   
I più recenti
Grande frana in Papua Nuova Guinea, 'ci sono morti'
Grande frana in Papua Nuova Guinea, 'ci sono morti'
Mosca ammette la responsabilità dell'Isis nell'attacco a Crocus
Mosca ammette la responsabilità dell'Isis nell'attacco a Crocus
Spagna, crolla un ristorante a Maiorca: 4 morti e decine di feriti
Spagna, crolla un ristorante a Maiorca: 4 morti e decine di feriti
Taiwan: 4 navi cinesi sono entrate nelle nostre 'acque limitate'
Taiwan: 4 navi cinesi sono entrate nelle nostre 'acque limitate'
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...