Tiscali.it
SEGUICI

Nato: “L’Ucraina ha il diritto di difendersi. Via il divieto a Kiev contro obiettivi in Russia"

Lo riporta il settimanale The Economist, che ha intervistato Jens Stoltenberg, Segretario generale dell'Alleanza. . Il tema viene dibattuto anche negli Stati Uniti, dove il segretario di Stato Antony Blinken è in pressing per l'ok della Casa Bianca

TiscaliNews   
Jens Stoltenberg
Jens Stoltenberg (Foto Ansa)

"L'Ucraina deve essere libera di colpire obiettivi militari in Russia con le armi fornite dai partner occidentali". Jens Stoltenberg ha invitato gli alleati della Nato che forniscono armi al Kiev a porre fine al divieto di usarle per colpire obiettivi militari in Russia. Lo riporta il settimanale The Economist in un'intervita al Segretario generale dell'Alleanza, ampiamente rilanciata dai media ucraini. Il chiaro obiettivo di Stoltenberg, anche se mai nominato, è la politica del presidente statunitense Joe Biden - scrive l'Economist - di controllare ciò che l'Ucraina può e non può attaccare con i sistemi forniti dagli americani.

"L’Ucraina ha il diritto di difendersi"

L'Ucraina, in particolare, non può utilizzare i missili Atacms a lungo raggio, forniti dagli Usa, per colpire obiettivi in territorio russo. Il tema viene dibattuto anche negli Stati Uniti, dove il segretario di Stato Antony Blinken è in pressing per l'ok della Casa Bianca. "Questa è una guerra aggressiva della Russia contro l'Ucraina.

"Alcune restrizioni vanno eliminate"

"È giunto il momento che gli alleati considerino se eliminare alcune delle restrizioni che hanno posto sull'uso delle armi fornite all'Ucraina. Non parteciperemo direttamente dal territorio della Nato alle operazioni di combattimento" nei cieli "o sul territorio dell'Ucraina, soprattutto adesso che a Kharkiv, vicino al confine, ci sono molti combattimenti. L'Ucraina non ha la capacità di usare queste armi contro obiettivi militari legittimi sul territorio russo, è durissima difendersi in questo modo". Con le operazioni nella regione di Kharkiv, la Russia mira a creare una zona cuscinetto che costringa l'artiglieria ucraina a arretrare: in questo quadro, Kiev non può colpire territori controllati da Mosca. Con gli Atacms, che possono centrare obiettivi a 300 km, il quadro cambierebbe.

"La Nato non invierà truppe"

Stoltenberg ribadisce che l'invio di truppe Nato non è ipotizzato. "Il nostro obiettivo era duplice: sostenere l'Ucraina, come facciamo, ma anche garantire che il conflitto non si trasformi in una guerra su larga cala. Non saremo parte del conflitto", dice. Stoltenberg lancia quindi un messaggio alla Russia: gli attacchi informatici potrebbero far scattare l'articolo 5 se fossero di portata estremamente rilevante. Se la cyberoffensiva fosse "massiccia, potremmo invocare l'articolo 5 e rispondere non solo nel cyberspazio ma anche in altri ambiti per proteggere gli alleati della Nato".

Kharkiv: "Ucraina prepara contrattacco"

Le parole di Stoltenberg arrivano nel momento in cui l'Ucraina rivendica progressi nella regione di Kharkiv. Kiev afferma di aver "fermato" l'attacco russo nel nord dell'oblaste di aver avviato un contrattacco in quest'area nel nord del Paese. "Per quanto riguarda l'asse di Kharkiv, il nemico ha portato avanti dal 10 maggio un'operazione di offensiva nel tentativo di creare una zona cuscinetto nella regione", dice Ihor Prokhorenko dello Stato Maggiore delle Forze Armate ucraine. "La situazione è stabile, sotto controllo, le truppe russe sono state fermate" e, aggiunge citato da Rbc-Ukraine, "le forze di difesa ucraine pianificano e portano avanti operazioni di offensiva per ripristinare le posizioni perdute".

 

TiscaliNews   
I più recenti
Julian Assange arrivato in territorio americano
Julian Assange arrivato in territorio americano
Kenya, legge finanziaria: non si placa la protesta a Nairobi
Kenya, legge finanziaria: non si placa la protesta a Nairobi
Intesa sulle nomine Ue: sì a Von der Leyen, Costa e Kallas
Intesa sulle nomine Ue: sì a Von der Leyen, Costa e Kallas
Assange, la Fnsi: Festeggiamo, ma e' stato dato un segnale chiaro
Assange, la Fnsi: Festeggiamo, ma e' stato dato un segnale chiaro
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...