Ucraina, mistero sulle esplosioni in base russa in Crimea

Ucraina, mistero sulle esplosioni in base russa in Crimea
di Askanews

Milano, 9 ago. (askanews) - Una persona è morta, sei sono rimaste ferite dopo le esplosioni in Crimea. Lo ha reso noto colui che Mosca considera il capo della penisola ucraina annessa dalla Russia, Sergei Aksyonov, che ha alzato oggi il livello di "minaccia terroristica" sulla zona.Nel pomeriggio ci sono state segnalazioni di diverse esplosioni nella base aerea militare russa di Saki a Novofedorivka, nella penisola di Crimea.Il ministero della Difesa russo inizialmente ha affermato che non ci sono stati feriti e che non si trattava di un attacco, ma che munizioni sono state fatte esplodere nella base aerea. Questa la versione riportata anche da diverse agenzie di stampa russe.In seguito, l'agenzia di stampa russa Ria Novosti ha riferito che cinque persone erano state ricoverate in ospedale, compreso un bambino. Successivamente è stato detto che c'era un sesto ferito.Da notare che ci sono elicotteri russi, caccia e aerei della marina nella base aerea di Saki, secondo l'agenzia di stampa russa Tass. Noto è anche che molti attacchi sull'Ucraina di questi mesi sono partiti proprio dalla base di Saki.Successivamente il New York Times ha citato una fonte dell'esercito ucraino che afferma di essere dietro le esplosioni. Secondo tale fonte l'attacco alla base aerea è stato effettuato con armi di produzione esclusivamente ucraina. "Era una base aerea da cui gli aerei decollavano regolarmente per attacchi contro le nostre forze nel teatro delle operazioni meridionale", ha detto.Finora, le autorità ucraine non hanno commentato ufficialmente le esplosioni.La Russia ha annesso la penisola di Crimea nel 2014. La Repubblica di Crimea è stata incorporata come soggetto della Federazione Russa, ma non è riconosciuta a livello internazionale. Viene per questo considerata parte della linea rossa, ovvero quella linea oltre la quale il conflitto scatenato dalla Russia in Ucraina salirebbe di livello.Ma Mosca parla di "detonazione di diverse munizioni dell'aeronautica" che "ha provocato un'esplosione nel territorio dell'aeroporto di Saki a Novofedorovka" in Crimea e nega un "impatto". "Nessuno è rimasto ferito nell'esplosione. L'equipaggiamento aeronautico dell'aeroporto non è stato danneggiato", secondo il ministero della Difesa russo.Margarita Simonyan, una delle giornaliste più vicine a Vladimir Putin e direttore del media russo RT scrive su Telegram riferendosi a testimoni oculari che le esplosioni a Novofedorovka non sono avvenute dopo attacchi missilistici, ma quello che è successo è stato "un sabotaggio". "Sul posto, credono non siano lanci (di razzi), ma sabotaggi".